Scritto: Mercoledì, 29 Marzo 2017 10:29 Ultima modifica: Mercoledì, 29 Marzo 2017 20:23

Cinque nuove particelle da LHC


Scoperte al CERN da ricercatori italiani usando l'esperimento LHCb, aprono  nuove prospettive sullo studio di come i quark si legano a formare barioni.

Rate this item
(0 votes)
Il rivelatore LHCb per lo studio delle violazioni di simmetria CP Il rivelatore LHCb per lo studio delle violazioni di simmetria CP Credit : CERN / EP departement

  Un mese fa, mentre si annunciava  al mondo la scoperta del sistema planetario Trappist-1 con 7 pianeti terrestri di cui 3 potenzialmente abitabili, nell'acceleratore più grande del mondo veniva rivelato un nuovo "sistema di particelle" formato da ben 5 nuovi barioni (particelle subatomiche pesanti, composte da tre quark).

 La scoperta, alla quale hanno contribuito ricercatori dell'università di Bari, riguarda cinque "stati eccitati" del barione Ωc0, con masse comprese tra 3,00 e 3,12 GeV/c2; per confronto, il protone e il neutrone, che sono i barioni più leggeri e diffusi in natura, hanno masse intorno a 0,94 GeV/c2.

 I fisici di LHCb (un rivelatore "minore" di LHC, rispetto ai celebri Atlas e CMB che hanno scoperto il bosone di Higgs), hanno dapprima prodotto un gran numero di barioni di tipo Ξc+ (Xi charmed), costituiti dai quark c, s, u; questi successivamente decadevano in un protone p, un kaone K- e un pione π+.  Combinando i valori di massa dei candidati Ξc+ e dei mesoni K- presenti nello stesso evento, si è ottenuto il seguente "spettro" con cinque evidenti picchi che corrispondono alle masse delle cinque nuove particelle.

OmegaFig2

  Il barione Ωc0 (Omega charmed) è un partner massiccio del barione Ω-, una particella che ha giocato un ruolo molto importante nella storia della fisica delle particelle.

 Negli anni '50 venne scoperto un gran numero di particelle, inizialmente ritenute elementari. Per mettere ordine in questa lista crescente, furono fatti dei tentativi di classificazione analoghi alla tabella periodica degli elementi e lo schema di maggior successo si rivelò quello proposto dal fisico Gell-Mann. In essa, i mesoni e i barioni con spin 12 sono organizzati in "ottetti" mentre quelli a spin 32 formano un "decupletto", mostrato qui sotto.

decuplet

 Quando lo schema fu proposto, la partcella più in alto (Ω-, appunto) non era ancora stata scoperta ma solo ipotizzata per completare lo schema e molte sue proprietà vennero previste in modo corretto, inclusa la massa. Quando poi la Ω- venne realmente osservata in una celebre fotografia di una "camera a bolle" al laboratorio Brookhaven nel 1964 (figura qui sotto), la conferma dello schema indusse Gell-Mann a proporre l'esistenza dei quark nel 1964, così da da spiegare in modo semplice l'esistenza di ottetto e decupletto come combinazioni di queste nuove particelle. In particolare, Ω- risultava composto da 3 quark "strani" (strange), in breve sss; invece, Ωc0 contiene due quark strani e un quark "fascino" (charm), dunque una configurazione ssc.

805px Omega Baryon.svg

Diagramma schematico della prima osservazione di una particella Omega.

 Lo stato fondamentale di un sistema ssc, ovvero il barione Ωc0, era noto ai fisici già da qualche tempo. Invece i barioni appena scoperti costituiscono stati eccitati di quel sistema, in analogia con gli stati eccitati degli atomi, e la loro scoperta rinforza il ruolo eccezionale che questa famiglia di barioni gioca nella storia della fisica delle particelle. I tre nuovi stati eccitati hanno ricevuto i nomi Ωc(3000)0, Ωc(3050)0, Ωc(3066)0, Ωc(3090)0 and Ωc(3119)0, dove i numeri tra parentesi indicano le masse in MeV/c2.

 Adesso i ricercatori sono intenti a determinare meglio le proprietà delle nuove particelle e questo aiuterà a capire meglio come i tre quark si leghino all’interno di un barione, tramite gluoni. In futuro, si potrebbero scoprire anche degli stati multi–quark, come i tetraquark e i pentaquark. Per ora, il Cern lo ha definito come “un focolaio di nuovi ed eccezionali risultati di fisica”.

 

Riferimenti:
- http://lhcb-public.web.cern.ch/lhcb-public/Welcome.html#Omega_c
- https://www.wired.it/scienza/lab/2017/03/17/lhc-5-nuove-particelle/
-
http://ep-news.web.cern.ch/content/lhcb-upgrade

Altre informazioni su questo articolo

Read 1482 times Ultima modifica Mercoledì, 29 Marzo 2017 20:23
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Please enable the javascript to submit this form

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 21 Maggio.

Log: Missioni e Detriti

  • Tiangong-2 orbit
    Tiangong-2 orbit

    Evoluzione dell'orbita della seconda stazione spaziale cinese. Aggiornamento del 23/5 [Last update: 05/23]

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 23/5 [Last update: 05/23/19]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 17/5/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubbe Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 20/5 [Last update: 05/20/19].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 24/5 - Sol 173]

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 23/5/19).

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Maggio [updated on May,21]

HOT NEWS