Displaying items by tag: cratere gale

I picchi di metano atmosferico inequivocabilmente identificati da Curiosity all'interno del cratere Gale, non sono bastati a far cessare il dibattito ed ancora ci si chiede se Marte sia o non sia in grado di produrre questo gas in qualche modo.

Published in MSL - Curiosity
Mercoledì, 06 Maggio 2015 17:48

Un tramonto dal cratere Gale

Aspettavo da tempo il rilascio di questi scatti del rover della NASA Curiosity, ripresi durante il sol 956 (15 aprile 2015).
Le immagini, fino ad oggi pubblicate solo in versione miniatura, anticipavano un gradevole tramonto osservato dal cratere Gale.

Published in MSL - Curiosity

3.500 milioni di anni fa il cratere Gale su Marte era coperto da ghiacciai, soprattutto sul tumulo centrale, il Monte Sharp, alto 5,5 chilometri, meta della missione del rover della NASA Curiosity, che ha festeggiato un anno marziano, 687 giorni terrestri, proprio questa settimana, il 24 giugno.

Acqua liquida e fredda scorreva attraverso fiumi e ruscelli, raggiungendo i laghi nelle zone più basse, formando paesaggi simili a quelli che possiamo trovare in Islanda o Alaska.

Published in MRO - HiRISE

Mentre il rover della NASA Curiosity sta affrontando il percorso di 8,6 chilometri in direzione del Monte Sharp, gli scienziati hanno presentato gli ultimi risultati in occasione American Geophysical Union (AGU 2013) a San Francisco: in poco pù di un anno di missione Curiosity è riuscito a trovare le testimonianze sul passato abitabile di Marte e a scoprire indizi sulla storia del pianeta.

Published in MSL - Curiosity
Lunedì, 02 Dicembre 2013 06:53

Quei fori sulle ruote di Curiosity...

Ad oggi, Curiosity rappresenta sicuramente il rover più avanzato arrivato su Marte.
Tuttavia, ultimamente qualche dettaglio lascia un po' perplessi: stiamo parlando degli squarci apparsi sulle ruote nel mese di ottobre.

Published in Approfondimenti

Avevamo lasciato Curiosity, circa un mese fa, in arrivo a Waypoint 2, ossia al secondo punto di interesse selezionato dal team di missione sulla strada per il monte Sharp.

Giunto sul posto il rover ha focalizzato la sua attenzione in una zona chiamata Cooperstown, una sorta di scarpata che a me personalmente ricorda molto Yellowknife Bay, la zona dove Curiosity ha trascorso il Natale 2012 trovando un ambiente passato favorevole alla vita.

Published in MSL - Curiosity
Domenica, 27 Ottobre 2013 07:26

NASA Curiosity: in arrivo a Waypoint 2

Avevamo lasciato il rover della NASA Curiosity al sol 401 (22 settembre), quando era appena ripartito dal primo target scientifico, Waypoint 1, individuato dal team di missione lungo il percorso di 8,6 chilometri verso il Monte Sharp.

Nonostante il mese di ottobre non sia iniziato nel modo migliore per gli Stati Uniti a causa dello shutdown che ha interrotto gran parte delle attività del governo federale e bloccato la maggior parte dei canali informativi della NASA, Curiosity ha continuato la sua missione.

Published in MSL - Curiosity

Ormai da diversi anni elaboriamo per hobby le immagini delle sonde e dei rover attivi nel nostro Sistema Solare. Molto del nostro lavoro è concentrato su Marte.
A volte ci rendiamo conto di riuscire a percepire alcuni dettagli ancor prima di enfatizzarli.
Può sembrare un fatto curioso ma è come se i nostri occhi avessero acquistato una sensibilità in perfetta sincronia con l'ambiente extraterrestre.

Published in MSL - Curiosity

Tra riprese panoramiche e rocce in primo piano, il rover della NASA Curiosity esegue la periodica attività di taratura e verifica delle sue fotocamere.

Published in Approfondimenti

L'antica superficie di Marte potrebbe esser stata ripetutamente scossa da supervulcani giganti che avrebbero scatenato colossali ed esplosive eruzioni in grado di cambiare per sempre il volto del pianeta.

Esaminando un'antica zona di Marte, Arabia Terra, gli scienziati hanno scoperto quelli che potrebbero essere i resti di un supervulcano, ossia di un vulcano in grado di produrre fino a 1000 chilometri cubi di materiale durante la sua attività

Published in Spazio & Astronomia

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 29 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 30 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS