Giovedì 23 Febbraio 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Bennu: la complicata vita di un asteroide

Una stella vicina esplode, sconvolgendo la materia nella nebulosa. Parte collassa con la sua stessa gravità e forma un disco di materiale che circonda il Sole neonato. All'interno di questo disco, particelle di polvere riscaldate come roccia fusa si solidificano insieme per formare i condri che, a loro volta, si aggregano sotto l'azione di forze elettrostatiche e gravitazionali per diventare asteroidi o pianeti.
In questo ambiente difficile è nato l'asteroide Bennu, selezionato come meta per la prossima missione OSIRIS-REx (Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security – Regolith Explorer).

Una stella vicina esplode, sconvolgendo la materia nella nebulosa. Parte collassa con la sua stessa gravità e forma un disco di materiale che circonda il Sole neonato. All'interno di questo disco, particelle di polvere riscaldate come roccia fusa si solidificano insieme per formare i condri che, a loro volta, si aggregano sotto l'azione di forze elettrostatiche e gravitazionali per diventare asteroidi o pianeti.
In questo ambiente difficile è nato l'asteroide Bennu, selezionato come meta per la prossima missione OSIRIS-REx (Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security – Regolith Explorer).

La storia è raccontata in una nuova animazione creata dal Goddard Space Flight Center della NASA, di Greenbelt (Maryland).

101955 Bennu è considerato un NEO (Near-Earth Object): ha una forma sferoidale, un diametro medio di 560 metri e la sua traiettoria suggerisce almeno otto potenziali impatti con la Terra tra il 2169 ed il 2199.

"Abbiamo deciso di andare su Bennu perché vogliamo sapere che cosa ha visto nel corso della sua evoluzione", ha detto Edward Beshore della University of Arizona, vice-responsabile per la missione OSIRIS-Rex.
"Bennu ci dirà di più su come si è formato ed evoluto il nostro Sistema Solare. Come i detective sulla scena del crimine, esamineremo frammenti di prove da Bennu per comprendere in modo più completo la storia del Sistema Solare, che è in definitiva la storia della nostra origine".

I condri, che si presentano come sfere vetrose millimetriche abbondanti nei meteoriti, dovrebbero costituire gran parte del materiale di Bennu.

"Sui pianeti come la Terra, i materiali originali sono stati profondamente modificati dall'attività geologica e dalle reazioni chimiche con l'atmosfera e l'acqua. Pensiamo che Bennu possa essere relativamente invariato, quindi questo asteroide è come una capsula del tempo da esaminare", ha detto Beshore.

Bennu potrebbe conservare anche il materiale organico del giovane Sistema Solare.
La materia organica è costituita principalmente da molecole contenenti atomi di carbonio ed idrogeno ed è fondamentale per la vita terrestre.
L'analisi di qualsiasi composto organico trovato su Bennu sarà per gli scienziati un inventario dei materiali presenti all'inizio del Sistema Solare, che potrebbero aver avuto un ruolo fondamentale nell'origine della vita.

"Portando questo materiale sulla Terra, potremo effettuare analisi molto più approfondite di quanto sia possibile con strumenti a bordo di un veicolo spaziale, a causa di limiti pratici sulla dimensione, massa e il consumo di energia", spiega Beshore.

La missione OSIRIS-Rex sarà anche un banco di prova pratica per l'Asteroid Redirect Mission (ARM) della NASA che individuerà e catturerà un asteroide da reindirizzare vicino alla Terra, in un'orbita stabile intorno alla Luna, che verrà essere esplorato dagli astronauti nel 2020.

Il Sistema Solare era un posto piuttosto difficile e caotico all'inizio.
Crateri da impatto giganti sono presenti sui diversi corpi che ne fanno parte, a testimonianza di una fase nota come Intenso Bombardamento Tardivo, circa 4100 a 3800 milioni di anni fa. Il responsabile potrebbe essere stato Giove che, a causa delle interazioni gravitazionali con i pianeti gassosi giganti esterni, avrebbe iniziato a migrare più vicino al Sole, interrompendo la fascia degli asteroidi. Molti furono scagliati verso i pianeti più interni, compreso il nostro. Questo bombardamento potrebbe essere stata una fonte significativa di materia organica ed acqua per la Terra primordiale.
Dopo questa fase le cose si calmarono ma scontri massicci ancora accadevano di tanto in tanto. Gli scienziati pensano che Bennu sia nato in quel momento, dall'impatto di un asteroide con un planetesimo circa un miliardo di anni fa.

Dai primi dati disponibili risulta che la densità di Bennu è inferiore a quella della roccia, cioè l'asteroide potrebbe contenere dei vuoti al suo interno. Sarebbe quindi una "rubble pile", ossia una pila di macerie.
Bennu appare anche piuttosto scuro. Comportandosi come una strada asfaltata in una giornata calda, assorbe la maggior parte della luce che la colpisce per poi irradiare questa energia sotto forma di calore. Tale radiazione fornisce una piccola spinta, nota come effetto Yarkovsky, che fa cambiare gradualmente la sua orbita nel tempo. Tale azione avrebbe spinto l'asteroide fino ad incontrare una risonanza gravitazionale con Saturno che, a sua volta, lo avrebbe spinto verso il Sistema Solare interno, dove ha sorvolato più volte Venere e la Terra. Ad ogni passaggio, Bennu viene un po' rimodellato internamente ed esternamente sotto l'azione delle varie forze gravitazionali.

Secondo Beshore, c'è una possibilità di circa 1 su 2500 che Bennu colpirà la Terra nel tardo XXII secolo.
"Avremo misure più accurate degli effetti Yarkovsky su Bennu dal monitoraggio di OSIRIS-Rex, quando entrerà in orbita intorno all'asteroide", aggiunge.

Press release:
http://www.nasa.gov/content/goddard/bennus-journey/index.html#.VG1qPjTF_YE

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Febbraio 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 21 Febbraio.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.