Scritto: Domenica, 28 Luglio 2013 15:04 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:11

La radiazione di un corpo nero: una forza attrattiva più forte attiva della gravità


Un corpo nero è un oggetto che, a livello teorico, assorbe tutta la luce incidente senza rifletterla.
Se portato ad alte temperature, inizierà ad emettere radiazione termica.

Sebbene le proprietà della radiazione di un corpo nero dipendono, quindi, dalla sua temperatura, tale radiazione è sempre stata ritenuta capace di un netto effetto repulsivo.
Ora, però, in nuovo studio, un team di scienziati ha dimostrato teoricamente che la radiazione di un corpo nero induce una seconda forza attrattiva su atomi e molecole vicine,sorprendentemente più forte di quella repulsiva.

Rate this item
(0 votes)

Forza attrattiva di un corpo nero

Credit: M. Sonnleitner, et al. ©2013 American Physical Society

Un corpo nero è un oggetto che, a livello teorico, assorbe tutta la luce incidente senza rifletterla.
Se portato ad alte temperature, inizierà ad emettere radiazione termica.

Sebbene le proprietà della radiazione di un corpo nero dipendono, quindi, dalla sua temperatura, tale radiazione è sempre stata ritenuta capace di un netto effetto repulsivo.
Ora, però, in nuovo studio, un team di scienziati ha dimostrato teoricamente che la radiazione di un corpo nero induce una seconda forza attrattiva su atomi e molecole vicine,sorprendentemente più forte di quella repulsiva.

Conseguentemente atomi e molecole possono esser attirate verso la superficie di un corpo nero da una forza anche superiore a quella di gravità.

Gli scienziati M. Sonnleitner dell'Università di Innsbruck e dell'Innsbruck Medical University in Austria, M. Ritsch-Marte dell'Innsbruck Medical University e H. Ritsch dell'Università di Innsbruck, hanno pubblicato il loro documento sulla rivista Physical Review Letters: DOI: 10.1103/PhysRevLett.111.023601

La "nuova" forza, chiamata forza del corpo nero è in realtà nota da oltre mezzo secolo: la radiazione di corpo nero sposta i livelli energetici atomici degli atomi e delle molecole vicine. E' l'effetto noto come "Stark shifts", con il quale atomi e molecole si spostano a livelli energetici inferiori, con un "salto" approssimativamente proporzionale alla quarta potenza della temperatura del corpo nero.
In poche parole, più il corpo nero è caldo e più grande è il cambiamento.

Tuttavia, benchè questo fosse un fenomeno noto, le ripercussioni dei cambiamenti energetici sono state trascurate fino ad oggi.

Nel nuovo studio, gli scienziati hanno dimostrato che i "Stark shift", indotti dalla radiazione di un corpo nero, si combinano generando una forza ottica attraente che riesce a prevalere sulla pressione repulsiva propria della radiazione del corpo nero.

Come spiegano gli scienziati, questa attrazione si verifica perché gli atomi e le molecole, il cui stato si è spostato a livelli di energia più bassi, sono attratti verso le regioni con maggiore intensità di radiazioni, in questo caso, i corpi neri.

I ricercatori hanno calcolato la resistenza della forza attrattiva, scoprendo che:
la forza decade con la terza potenza della distanza dal corpo nero;
la forza è più forte per oggetti più piccoli;
la forza è più forte per gli oggetti più caldi, fino ad un certo punto. Al di sopra di un qualche migliaio di gradi Kelvin, la forza cambia da attrazione a repulsione.

La scoperta della componente attrattiva della radiazione di corpo nero verso oggetti vicini potrebbe avere un grande significato per molti scenari astrofisici, come l'interazione tra il gas interstellare e grani di polvere.

Fonte: http://phys.org/news/2013-07-blackbody-stronger-gravity.html
Traduzione ed adattamento a cura di Elisabetta Bonora

Letto: 10546 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:11
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista