Scritto: Venerdì, 26 Giugno 2015 13:18 Ultima modifica: Venerdì, 26 Giugno 2015 16:26

Stelle cadenti su richiesta


Perché limitarsi ai fuochi di artificio quando si potrebbero avere delle stelle cadenti su richiesta? In Giappone c'è chi si sta adoperando per trasformare la fantasia in realtà.

Rate this item
(0 votes)
Stelle cadenti su richiesta Credit & Copyright: Jeff Dai (http://apod.nasa.gov/apod/ap131213.html)

Lena Okajima, astronomo, sta realizzando il bizzarro progetto con la sua azienda, ALE: l'idea è quella di lanciare in orbita un micro satellitare in grado di rilasciare stelle cadenti al momento giusto e al posto giusto.
Secondo il team, dal gradevole spettacolo si potrebbe trarre anche un certo beneficio scientifico perché le meteore artificiali potrebbero aiutare a comprendere meglio l'atmosfera terrestre.

La squadra si sta ora coordinando con diverse università giapponesi per sviluppare il satellite, un cubo da 50 centimetri che orbiterà a 400-500 chilometri di quota, in grado di espellere decine di "palline meteoriche" di pochi centimetri di diametro. Queste sfere, la cui formula chimica è un segreto (e speriamo non inquini! N.d.R.), viaggeranno nell'atmosfera a circa 7/8 chilometri al secondo fino a diventare incandescenti, una velocità in realtà molto più bassa rispetto a quella raggiunta dalle vere meteore che possono sfrecciare anche a 80 chilometri al secondo. Il giusto mix chimico dovrebbe garantire poi una certa varietà cromatica, mentre ogni stella cadente brillerà giusto per alcuni secondi.

E si organizzasse un grande evento e fosse nuvolo?
Niente paura, dice Okajima, i lanci possono essere programmati anche con 100 minuti di anticipo, per cui ci sarebbe tutto il tempo di spostarsi un po' più in là, dove il cielo è sereno.

Quasi quasi.... per il prossimo compleanno... mmm sì ma quanto mi costa?
Certo, non sarà a buon mercato: ogni stella cadente costerebbe circa un milione di yen (8.000 euro) che, moltiplicati per decine di meteore... (forse dovrò rinunciarci!)

D'altra parte, il progetto è piuttosto dispendioso perché il satellite resterebbe in orbita solo pochi mesi prima di rientrare in atmosfera e bruciare in un tripudio di effetti speciali. Ma non c'è alternativa, spiega Okajima, perché le meteore dovranno bruciare a 60 chilometri di altezza, troppo in alto per i palloni sonda e troppo in basso per i veicoli spaziali.

"Crediamo che ci siano persone disposte a mettere da parte i soldi per sostenere una prima mondiale dell'evento, che sarebbe significativo anche da un punto di vista scientifico", ha dichiarato Okajima.

Letto: 6778 volta/e Ultima modifica Venerdì, 26 Giugno 2015 16:26
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Comment Link Marco Di Lorenzo (DILO) Domenica, 28 Giugno 2015 11:33 posted by Marco Di Lorenzo (DILO)

    Personalmente trovo l'idea un pò folle... in ogni caso, quando dice che i palloni sonda non vanno bene perchè non vanno abbastanza in alto, il simpatico astronomo giapponese dimentica che l'ingrediente principale per fare una meteora è l'elevata velocità, o meglio la sua energia cinetica da convertire in altre forme più "spettacolari" per attrito con l'alta amosfera! Cadendo da un pallone stratosferico verrebbe subito frenata senza creare nessun effetto visibile, a meno di non accelerarla con un fantascientifico cannone maglev!

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 19 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista