Mercoledì 28 Giugno 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Le intense ore di lavoro di Philae

Le intense ore di lavoro di Philae
Copyright ESA/ATG medialab

Philae dorme.
All'1:36 di ieri notte è entrato in ibernazione, dopo aver esaurito l'energia ma è stato davvero un grande ed è riuscito a trasmettere tutti i dati scientifici prima che l'ultimo collegamento durato 2 ore e 17 minuti si interrompesse.

Non è detto che sia un addio: Rosetta resterà in ascolto ad ogni passaggio, circa una volta ogni due settimane (la sonda sta orbitando a circa 30 km dal centro del nucleo di 67P che, a sua volta, ruota ogni 12 ore circa).

Purtroppo la posizione esatta di Philae non è nota e così rimane difficile anche prevedere con precisione la finestra temporale di una possibile comunicazione. Ma chissà, forse un giorno potremmo avere una grande sorpresa, magari quando la cometa si avvicinerà di più al Sole ed arriverà un po' più di luce in quel posto buio tra le rocce.

Speriamo che le 84 immagini scattate da OSIRIS abbiano avuto successo e mostrino l'esatta posizione del lander.
Nel frattempo, ho creato una semplice infografica riassuntiva, basata sulle prime indiscrezioni, delle fasi del landing con qualche orario, dato e le immagini rilasciate. Ho cercato di rispettare la scala e la geometria del mosaico della NavCam del 14 settembre che ho usato come base, tranne per i rimbalzi, soprattutto il secondo che altrimenti sarebbe risultato illegibile.

#CometLanding infografica

Credit: Elisabetta Bonora / Alive Universe Images (*)

Nella speranza di ricevere più luce, il team aveva provato a sollevare il corpo del lander di 4 centimetri e a ruotarlo di 35 gradi e, a quanto pare, ROLIS ha scattato altre immagini dalla nuova posizione.

Ma il fatto più importante è che Philae ha portato a termine un gran lavoro durante la sessione di scienza e nonostante il mancato ancoraggio alla superficie e la lotta con i watt, è riuscito ad azionare tutti gli strumenti, compresi quelli che richiedevano movimenti meccanici rischiosi per la stabilità.

Ancora non si conoscono i risultati ma MUPUS (MUlti-PUrpose Sensors for Surface and Sub-Surface Science) e il trapano SD2 (Sample and Distribution Device) sono state decisamente state star indiscusse.

MUPUS è un dispositivo in grado di misurare la temperatura del sottosuolo e studiare come il calore attraversa la superficie della cometa e quanto rapidamente.
L'intera operazione è stata condivisa su Twitter:

E dopo tanta fatica...

Come il team fa notare, questo non è certo un fallimento ma sono dati da cui abbiamo comunque imparato qualcosa.

Il trapano SD2, che è in grado di perforare la superficie della cometa fino a 23 centimetri di profondità per raccogliere campioni, è entrato in funzione nonostante la precaria posizione del lander e l'energia in forte calo. Un'operazione che non poteva rimanere intentata e nonostante ancora non se ne conosca l'esito, è confermato che la punta ha eseguito il movimento completo.

I sistemi di imaging CIVA e ROLIS sono ormai super noti per le prime foto trasmesse ma anche ROMAP (Rosetta Lander Magnetometer & Plasma Monitor), CONCERT (Comet Nucleus Sounding Experiment by Radiowave Transmission), COSAC (Cometary Sampling and Composition) e Ptolemy sono stati attivati in una corsa contro il tempo.

APXS (Alpha-p-X-ray spectrometer), invece, è entrato in funzione ma, almeno all'inizio, aveva ancora il coperchio chiuso

Mentre non si ha alcuna notizia di SESAME (Surface Electric Sounding and Acoustic Monitoring Experiment) che avrebbe dovuto analizzare le proprietà fisiche del suolo di 67P

Non so voi ma io rimango con le dita incrociate e sono convinta che se Philae ha resistito con Rosetta questo lungo viaggio, riuscirà di nuovo a farci sentire la sua voce.

Stay tuned!

Aggiornamento 18 novembre 2014

Alla luce dei nuovi dati visuali, ho aggiornato l'infografica.
Dalla direzione del vettore post-rimbalzo, sembrerebbe che Philae abbia rischiato veramente di finire nel vuoto (e non solo a causa del rimbalzo!). Potrebbe trovarsi, infatti, proprio sul bordo della testa della cometa o essere addirittura essere finito in una nicchia un po' più giù... anche se, in realtà, i segnali radio (sui quali si basavano le prime ipotesi) sembrano indicare una storia un po' diversa.

#CometLanding probabile posizione di Philae

Credit: Elisabetta Bonora / Alive Universe Images

Sul blog di Emily Lakdawalla sono state pubblicate interessanti informazioni aggiuntive.
Grazie ai dati forniti al Jet Propulsion Laboratory della NASA dall'Agenzia Spaziale Europe ESA, Joe Knapp ha calcolato le posizioni e l'altitudine minuto per minuto di Rosetta e Philae.
Ecco una tabella semplificata con i dati prima del touchdown:

Philae e Rosetta discesa

Un condronto tra l'immagine di ROLIS poco prima del touchdown e quella ripresa da OSIRIS subito dopo, mostra diverse nuove tracce sul terreno, alcune delle quali non sono direttamente riconducibili ai piedi del lander.

Philae #CometLanding

Credit: ESA / Rosetta / Philae / ROLIS / DLR; ESA / Rosetta / MPS for OSIRIS-Team MPS / UPD / LAM / IAA / SSO / INTA / UPM / DASP / IDA; Emily Lakdawalla

E il mistero si infittisce, dove è finito Philae?

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

2 commenti

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Giugno 2017
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 26 Giugno.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.