Giovedì 23 Novembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami
Altri aggiornamenti su 1I/`Oumuamua
 Continuano a giungere numerose conferme e qualche novità sul colore, la curva di luce, la traiettoria e la possibile stella progenitrice di questo visitatore interstellare... Leggi tutto
Nuovo cargo Cygnus raggiunge la ISS
Alle 05:04 a.m. EST (le 11:04 italiane) del 14 novembre scorso, l'astronauta italiano dell'ESA, Paolo Nespoli, Ingegnere di Volo di Spedizione 53 a bordo della Stazione Spaziale Internazionale... Leggi tutto
LIGO osserva il quinto black-hole merging
A Giugno le due antenne LIGO hanno rivelato un'altra fusione tra due buchi neri, i meno massicci osservati finora. E la fortuna ha giocato un ruolo importante. Leggi tutto
E se ‘Oumuamua fosse un frammento di Materia Oscura?
L'ipotesi è ardita ma spiegherebbe perchè non riusciamo a vedere le ipotetiche particelle WIMPs, aprendo però molti altri interrogativi. Intanto le nuove curve di luce suggeriscono un periodo di... Leggi tutto
La missione Cassini è finita ma continuano le scoperte nel sistema di...
La missione Cassini è terminata da quasi due mesi ormai ma gli scienziati si stanno ancora districando tra l'enorme mole di dati restituita dalla sonda. Leggi tutto
prev
next

I dati e le immagini di ESA Rosetta: come e perché

Dopo l'emozionante ed accidentale pubblicazione delle immagini della cometa 67P scattate della sonda dell'ESA Rosetta, anticipate ieri sul sito CNES, il pubblico della rete ha iniziato a chiedere a gran voce un rilascio più veloce di informazioni.

Rosetta è in questo momento una delle missioni più coinvolgenti per scienziati, appassionati e curiosi: il suo lungo viaggio e la sua prossima impresa, insieme a quella del lander Philae, stanno per scrivere almeno qualche pagina nella storia delle missioni spaziali.

ESA Rosetta

Credit ESA, C. Carreau/ATG medialab

Dopo l'emozionante ed accidentale pubblicazione delle immagini della cometa 67P scattate della sonda dell'ESA Rosettaanticipate ieri sul sito CNES, il pubblico della rete ha iniziato a chiedere a gran voce un rilascio più veloce di informazioni.

Rosetta è in questo momento una delle missioni più coinvolgenti per scienziati, appassionati e curiosi: il suo lungo viaggio e la sua prossima impresa, insieme a quella del lander Philae, stanno per scrivere almeno qualche pagina nella storia delle missioni spaziali.

Per me, poter aggiungere alla lista dei cataloghi di immagini preferiti, che consulto ed elaboro quotidianamente, anche quello di Rosetta, sarebbe un motivo in più per sentirmi meno stanca dopo il lavoro!

Così, stamattina, presa un po' dallo sconforto e un po' dalla speranza ho inviato un tweet

Ovviamente non parlavo di "tempo reale" alla lettera però qualche giorno al massimo sarebbe stato auspicabile!
Ma sapevo già che non poteva essere così: come avevo scritto in un post precedente, tutti i dati degli strumenti di Rosetta hanno un periodo di esclusiva di sei mesi prima di poter essere condivisi con il pubblico.

Tuttavia, le richieste di una maggiore condivisione di informazioni devono esser state davvero molte, tanto che questo pomeriggio Rosetta, da Twitter, ha annunciato:

Il comunicato fa notare che alcune missioni NASA e ESA rendono effettivamente disponibili i dati non appena vengono ricevuti a Terra ma una politica "open-data" non è la norma né per l'Agenzia Spaziale Europea, né per quella statunitense. Basta pensare al telescopio spaziale Hubble, all'osservatorio Chandra X-Ray, alla missione MESSENGER, o agli orbiter marziani che sono soggetti al cosiddetto "periodo proprietario".

Questo periodo, in genere 6-12 mesi, dà accesso esclusivo ai dati agli scienziati che hanno costruito gli strumenti o agli scienziati che hanno proposto osservazioni vincenti.
L'ESA stabilisce la durata di questo periodo in accordo con gli Stati membri.

L'obiettivo è quello di garantire che i gruppi accademici, che hanno speso decenni per lo sviluppo e la gestione degli strumenti scientifici a bordo delle sonde, siano in grado di calibrare e verificare i dati, così come raccogliere i frutti dei loro sforzi.
Se così non fosse, spiega il documento, sarebbe molto difficile coinvolgere le persone in questo lungo e difficile processo.

Alla fine di questo periodo, i dati saranno disponibili a tutti e in tutto il mondo.
Cosa che, ad esempio, è già accaduta per i dati della missione ESA Herschel.

Per Rosetta, tutti i dati dei suoi 21 strumenti (11 dell'orbiter e 10 sul lander Philae) sono soggetti ad un periodo proprietario di sei mesi. Pertanto, qualsiasi rilascio di immagini e risultati scientifici prima di questo arco di tempo viene concordato con i rispettivi team scientifici, che rinunciano così al loro periodo di proprietà.

D'altra parte, nessuno è mai stato su 67P prima d'ora e ogni nuovo set di dati in arrivo da Rosetta ha il potenziale per una grande scoperta. Ed è giusto che la prima occasione sia per le squadre che hanno lavorato alla strumentazione.

Ma, al tempo stesso, è proprio perché 67P è un territorio sconosciuto ed è in corso un viaggio emozionante, che alcuni chiedono a gran voce di vedere tutto il più presto possibile, quasi in "real-time".
Siamo consapevoli di questo, scrivono, ma bisogna trovare un equilibrio ed è il motivo per cui solo una parte dei dati viene rilasciata oggi.

Infine, molti chiedono di pubblicare almeno le immagini delle NavCam a bordo della sonda.
Ma tra queste e OSIRIS vi è una certa sovrapposizione scientifica per cui, alcuni dati delle NavCam sono comunque subordinati a quelli di OSIRIS.

Sappiamo che tale situazione non soddisferà tutte le esigenze, per esempio nei confronti di persone che studiano e del pubblico ha finanziato tutto questo ma l'ESA è responsabile dei finanziamenti ricevuti per Rosetta e degli accordi presi e sta operando secondo le regole.

Allo stesso tempo, tutti i team scientifici sono desiderosi di far conoscere al pubblico cosa sta succedendo e di condividere questa avventura. Molti sforzi sono stati fatti sui social media per comunicare il più possibile con il pubblico e coinvolgere direttamente le persone con concorsi creativi.

Oltre a ciò, per i grandi eventi, come l'appuntamento con la cometa del 6 agosto, o lo sbarco di Philae nel mese di novembre, o il passaggio al perielio ad agosto 2015, l'ESA pubblicherà le migliori immagini scattate e il più rapidamente possibile.

Per leggere integralmente il comunicato ufficiale: http://blogs.esa.int/rosetta/2014/07/16/access-to-rosetta-data/

Beh, non so voi, ma io farò comunque il conto alla rovescia e continuerò a sbirciare di tanto in tanto se qualche qualche nuovo set di dati è stato rilasciato!

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

11-11-2017 Cassini

La missione Cassini è finita ma continuano le scoperte nel sistema di Saturno

La missione Cassini è terminata da quasi due mesi ormai ma gli scienziati si stanno ancora districando tra l'enorme mole di dati r...

Leggi tutto

07-11-2017 Spazio & Astronomia

Ultime su "Rama", anzi 'Oumuamua

L'intruso interstellare che ci ha fatto visita nelle settimane scorse ha ora un nome ufficiale e forse un luogo d'origine. Di sicu...

Leggi tutto

06-11-2017 Spazio & Astronomia

Event Horizon Telescope: aggiornamenti sulla "foto del secolo"

L'elaborazione dei dati raccolti ad Aprile prosegue, tra non molto potremo vedere le prime immagini di un buco nero. ...

Leggi tutto

02-11-2017 Dawn

Dawn: possibile oceano globale su Cerere

I dati rilevati dalla sonda della NASA Dawn suggeriscono che il pianeta nano Cerere potrebbe aver avuto un oceano globale sotterra...

Leggi tutto

Rubriche

01-10-2017 Angolo degli Astrofili

#astrofoto Nebulosa Aquila in Hubble Palette

Questa grande regione nebulare nella costellazione della Coda del Serpente è uno degli oggetti più famosi e fotografati da astrofi...

01-09-2017 Bacheca

Le avventure della missione Cassini-Huygens sulle pagine di Coelum Astronomia

Settembre è sempre stato un mese particolare: quando ero piccola ero malinconica perché finivano le vacanze e dovevo tornare a Rom...

11-11-2017 Cassini

La missione Cassini è finita ma continuano le scoperte nel sistema di Saturno

La missione Cassini è terminata da quasi due mesi ormai ma gli scienziati si stanno ancora districando tra l'enorme mole di dati r...

Leggi tutto

07-11-2017 Spazio & Astronomia

Ultime su "Rama", anzi 'Oumuamua

L'intruso interstellare che ci ha fatto visita nelle settimane scorse ha ora un nome ufficiale e forse un luogo d'origine. Di sicu...

Leggi tutto

06-11-2017 Spazio & Astronomia

Event Horizon Telescope: aggiornamenti sulla "foto del secolo"

L'elaborazione dei dati raccolti ad Aprile prosegue, tra non molto potremo vedere le prime immagini di un buco nero. ...

Leggi tutto

02-11-2017 Dawn

Dawn: possibile oceano globale su Cerere

I dati rilevati dalla sonda della NASA Dawn suggeriscono che il pianeta nano Cerere potrebbe aver avuto un oceano globale sotterra...

Leggi tutto

Flash News

26-10-2017 Spazio & Astronomia

Haumea: il pianeta nano con l'anello

I sistemi di anelli sono sempre affascinanti e sembrano essere sempre più diffusi nel nostro piccolo quartiere galattico. ...

25-10-2017 Spazio & Astronomia

Sorprese dalla Luna: grotte e un'atmosfera passata

A volte per avere delle sorprese basta alzare gli occhi al cielo! Eh sì, alcune recenti e sorprendenti scoperte scientifiche rigua...

Speciale missioni

27-10-2017 Mars Express

Nuvole ad alta quota su Marte documentate dalla webcam a bordo di Mars Express

La webcam VMC (Visual Monitoring Camera) a bordo della sonda dell'ESA Mars Express, nata per confermare la separazione dello sfort...

21-10-2017 Dawn

Dawn festeggia 10 anni nello spazio e torna all'attacco di Cerere!

 Tre settimane dopo avere celebrato l'anniversario, la NASA decide a sorpresa per una seconda estensione della missione, con ...

Newsletter

Immagine del giorno

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 22 Novembre.

Log: Missioni e Detriti

Iscriviti alla nostra newsletter!

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.