Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega. Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno". Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!
Elisabetta Bonora'S Latest stories
Creidit: NASA, ESA, Leah Hustak (STScI)
Questa immagine mostra l'asteroide Dinkinesh e il suo satellite visti dal Lucy Long-Range Reconnaissance Imager (L'LORRI) mentre la navicella spaziale Lucy della NASA lasciava il sistema. È stata scattata alle 17:00 UTC dell'1 novembre 2023 da una distanza di 1.630 chilometri. Crediti: NASA/Goddard/SwRI/Johns Hopkins APL - Processing: Elisabetta Bonora
Una vista di Venere in falsi colori ripresa dalla sonda giapponese Akatsuki il 30 marzo 2018. Crediti: JAXA
Il diagramma mostra l'orbita di C/2014 S3 (PANSTARRS), il primo oggetto scoperto che si trova su un'orbita cometaria di lungo periodo ma che ha le caratteristiche di un pianeta incontaminato.. Crediti: ESO/L. Calçada
Crediti: ESA/Euclid/Euclid Consortium/NASA, image processing by J.-C. Cuillandre (CEA Paris-Saclay), G. Anselmi, CC BY-SA 3.0 IGO
Rappresentazione artistica di Kepler-385, il sistema di sette pianeti rivelato in un nuovo catalogo di pianeti candidati scoperti dal telescopio spaziale Kepler della NASA. Crediti: telescopio spaziale Kepler della NASA. NASA/Daniel Rutter
Ganymede JUNO JunoCam perijiove 34 (https://flic.kr/p/2m4z1DN). Crediti: NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today
Un confronto delle dimensioni di Dinkinesh (mostrato in blu) e degli altri oggetti principali della cintura di asteroidi Bennu e (2867) Steins. Crediti: NASA/Goddard/Università dell'Arizona
L’analisi dei dati sismici marziani registrati dalla missione InSight ha rivelato che il nucleo di ferro liquido di Marte è circondato da uno strato di silicato fuso spesso 150 km, di conseguenza il suo nucleo è più piccolo e più denso di quanto proposto in precedenza. Crediti: Thibaut Roger, NCCR Planet S / ETH Zurigo
A sinistra: l'astronauta dell'Apollo 17 Harrison Schmitt, coperto di polvere lunare. Crediti: NASA. A destra: un granello di zircone lunare al microscopio. Foto per gentile concessione di Jennika Greer.

Alive Universe è un blog di divulgazione scientifica.
Owner e Manager: Elisabetta Bonora