Mercoledì 28 Giugno 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

La "pelle di serpente" di Plutone potrebbe essere un antico reperto antecedente alla formazione del Sistema Solare?

Plutone - Tartaro Dorsa
Plutone - Tartaro Dorsa Credit: NASA/JHUAPL/SwRI

La sonda della NASA New Horizons ha svelato paesaggi misteriosi durante lo storico fly-by di Plutone del 14 luglio 2015.
Uno di questi è una caratteristica texture detta a "pelle di serpente" sul lato orientale del famoso "cuore" del pianeta nano. Secondo il team questa strana superficie squamosa potrebbe contenere indizi della nebulosa protosolare da cui si è formato il Sistema Solare.

I modelli suggeriscono che si tratta di mini-montagne, alte circa 500 metri, molto fitte e compatte, orientate in direzione nord-sud.
"La loro distanza relativa di circa 3-5 chilometri le rende una delle caratteristiche più ripide viste su Plutone", ha scritto in un post il fisico matematico Orkan Umurhan, membro del team scientifico di New Horizons presso l'Ames Research Center della NASA a Moffett Field, California.

L'immagine in apertura mostra una di queste regioni nota come Tartaro Dorsa ed è un esempio di quello che i geologi chiamano "terreno lamellare".

I dati sprettroscopici rilevati da LEISA (Linear Etalon Imaging Spectral Array) a bordo di New Horizons hanno mostrato che questa zona è composta in prevalenza di metano (CH4) con una buona dose di acqua mescolata insieme.
Il team si è chiesto da quanto tempo esistono tali formazioni che hanno mantenuto spigoli così vivi e versanti scoscesi a quelle condizioni di gravità e temperatura.

Secondo Umurhan la struttura portante potrebbe essere composte sia da ghiaccio di metano puro che da un clatrato di metano, cioè un composto a gabbia in cui una specie molecolare primaria, per esempio l'acqua, forma una struttura cristallina in grado di contenere una molecola ospite, come potrebbe essere il metano.
Non è chiaro, però, se il metano puro sarebbe in grado di mantenere pendii così ripidi e taglienti per un lungo periodo ed i studi che affrontano l'argomento mostrano risultati ambigui. Secondo un documento elementi di metano ghiacciato di quelle dimensioni si sarebbero appiattiti nel giro di qualche decennio ma se, invece, il costituente base del terreno lamellare fosse un clatrato di metano, allora probabilmente la struttura sarebbe rimasta stabile per molto tempo. D'altra parte, i clatrati di metano esistono anche sulla Terra nei fondali marini più profondi. Quelli terrestri sono, però, particolarmente sensibili alle variazioni termiche. In caso di aumenti di temperatura, la gabbia si rompe e lascia fuoriuscire il metano, un problema che su Plutone non dovrebbe esistere.

Alcuni studi recenti suggeriscono, inoltre, che i clatrati di metano nelle lune ghiacciate del Sistema Solare esterno e anche nella fascia di Kuiper si sono formati all'interno della nebulosa protosolare, quindi agli arbori del Sistema Solare, il che li rende probabilmente tra i materiali più antichi.
Forse, quindi, Tartaro Dorsa racchiude in sé un tesoro archeologico: "il materiale costituente il terreno lamellare di Tartaro Dorsa potrebbe essere un record geologico antecedente alla formazione del Sistema Solare? Sarebbe interessante!", ha concluso Umurhan.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Giugno 2017
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 26 Giugno.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.