Scritto: Martedì, 19 Maggio 2015 06:35 Ultima modifica: Martedì, 19 Maggio 2015 07:04

La spettroscopia Raman per cercare la vita su Marte


Per secoli Marte è stato uno dei pianeti più vicini a noi nell'immaginario popolare. La fantascienza lo ha disegnato come un mondo abitato da invasori della Terra o come avamposto di colonie umane ma quando le sonde ed i rover hanno iniziato a guardarlo da vicino, non hanno rilevato alcuna traccia concreta di vita. Anzi, negli ultimi 30 anni o poco più, a partire dalle sonde Viking, il dibattito se Marte sia o no un pianeta morto è continuato incessantemente senza alcuna prova schiacciante né in un senso, né nell'altro.

Rate this item
(0 votes)
Mars by ESA Rosetta - OSIRIS NAC - February 2007 Mars by ESA Rosetta - OSIRIS NAC - February 2007 Credit: "ESA / MPS / UPD / LAM / IAA / RSSD / INTA / UPM / DASP / IDA " processing by 2di7 & titanio44

Eppure le missioni NASA ed ESA hanno trovato testimonianze di ambienti abitabili passati e dell'acqua che una volta scorreva sulla sua superficie.

"Ci sono state un'enorme quantità di prove molto interessanti che su Marte scorreva acqua nel passato, a basso contenuto salino e un pH praticamente neutro, tipo l'acqua che si trova sulla Terra", ha detto Alison Olcott Marshall, assistente di geologia presso l'Università del Kansas.
"Ciò ha fatto pensare che la vita possa essere esistita su Marte, anche se la maggior parte dei ricercatori ritiene che sia improbabile che esista ancora oggi, almeno in superficie, dove le condizioni sono incredibilmente dure".

Alison, perciò, sta lavorando con su marito, Craig Marshall, professore di geologia sempre presso l'Università del Kansas, per migliorare il modo di rilevare condensati di carbonio aromatico, ritenuto la firma chimica della vita da ogni astrobiologo.

Craig Marshall è un esperto di spettroscopia Raman nell'identificazione dei materiali carboniosi, mentre Alison è una paleontologa che studia come la vita passata si è conservata sulla Terra.
I due vogliono trovare le stesse prove conclusive che siamo abituati ad ottenere sul nostro pianeta, anche per Marte.

Secondo un recente documento pubblicato da Marshalls, di per sé la spettroscopia Raman è in grado di selezionare il materiale carbonioso ma non può determinarne l'origine. Per questo motivo, la tecnologia dovrebbe essere integrata con altri metodi.
"La spettroscopia Raman utilizza un laser per agitare le molecole all'interno di un campione e farle vibrare a certe frequenze. Misurare quelle frequenze permette l'identificazione di materiali organici ed inorganici. Ciò è tuttavia insufficiente dato che il materiale carbonioso ha la stessa struttura e la stessa chimica indipendentemente dalla sua origine", ha spiegato Marshall.

I due suggeriscono che, a questo punto, potrebbe essere di aiuto la gascromatografia.
D'altra parte, i loro studi potranno essere utili nel prossimo futuro perché lo Scanning Habitable Environments with Raman & Luminescence for Organics and Chemicals (SHERLOC) è uno degli strumenti annunciato dalla NASA nel playload del rover Mars 2020. SHERLOC sarà il primo spettrometro UV Raman ad atterrare sulla superficie di Marte.

Attualmente i ricercatori stanno provando questa tecnica combinata su rocce terrestri molto simili a quelle di Marte, sperando di pubblicare presto i loro risultati.
"Se si dovesse analizzare un sasso tipico su Marte si avrebbe un risultato del tutto diverso, chimicamente, rispetto ad una roccia tipica terrestre, per non parlare del fatto che sarebbe coperto di polvere arrugginita", ha spiegato Alison. "Precedenti ricerche sul modo in cui la spettroscopia Raman se la sarebbe cavata su Marte, si erano basate principalmente su sali e minerali puri, spesso sintetizzati in laboratorio. Ma adesso abbiamo identificato alcuni campi sul confine Kansas - Oklahoma con un contenuto chimico molto simile a quello che potrebbe essere trovato su Marte, compreso di polvere arrugginita ed esploreremo la spettroscopia Raman in questo ambiente".

In apertura, una nostra elaborazione delle foto della fotocamera di OSIRIS della sonda dell'ESA Rosetta, scattata durante il flyby del 2007 e disponibile in dimensione intera sul nostro album di Flickr.

Read 2920 times Ultima modifica Martedì, 19 Maggio 2015 07:04
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista