Scritto: Mercoledì, 20 Gennaio 2021 06:31 Ultima modifica: Mercoledì, 20 Gennaio 2021 07:29

Gli stati dell'acqua nei corpi extraterrestri


L'acqua non sempre si presenta nelle forme che conosciamo su altri corpi del Sistema Solare. Oltre allo stato gassoso, liquido o solido, può formare un diverso tipo di solido cristallino chiamato clatrato idrato.

Rate this item
(0 votes)
Gli stati dell'acqua nei corpi extraterrestri Crediti: 2021 Hideki Tanaka, Okayama Univ.

Questa particolare forma è simile al ghiaccio ma, in realtà, è costituita da piccole gabbie a base d'acqua in cui sono intrappolate molecole più piccole. Queste, a loro volta, sono essenziali per preservare la struttura cristallina del clatrato che, altrimenti, collasserebbe in semplice ghiaccio o acqua.

I clatrati idrati svolgono un ruolo cruciale nell'evoluzione delle atmosfere planetarie o satellitari: gas volatili, come il metano, vengono immagazzinati in questi cristalli e rilasciati lentamente su scale temporali geologiche.

Tuttavia, è necessaria un'enorme quantità di tempo affinché i clatrati idrati si formino e si dissocino a temperature criogeniche e questo rende complicato un qualunque esperimento sulla Terra.

In un recente studio pubblicato su The Planetary Science Journal, un team di scienziati ha affrontato il problema con una combinazione di dati teorici e sperimentali.

 

Lo studio

Lo scienziato-capo, il professor Hideki Tanaka dell'Università di Okayama, in Giappone, spiega: "Per molti anni, abbiamo sviluppato una rigorosa teoria della meccanica statistica per stimare e prevedere il comportamento dei clatrati idrati. In questo studio particolare, ci siamo concentrati sull'estensione di questa teoria all'intervallo di temperatura criogenico, fino al limite di 0 K".

Nel documento si legge: "[Qui] studiamo la stabilità termodinamica dei clatrati idrati a temperature criogeniche dal limite di 0 K a 200 K [-273,15 / -73,15 Celsius ] in un ampio intervallo di pressioni, coprendo le condizioni termodinamiche dello spazio interstellare e la superficie dell'idrosfera nei satelliti".
"I gas nobili, gli idrocarburi, l'azoto e l'ossigeno sono scelti come specie ospiti, perché sono componenti chiave dei volatili in tali satelliti. Esploriamo il confine a due fasi idrato / acqua di clatrati idrati in condizioni ricche di acqua e il confine a due fasi idrato / ospite in condizioni ricche di ospiti, uno dei quali si trova sulla superficie o nel sottosuolo dei satelliti ghiacciati".

Il team ha riadattato il modello di coesistenza acqua / idrato / ospite nei clatrati idrati proposto da van der Waals e Platteeuw nel 1959, per estenderlo alle condizioni criogeniche che si trovano al di fuori della Terra e confermare la sua validità sulla base dei dati termodinamici raccolti dalle sonde spaziali. Il modello di van der Waals e Platteeuw (VdWP) permette di prevedere le proprietà termodinamiche macroscopiche (quali temperatura, pressione, volume, ecc.) a partire da un’elaborazione statistica dei parametri microscopici che definiscono il sistema; di prevedere correttamente la struttura degli idrati al variare della dimensione delle molecole ospiti, nonché le condizioni termodinamiche di stabilità degli idrati con errori inferiori a 1 °C.

"I diagrammi di fase ottenuti indicano che i clatrati idrati possono essere in equilibrio con l'acqua o le specie ospiti in un ampio intervallo lontano dalla condizione di coesistenza trifase e che la zona di pressione stabile di ciascun clatrato idrato si espande in modo significativo con un raffreddamento intenso".

 

Il risultato

Utilizzando la nuova teoria estesa, il team ha analizzato gli stati dell'acqua sulla luna di Saturno Titano, sulle lune di Giove Europa e Ganimede e su Plutone. E la situazione appare molto diversa sui vari corpi ghiacciati: mentre Europa e Ganimede contengono solo classico ghiaccio a contatto con la sottile atmosfera, tutta l'acqua sulla superficie di Titano, e probabilmente anche su Plutone, è sotto forma di clatrati idrati.
"L'implicazione delle nostre scoperte per la forma stabile dell'acqua in Titano è che l'acqua sulla superficie esiste solo come clatrato idrato [in equilibrio] con l'atmosfera, fino ad una regione poco profonda della crosta; ma il clatrato idrato nella parte rimanente della crosta può coesistere con l'acqua ghiacciata [dell'oceano sotterraneo]. Ciò è in netto contrasto con le superfici di Europa e Ganimede, dove l'aria rarefatta convive esclusivamente con il ghiaccio puro".

Questa nuova ricerca permetterà di elaborare altre teorie e rivedere le attuali interpretazioni sulle forme stabili dell'acqua nello spazio esterno e sui corpi celesti, migliorando la comprensione dell'evoluzione delle atmosfere planetarie. Un altro pezzo del puzzle per conoscere meglio anche il nostro pianeta, il Sistema Solare e l'Universo.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 114 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 20 Gennaio 2021 07:29

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 24 febbraio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 24 Febbraio [Last upda...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 24 febbraio [Last upda...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 21 febbraio [updated on Fe...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 20/2/21 - Sol 793] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Hot! (aggiornato il 27/01/21). Le manovre del...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista