Sabato 24 Giugno 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Il punto su Cerere

Prima mappa ufficiale della superficie di Cerere ricavata dalle immagini scattate durante la seconda "rotation characterization" il 19 Febbraio scorso.
Prima mappa ufficiale della superficie di Cerere ricavata dalle immagini scattate durante la seconda "rotation characterization" il 19 Febbraio scorso. Credit: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA

Si è appena tenuta la conferenza stampa al JPL sugli ultimi risultati da Dawn.

I partecipanti al briefing erano Jim Green (director of Planetary Science Division, NASA), Robert Mase (Dawn project manager, JPL) e Carol Raymond (Dawn deputy principal investigator, JPL) che ha risposto alla maggior parte delle domande.

"Dawn sta per scrivere la storia" ha detto Mase, "il nostro team è impaziente di scoprire cosa Cerere ha in serbo per noi". Tra le nuove immagini presentate, c'è la prima mappa fotografica della superficie (mostrata in apertura) e le due seguenti foto scattate con la massima risoluzione finora ottenuta (3.7 km/pixel) durante la "OpNav-4" di Mercoledì scorso, quando Dawn aveva appena oltrepassato il terminatore del pianeta nano; in queste immagini, purtroppo, il "bright spot" non appare mentre è possibile vedere il "super-cratere " di 300 km di profilo (seconda immagine):

PIA19310a lg

Cerere fotografato da 40000 km di distanza - Image credit: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA

I ricercatori ritengono che Cerere abbia subito importanti cambiamenti sulla superficie e al suo interno. La principale fonte di calore su Cerere, al contrario delle varie lune dei pianeti esterni, è il Sole e probabilmente Cerere aveva un oceano liquido all'inizio. In effetti, la forma di Cerere (stabilita già con Hubble Space Telescope) e la sua densità fanno pensare a una differenziazione tra un nucleo roccioso e un "oceano" al di sopra di esso, mantenuto liquido dalla presenza di ammoniaca o, più probabilmente, sali disciolti. Da qui un possibile "potenziale astrobiologico" del pianeta nano. 

E' stato detto che la famosa doppia "macchia bianca" potrebbe essere ghiaccio sottostante, portato allo scoperto dalla vaporizzazione del materiale superficiale durante l'impatto, oppure sale depositato dall'impattatore che ha creato il cratere. Certamente non si tratta di un "crio-vulcano" e non si osserva emissione di luce quando è situato nell'emisfero in ombra, come evidente nell'animazione presentata oggi.

Cerere

Credit: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA

Anche se Dawn non è attrezzata espressamente per osservare fenomeni transienti come polvere o gas emessi dalla superficie, si farà tutto quanto è possibile per poterli rivelare con fotocamere e spettrometro a bordo; per ora non si è visto nessun cambiamento sulla superficie ma è ancora presto.

Il breefing è stata anche l'occasione per presentare alcune animazioni molto belle della traiettoria di Dawn nelle settimane a venire, ecco un fotogramma significativo:

traj

La traiettoria e la posizione di Dawn il 28 Aprile, poco dopo l'immissione nella prima orbita "RC3" - credit: NASA/JPL-Caltech

Si è anche accennato al fatto che, conclusa la missione primaria di almeno un anno, Dawn potrebbe rimanere in una orbita stabile attorno a Ceres per molti decenni!

Riferimenti:
- http://www.jpl.nasa.gov/news/news.php?feature=4496 

Condividi e resta aggiornato!

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

Sito web: https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Altri articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

2 commenti

  • Link al commento Marco Di Lorenzo (DILO) Martedì, 03 Marzo 2015 20:25 inviato da Marco Di Lorenzo (DILO)

    Grazie per gli apprezzamenti, Giuseppe, sono contento che i nostri articoli ti piacciano!
    Riguardo alle macchie chiare hai ragione, sembrano proprio sopraelevate ma non credo che riflettano la luce come una superficie lucida altrimenti la luminosità cambierebbe molto con l'angolo di illuminazione... sembrano davvero zone di albedo molto più alta (almeno il 25%, contro il 9% della superficie media) che però non emettono luce propria, come giustamente hai notato anche tu. E' davvero un bel mistero...

  • Link al commento Giuseppe Martedì, 03 Marzo 2015 16:59 inviato da Giuseppe

    Sempre molto informati, state battendo tutti i miei siti di news su Astronomy/Space come completezza e tempestività delle info. Complimenti. Riguardo la coppia di macchie chiare, un'osservazione. Grazie all'animazione della rotazione (quasi completa) di Ceres, si nota che entrambe le chiazze e specialmente la più grande/luminosa non possono giacere sul fondo del cratere, poiché vicino al terminatore il fondo del cratere è completamente in ombra e entrambe le chiazze sono ancora in luce (come il bordo est del cratere). Nel caso di una superficie riflettente dovrebbe trattarsi di qualcosa di rilevato, come un picco centrale. Non credo si possa ipotizzare qualcosa tipo un "lago luminoso" poiché nei frame successivi anche le chiazze chiare entrano nella zona in ombra e non si scorge più nulla, affascinante, in ogni caso.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Giugno 2017
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 23 Giugno.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.