Scritto: Mercoledì, 11 Gennaio 2017 08:01 Ultima modifica: Mercoledì, 11 Gennaio 2017 10:08

EmDrive: il motore impossibile forse è possibile


Finalmente, dopo mesi di speculazioni, a dicembre la NASA ha rilasciato un documento conclusivo sui test sull'EmDrive (Electromagnetic Drive), il motore a propulsione elettromagnetica che ci consentirebbe di arrivare su Marte in 70 giorni.

Rate this item
(0 votes)
EmDrive: il motore impossibile forse è possibile Crediti: NASA / AIAA

L'EmDrive, proposto per la prima volta nel 1999 dello scienziato britannico Roger Shawyer, è un sistema di propulsione unico che non usa i tradizionali propellenti.
Il suo punto di forza non è la velocità ma il peso perché non facendo uso di carburante, alleggerirebbe notevolmente i veicoli spaziali, soprattutto nei lunghi viaggi, permettendo di raggiungere agevolmente destinazioni lontane.

Utilizza energia elettromagnetica generata da fotoni nello spettro di frequenza delle microonde, saltellanti in una camera tronco-conica, per produrre una spinta senza espellere nulla e questo è un problema!
Sì, perché nel 1687, Isaac Newton pubblicò le tre leggi della dinamica alla base della meccanica classica e sembra che l'EmDrive violi la terza, conosciuta come principio di azione e reazione: "Per ogni forza che un corpo A esercita su di un altro corpo B, ne esiste istantaneamente un'altra uguale in modulo e direzione, ma opposta in verso, causata dal corpo B che agisce sul corpo A". I razzi tradizionali, ad esempio, rispettano questo assioma, espellendo propellente verso il basso per staccarsi da terra e salire verso l'alto ma nell'EmDrive i fotoni spingono in avanti il dispositivo senza che qualcosa fuoriesca dalla camera. Di conseguenza, in molti pensano che i risultati ottenuti siano in realtà causati da qualche errore sperimentale.

Nonostante le perplessità, sono tanti i gruppi di ricerca che da qualche anno conducono test sulla propulsione elettromagnetica.
Ora, uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Propulsion and Power dell’American Institute of Aeronautics and Astronautics (Aiaa) da un team dei laboratori Eagleworks presso il Johnson Space Center della NASA, conferma che l'EmDrive funziona, fornendo una spinta nel vuoto con un rapporto di potenza di 1,2 ± 0,1 millinewton per kilowatt di energia (tanto per fare un confronto, le vele solari, che sono ugualmente una tecnologia propulsiva senza carburante, generano una spinta tra i 3,33 ed i 6,67 micronewton per kilowatt).

La novità rispetto agli studi precedenti è che questo ha superato il processo di peer-review, cioè è stato validato da studiosi indipendenti e ciò se non altro garantisce la correttezza del metodo e dei risultati.

La squadra dell'Eagleworks non ha studiato il funzionamento del motore, che è ancora incompreso, ma ne ha analizzato l'effetto. Tuttavia, coinvolgendo la meccanica quantistica, una delle idee è che le microonde di fotoni spingano contro un "plasma virtuale" formato da coppie di particelle ed antiparticelle prodotte e riassorbite quasi istantaneamente dal vuoto quantistico, la cui esistenza è comunque tutta da dimostrare. Ma dall'altra parta, sono gli stessi autori che nella pubblicazione citano nove possibili fonti di errore negli esperimenti che ci riportano con i piedi per terra e ben lontani dal poter scrivere la parola “fine”.

A confondere ancora di più le carte in tavole, è arrivata la Cina che a dicembre 2016 ha annunciato di avere una versione funzionante del motore quasi pronta all'uso. Il prototipo sarebbe in orbita, sulla Tiangong-2, per una serie di test sul campo.

Non ci resta che aspettare ancora e vedere come va a finire!

Altre informazioni su questo articolo

Read 5856 times Ultima modifica Mercoledì, 11 Gennaio 2017 10:08
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Mi occupo di web, web marketing e comunicazio online e sono alla ricerca di nuove opportunità (visita il mio sito elisabettabonora.info!).
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Please enable the javascript to submit this form

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 26 Maggio.

Log: Missioni e Detriti

  • Tiangong-2 orbit
    Tiangong-2 orbit

    Evoluzione dell'orbita della seconda stazione spaziale cinese. Aggiornamento del 23/5 [Last update: 05/23]

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 23/5 [Last update: 05/23/19]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 17/5/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubbe Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 20/5 [Last update: 05/20/19].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 24/5 - Sol 173]

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 23/5/19).

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 26 Maggio [updated on May,26]

HOT NEWS