Giovedì 21 Settembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Rocce equilibriste sulla cometa 67P

Immagine delle rocce in equilibrio sulla cometa 67p, presa da OSIRIS il 16 settembre 2014, da una distanza di 29 km. La scala è di circa 0.5 m/pixel.
Immagine delle rocce in equilibrio sulla cometa 67p, presa da OSIRIS il 16 settembre 2014, da una distanza di 29 km. La scala è di circa 0.5 m/pixel. Credits: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

Gli scienziati della squadra di OSIRIS hanno scoperto un insolita formazione di massi nella regione Aker, sul grande lobo della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.

ESA Rosetta OSIRIS Balancing Boulders

Regione Aker - balancing rocks
Credits: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

Piana Crixia - FungoI sassi a prima vista ricordano le nostre "balancing rocks" (rocce in equilibrio), ossia rocce che poggiano sulla terra solo con una piccola frazione della loro superficie tanto che sembra debbano ribaltarsi da un momento all'altro. Tipiche sopratutto dell'Australia e di alcune zone degli Stati Uniti, sono considerate "massi erratici", che raggiungono la loro intrepida posizione finale trasportati all'interno dei ghiacciai. In altri casi, invece, è stata l'erosione a giocare un ruolo fondamentale: vento ed acqua hanno esercitato un'azione abrasiva disgregando il materiale morbido e lasciando quello più resistente in bizzarre configurazioni. In questo caso, per vederne qualche esempio, non c'è bisogno di andare così lontano (io ne ho uno a pochi passi da casa! Nell'immagine a sinistra il "Fungo" di Piana Crixia, Liguria).

Tuttavia,"come si siano formate queste rocce in equilibrio sulla cometa 67P ancora non è chiaro", ha detto il ricercatore principale di OSIRIS Holger Sierks, del Max Planck Institute for Solar System Research (MPS) in Germania.

Uno dei tre massi presenti sulla cometa, il più grande, indicato con il numero 3 nell'immagine in apertura, ha un diametro di circa 30 metri e, da una delle foto riprese il 16 settembre 2014, sembra arroccato sul bordo di una depressione.

"Avevamo notato questa formazione già nelle precedenti immagini scattate da OSIRIS", ha aggiunto Sebastien Besse dell'ESA, che per primo ha avvistato le rocce, "ma all'inizio, non ci sembrava molto diversa dalle altre già viste".

Gli scienziati ritengono che su 67P siano i processi dovuti all'attività cometaria a svolgere il compito, muovendo e trasportando massi (aiutati probabilmente dalla bassissima gravità che consente alle rocce di rimanere in configurazioni insolite più o meno stabili N.d.R.).
D'altra parte, rocce sparse sono state osservate in molti posti sulla superficie della cometa, a volte in regioni piane, come Cheops che misura circa 45 metri di diametro e si trova al centro della parte liscia di Imhotep, sul lato inferiore del grande lobo della cometa. In altre zone, invece, è più comune vedere mucchi di macerie che comprendono centinaia di sassi.

In ogni caso, anche se il meccanismo non è ancora del tutto chiaro, il team ritiene che l'interpretazione delle immagini è spesso molto complicata a causa delle grandi differenze di illuminazione ed angolazione che possono trarre in inganno.

ESA Rosetta OSIRIS 16 agosto 2014

16 agosto 2014

ESA Rosetta OSIRIS 19 settembre 2014

ESA Rosetta OSIRIS 19 settembre 2014
Credits: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

Press release:
- http://blogs.esa.int/rosetta/2015/05/18/osiris-spots-boulders-in-balancing-act/

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Settembre 2017
L M M G V S D
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 20 Settembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - Europa - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.