Scritto: Venerdì, 21 Agosto 2015 14:56 Ultima modifica: Venerdì, 21 Agosto 2015 18:51

Realizzato un "wormhole" magnetico


Realizzato in laboratorio un dispositivo basato su superconduttori, in grado di trasferire un campo magnetico facendolo sparire e riapparire a distanza.

Rate this item
(0 votes)
andamento dei campi magnetici nel dispositivo (non visualizzato a destra) andamento dei campi magnetici nel dispositivo (non visualizzato a destra) Credit: Jordi Prat-Camps / Universitat Autònoma de Barcelona

 I "wormholes" (o "ponti di Einstein-Rosen") sono affascinanti oggetti relativistici, per ora del tutto ipotetici, che potrebbero collegare regioni lontane dello spazio-tempo, realizzando di fatto le più ardite idee fantascientifiche sui viaggi interstellari e attraverso il tempo. Per costruirne uno, tuttavia, sarebbe probabilmente necessaria una "Materia Strana" con densità di energia negativa, la cui esistenza è quantomeno dubbia.

 Perciò, almeno sulla base delle conoscenze e delle tecnologie attuali, la costruzione di un wormhole in laboratorio sembra un compito impossibile. Un articolo apparso su Nature, però, mostra che  un oggetto per certi versi simile, almeno dal punto di vista dei campi magnetici statici, può essere facilmente costruito e potrebbe avere anche utili applicazioni, ad esempio in campo medico.

 L' idea prende spunto da una proposta fatta alcuni anni fa da un gruppo capeggiato dal fisico teorico Greenleaf per costruire un "wormhole" per le onde elettromagnetiche. Basato sui metamateriali aventi indice di rifrazione negativo, potrebbe consentire la propagazione delle onde elettromagnetiche tra due punti nello spazio attraverso un tunnel invisibile. Tuttavia, sebbene i metamateriali abbiano permesso un controllo senza precedenti delle onde elettromagnetiche, ralizzando "mantelli invisibili" e "buchi neri" ottici (non gravitazionali), la realizzazione concreta di un tunnel spaziale elettromagnetico non è stato possibile finora.

media fig2 492242ddfcc0dde62f9573e254f623277

 La nuova ricerca, invece, dimostra sperimentalmente che è possibile costruire un wormhole magnetostatico. Per fare questo, gli autori hanno utilizzato il dispositivo mostrato nella figura qui sopra. Un cilindro (d) "conduttore" interno, realizzato con un mu-metal (un materiale ferromagnetico altamente permeabile ai campi magnetici, impiegato per la schermatura dei dispositivi elettronici), circondato da un doppio guscio sferico in cui lo strato interno (c) è costituito da un materiale superconduttore ad alta temperatura (ossido di rame, ittrio e bario) che devia il campo magnetico, mentre il guscio esterno (b) è realizzato con un altro mu-metal, diviso in 150 pezzi tagliati e posizionati in modo tale da cancellare perfettamente la curvatura del campo magnetico. L'intero dispositivo (a) è posto in un bagno di azoto liquido, per poter lavorare al di sotto della temperatura critica in regime di superconduttività.

 Le misure sperimentali confermano che il wormhole trasferisce il campo magnetico da un capo all'altro del dispositivo attraverso un percorso che è non magneticamente rilevabile. Il campo magnetico da una fonte ad una estremità del tunnel appare all'altra estremità come un campo magnetico monopolare isolato, creando l'illusione di un "monopolo magnetico". "Da un punto di vista magnetico il dispositivo si comporta come un tunnel spaziale, come se il campo magnetico fosse trasferito attraverso una dimensione speciale" ha aggiunto Jordi Prat-Camps, candidato al dottorato in fisica presso la Universitat Autònoma de Barcelona e co-autore dell'articolo.

 

Riferimenti:
- http://www.nature.com/articles/srep12488#ref9
- http://www.tomshw.it/news/creato-in-laboratorio-un-wormhole-che-sposta-campi-magnetici-69325

Altre informazioni su questo articolo

Read 3151 times Ultima modifica Venerdì, 21 Agosto 2015 18:51
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 26 ottobre [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/10 - Sol 679] - Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista