Mercoledì 18 Ottobre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Una nuova mappa svela l'abbondanza del ghiaccio d'acqua su Plutone

Una nuova mappa svela l'abbondanza del ghiaccio d'acqua su Plutone
Credits: NASA/JHUIAPL/SwRI

Il ghiaccio d'acqua è più abbondante di quanto si pensasse sulla superficie di Plutone ed è la struttura portante della crosta che, come una tela, fa da supporto ai ghiacci più volatili soggetti ai cambiamenti stagionali.

Una nuova ondata di dati trasmessi a Terra dalla sonda della NASA New Horizons, mentre prosegue il suo viaggio nella Fascia di Kuiper, raccolti in infrarosso dal Ralph/Linear Etalon Imaging Spectral Array (LEISA), mostra che le caratteristiche spettrali del ghiaccio d'acqua sono molto diffuse sulla superficie del pianeta nano, ha dichiarato la NASA in un report.

L'immagine in falsi colori si basa su due scansioni di Plutone, riprese a 15 minuti distanza l'una dall'altra, ottenute il 14 luglio 2015 durante lo storico fly-by, da una distanza di circa 108.000 chilometri.

LEISA è una termocamera, passata alla storia per aver registrato il primo video ai confini del Sistema Solare, che riprende immagini 2D facendole passare attraverso un filtro ottico lineare variabile, dove ogni riga di pixel lavora su una lunghezza d'onda leggermente diversa da quella precedente e successiva. La mappa a destra nella composizione in apertura, è stata quindi ottenuta assemblando insieme la matrice tridimensionale di dati in cui l'immagine di Plutone si è formata ad ogni lunghezza d'onda esaminata da LEISA, prendendo in esame contemporaneamente il contributo dei diversi tipi di ghiaccio presenti.
La mappa a sinistra, invece, è uno dei primi modelli ottenuti, basato su un solo spettro per il ghiaccio d'acqua puro.
Come è facile notare il ghiaccio d'acqua sembra molto scarso in questa versione perché le sue tracce vengono facilmente mascherate dal metano ghiacciato. Le uniche aree identificate erano quelle effettivamente più ricche di ghiaccio d'acqua (o molto povere di metano).

Nonostante l'ultima ricostruzione sia molto più accurata, nella Sputnik Planum, la grande pianura che riempie il caratteristico "cuore" di Plutone, e nella Lowell Regio, la zona a nord di questa vista, non risulta ancora traccia di ghiaccio d'acqua in superficie: esso potrebbe esistere ma sepolto sotto altri volatili ghiacciati come il metano, l'azoto ed il monossido di carbonio.

LEISA ha ripreso in infrarosso anche l'atmosfera del pianeta nano.

L'atmosfera di Plutone ripresa in infrarosso da LEISA

Credit:  NASA/JHUAPL/SwRI

L'immagine è stata ripresa da New Horizons il 14 luglio 2015, da una distanza di 180.000 chilometri, alcune ore dopo il fly-by mentre erano in corso le osservazioni in occultazione di Plutone e le sue lune retroilluminate dal Sole.
La ripresa compre la gamma spettrale da 1,25 a 2,5 micron, divisa in tre parti a ciascuna delle quali è stato assegnato rispettivamente il canale rosso, verde e blu per ricostruire questa vista in falsi colori. Il nord del pianeta nano è alle ore 10:00 nella composizione.

Le particelle in sospensione nella foschia che avvolge il pianeta nano, una sorta di smog fotochimico di idrocarburi risultante dall'azione della luce solare sul metano e altre molecole, creano il suggestivo anello blu.
Le parti biancastre sono causate invece dalla riflessione della luce solare sulle zone più riflettenti o più lisce della superficie.
La parte inferiore del disco di Plutone dovrebbe arrivare a Terra con i prossimi dati.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Ottobre 2017
L M M G V S D
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 16 Ottobre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - Europa - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.