Martedì 28 Febbraio 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Cielo azzurro e ghiaccio rosso su Plutone

Mappa della distribuzione di ghiaccio d'acqua (in azzurro) nelle regioni Cthulhu e Sputink viste dallo strumento "Ralph"
Mappa della distribuzione di ghiaccio d'acqua (in azzurro) nelle regioni Cthulhu e Sputink viste dallo strumento "Ralph" Credits: NASA/JHUAPL/SwRI

Le nuove immagini multispettrali appena pubblicate ci raccontano di un mondo colorato, con il ghiaccio d'acqua concentrato nelle regioni dove più abbondano i rossi depositi di "toline".

 Cominciamo dall'immagine qui sopra, si tratta dell'unione di riprese fatte nel visibile con la Multispectral Visible Imaging Camera (MVIC) e di dati raccolti con spettroscopia infrarossa dal "Linear Etalon Imaging Spectral Array" (LEISA); quest'ultimo strumento ha rivelato la presenza di ghiaccio d'acqua (evidenziato in azzurro) e i segnali più forti in tal senso appaiono concentrati lungo la "Fossa di Virgilio", appena ad ovest del cratere Elliot (sul lato sinistro dell'immagine ingrandita) e anche dalla "Viking Terra" nella parte superiore. Un importante affioramento si osserva anche nelle "Montagne di Barè" sulla destra, insieme a numerosi affioramenti molto più piccoli, per lo più associati a crateri da impatto e a valli tra le montagne. La scena abbraccia circa 450 chilometri (tutti nomi delle località sono informali e devono essere ancora approvati dalla IAU).

 "Vaste regioni su Plutone non mostrano ghiaccio d'acqua" ha detto Jason Cook, membro del SwRI, “forse perchè è mascherato da altri ghiacci più volatili su gran parte della superficie. Capire perchè l'acqua appare esattamente lì e non altrove è una sfida che stiamo affrontando”. Un aspetto curioso della scoperta è che le zone con una presenza d'acqua più evidente coincidono con le aree di colore rosso brillante nelle immagini a colori recentemente rilasciate. "Sono sorpreso di un colore così rossastro" ha dichiarato Silvia Protopapa, membro scientifico dell'università del Maryland, “non abbiamo ancora compreso che relazione c'è tra il ghiaccio d'acqua e le toline* coloranti sulla superficie di Plutone”.

 La seconda, splendida immagine riportata qui sotto ritrae per la prima volta a colori le nebbie e i gas che avvolgono il pianeta nano, viste in controluce da Ralph/MVIC.

blue skies on pluto final 2

L'atmosfera di Plutone ripresa da Ralph/Multispectral Visible Imaging Camera (MVIC) - Credits: NASA/JHUAPL/SwRI

“Non ci saremmo mai aspettati di vedere un cielo azzurro nella fascia di Kuiper, è magnifico!” ha esclamato Alan Stern, principal investigator di New Horizons presso il Southwest Research Institute (SwRI) di Boulder, Colorado.

 Il particolato che forma la nebbia è probabilmente grigio o rosso di per sè, ma il modo in cui diffonde la luce blu ha catturato l'attenzione degli scienziati. "La sorprendente tonalità ci racconta qualcosa sulle dimensioni e sulla composizione delle particelle" ha spiegato Carly Howett, del SwRI. “Un cielo blu, spesso, è il risultato della diffusione della luce solare da parte di particelle molto piccole e, sulla Terra, queste particelle sono le minuscole molecole di azoto. Su Plutone, sembrano particelle simili a fuliggine e relativamente più grandi, ma comunque piccole in assoluto, le famose toline*.

 Gli scienziati ritengono che le toline si formino nell'alta atmosfera, dove la luce solare ultravioletta dissocia le molecole di azoto e metano consentendo loro di reagire per formare complessi ionizzati; quando si ricombinano, generano macro-molecole molto complesse, un processo osservato per la prima volta nell'alta atmosfera di Titano. Le macro-molecole poi interagiscono e continuano a crescere fino a formare particolato; i gas volatili condensano su du esse e ne ricoprono la superficie con ghiaccio prima che esse abbiano il tempo di cadere attraverso l'atmosfera, dove poi contribuiscono alla colorazione rossastra di Plutone.

 

* Le toline si formano per irraggiamento da parte della radiazione ultravioletta solare di composti organici semplici come metano o etano, spesso combinati con sostanze inorganiche quali l'azoto molecolare. Non esistono in natura sulla Terra. Si veda l'articolo di Elisabetta sull'argomento.

Riferimenti:
http://www.nasa.gov/nh/nh-finds-blue-skies-and-water-ice-on-pluto

Condividi e resta aggiornato!

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

Sito web: https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Altri articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Febbraio 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 26 Febbraio.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.