Scritto: Mercoledì, 18 Novembre 2015 05:45 Ultima modifica: Mercoledì, 18 Novembre 2015 06:50

Il JPL studia un "tricorder" per cercare segni di vita extraterrestre


Si chiama "Chemical Laptop". E' in fase di sviluppo al Jet Propulsion Laboratory della NASA e dovrete portarlo con voi se vi dovesse capitare di andare su un mondo alieno alla ricerca di vita extraterrestre.

Rate this item
(0 votes)
Chemical Laptop Chemical Laptop Credit: NASA/JPL-Caltech

E' una specie di tricorder, il famoso dispositivo multifunzione utilizzato nella saga di Star Trek, grazie al quale potrete sentirvi proprio come l'androide Data (Brent Spiner) nel film Generazioni quando, grazie al suo nuovo chip emozionale, canticchia felice:

I would be happy to, sir. I just *love* scanning for lifeforms!
Lifeforms! You tiny little lifeforms! You precious little lifeforms! Where are you?

"Il nostro dispositivo è un analizzatore chimico che può essere riprogrammato come un computer portatile per eseguire funzioni diverse", ha detto Fernanda Mora, che sta sviluppando lo strumento con Peter Willis, ricercatore principale del progetto al JPL.

A differenza del tricorder, però, il "Chemical Laptop" ha bisogno di ingerire dei campioni da analizzare:
"se questo strumento venisse inviato nello spazio, sarebbe il dispositivo più sensibile nel suo genere ad abbandonare la Terra e il primo ad essere in grado di cercare sia aminoacidi e acidi grassi", ha detto Jessica Creamer, ricercatrice al JPL. 

Aminoacidi - fonte: http://www.astronomia.com/2012/12/13/la-vita-preferisce-la-sinistra/Gli aminoacidi sono molecole organiche alla base delle proteine, mentre gli acidi grassi sono componenti chiave delle membrane cellulari. Entrambi sono essenziali per la vita ma si possono trovare anche in sua assenza: il "Chemical Laptop" sarà in grado di fare questa distinzione.

Gli aminoacidi esistono in forma speculare, proprio come le nostre mani: le molecole destre e sinistre, non sono sovrapponibili (questa proprietà viene chiamata "chiralità") ma contengono gli stessi componenti e, in teoria, dovrebbero lavorare nello stesso modo. Eppure, per qualche strana ragione, sembrerebbe che la vita sulla Terra preferisca essere "mancina" e si sia evoluta utilizzando aminoacidi sinistri. Su altri mondi potrebbe essere l'inverso.
"Se un test identifica una miscela di 50 su 50 aminoacidi destri e sinistri, potremmo concludere che probabilmente il campione non ha origine organica", ha detto Creamer. "Ma se dovessimo trovare un eccesso di destra o sinistra, allora sarebbe un prezioso biglietto da visita e la migliore prova di vita su altri pianeti".

Per quanto riguarda gli acidi grassi, invece, gli scienziati sono interessati a valutare la lunghezza della catena di atomi di carbonio che può fornire indicazioni sul tipo di organismo.

Lo scorso anno gli scienziati hanno effettuato il primo test fuori dei laboratori, collocando il laptop su un rover di prova:
"uno degli obiettivi finali è quello di mettere un rivelatore come questo su una navicella spaziale, o su un rover per Marte", ha detto Mora.
Da allora, il team ha lavorato per migliorare la sensibilità dello strumento che adesso è il grado di rilevare parti per trilione.
Prossima tappa, un test nel deserto dell'Atacama in Cile:
"questo potrebbe essere anche un dispositivo particolarmente utile per i mondi ghiacciati, come Encelado e Europa. Tutto quello di cui avrebbe bisogno è di fondere un po' di ghiaccio per fare analisi dirette", ha concluso Creamer.

 

Press release:
- http://www.jpl.nasa.gov/news/news.php?feature=4765

Altre informazioni su questo articolo

Read 1744 times Ultima modifica Mercoledì, 18 Novembre 2015 06:50
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/10 - Sol 679] - Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista