Sabato 23 Settembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Tutti i colori di Caronte

Questa incredibile composizione, realizzata con i filtri rosso, verde e blu della Ralph/Multispectral Visual Imaging Camera (MVIC), mostra la luna di Plutone, Caronte, ripresa dalla sonda New Horizons poco prima del flyby del 14 luglio.
Questa incredibile composizione, realizzata con i filtri rosso, verde e blu della Ralph/Multispectral Visual Imaging Camera (MVIC), mostra la luna di Plutone, Caronte, ripresa dalla sonda New Horizons poco prima del flyby del 14 luglio. Credit: NASA/JHUAPL/SwRI

Il team di New Horizons colpisce ancora e come è consuetudine, ormai, poco prima del week-end rilascia nuove strabilianti immagini: questa è stata la volta di Caronte, la luna maggiore di Plutone.

Poco prima del massimo avvicinamento al pianeta nano, durante il flyby dello scorso 14 luglio, la Ralph/Multispectral Visual Imaging Camera (MVIC), a bordo della sonda, ha catturato la superficie di Caronte nei filtri rosso, verde e blu, combinati insieme ed enfatizzati nell'immagine in apertura. Il risultato è una tavolozza incredibilmente varia, ad indicare una composizione geologica variegata ed una storia complessa.

Con un diametro di 1,214 chilometri, circa la metà di Plutone, Caronte era stata ritenuta finora un mondo monotono e butterato di crateri. Ma New Horizons sta mostrando una superficie caratterizzata da montagne, canyon, frane e colori. Gli scienziati sono letteralmente al settimo cielo perché mai avrebbero pensato di trovare un posto così diversificato ai confini del nostro Sistema Solare.

Le immagini ad alta risoluzione prese dalla fotocamera Long Range Reconnaissance Imager (LORRI) poco prima del massimo avvicinamento a Plutone, combinate in un mosaico in bianco e nero nella nostra gallery, sono state sovrapposte alle informazioni colore raccolte dalla camera MVIC nella composizione qui sotto. Il dettaglio risolve particolari di 0,8 chilometri.

Caronte - dettaglio

Credit: NASA/JHUAPL/SwRI

Un grande sistema di canyon si estende per 1.600 chilometri sulla faccia di Caronte e probabilmente prosegue fino al lato opposto. Quattro volte più a lungo del Grand Canyon e due volte più profondo in alcuni punti, indica un importante sconvolgimento geologico nel passato della luna.

"Sembra che l'intera crosta di Caronte sia stata aperta", ha detto John Spencer, Southwest Research Institute di Boulder, Colorado.
"Per quanto riguarda la sua dimensione rapportata a Caronte, questa caratteristica è molto simile al vasto sistema di canyon della Valles Marineris su Marte", ha aggiunto.

Uno spicchio della regione polare della luna, informalmente chiamata Mordor Macula, con il suo tipico colore rossastro, rientra in alto a destra in questa vista. Ricoperto di una sostanza chiamata "tholins" (toline), che si forma per irraggiamento da parte della radiazione ultravioletta solare di composti organici semplici come metano o etano spesso combinati con sostanze inorganiche quali l'azoto molecolare, potrebbe essere parte dell'atmosfera di Plutone catturata dalla superficie di Caronte.

La montagna incastonata spicca in basso a destra in questo mosaico, mentre una superficie a "pelle d'oca" sembra modellare le zone lisce tra i crateri in basso a sinistra. In generale, queste pianure a sud del canyon, chiamate Vulcan Planum, mostrano crateri più piccoli rispetto all'emisfero settentrionale, dice il team, cioè sono più giovani. I contorni morbidi dei solchi e delle creste indicano che la superficie deve essere stata rimodellata di recente (in termini geologici) in quei punti.

Ancora una volta, la presenza di superfici lisce riconduce all'idea di un possibile processo di criovulcanismo ma il team sta anche discutendo l'ipotesi che un oceano di acqua sotto la crosta della luna sia rimasto congelato e bloccato molto tempo fa. La relativa variazione di volume avrebbe causato le crepe che vediamo oggi su Caronte, permettendo contemporaneamente alla lava di acqua di raggiungere la superficie e rimodellarla.

La soluzione all'enigma potrebbe essere a bordo di New Horizons che conserva ancora una grande mole di dati ed immagini da trasmettere a Terra. In attesa, il team ha rilasciato una fantastica ricostruzione di un "volo" sulla superficie della luna: l'avventura parte dal polo nord per spostarsi verso sud sopra il sistema di canyon, scendendo da 1.800 chilometri a 60 chilometri sopra la superficie. Da qui sui prosegue a sud per sorvolare la montagna incastonata, informalmente chiamata "Kubrick Mons". Buona visione!

 

Credit: NASA/JHUAPL/SwRI/Stuart Robbins

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Settembre 2017
L M M G V S D
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 22 Settembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - Europa - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.