Sabato 25 Marzo 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Titano, la grande luna di Saturno, esaurirà la sua riserva di metano

Analizzando la superficie di Titano, la grande luna di Saturno, nel corso degli anni, la sonda della NASA Cassini ha confermato la longevità dei laghi di idrocarburi.

Un team di ricerca, guidato da Christophe Sotin del NASA Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, California, ha sviluppato un modello in base al quale, la fornitura di metano su Titano potrebbe volgere presto al termine, abbastanza velocemente su scale temporali geologiche.

NASA Cassini VIMS - laghi su Titano

Credit: NASA/JPL-Caltech/University of Arizona

Analizzando la superficie di Titano, la grande luna di Saturno, nel corso degli anni, la sonda della NASA Cassini ha confermato la longevità dei laghi di idrocarburi.

Un team di ricerca, guidato da Christophe Sotin del NASA Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, California, ha sviluppato un modello in base al quale, la fornitura di metano su Titano potrebbe volgere presto al termine, abbastanza velocemente su scale temporali geologiche.

Lo studio sui laghi ha permesso anche di individuarne dei nuovi, confrontando le immagini catturate dallo spettrometro di mappatura visibile ed infrarossa VIMS (Visual and Infrared Mapping Spectrometer), a bordo della sonda della NASA Cassini, a partire da giugno 2010.

Titano è l'unico altro mondo del nostro Sistema Solare, oltre alla Terra, ad avere liquido stabile in superficie.
Gli scienziati pensano che il metano sia al centro di un vero e proprio ciclo così come l'acqua sulla Terra: il metano esiste come ghiaccio, come vapore nell'atmosfera e scorre, modella, evapora e ricade nuovamente sulla superficie sotto forma di pioggia.

Tuttavia, i laghi sembrano avere forme coerenti, pressoché immutate nel corso degli anni e questo suggerisce che l'evaporazione avviene molto lentamente, troppo per sostenere un ciclo del metano.

Il team ha potuto stimare con precisione i serbatoi di metano presenti in atmosfera, in superficie e nel sottosuolo.

Così, poiché il metano tende ad evaporare molto rapidamente, i ricercatori ritengono che i laghi su Titano siano piuttosto dominati dall'etano, che ha invece un'evaporazione più lenta.
Inoltre, non si dovrebbero riempire così in fretta considerato che, nel corso di questi anni di missione, le piogge osservate sono state abbastanza rare.

L'ipotesi del team è che il metano su Titano provenga da una gigantesca esplosione, causata forse da un impatto, eoni di anni fa, che continua ancora oggi a rifornire di metano la luna di Saturno ma che ovviamente, o prima o poi, esaurirà le sue scorte.

"Stiamo assistendo ad un Titano attivo la cui chimica attiva può finire in alcune decine di milioni di anni", ha detto Christophe Sotin.

Sembra proprio che, alla fine, Titano rimarrà a corto di metano.

Il metano è costituito da atomi di carbonio ed idrogeno: faceva sicuramente parte delle fasi di formazione della luna quando è nato il nostro Sistema Solare, 4,6 miliardi di anni fa. Si muove dall'interno verso l'atmosfera di azoto, fino a raggiungere gli strati più alti dove la luce del Sole spezza i legami molecolari. Quello che ne resta contribuisce a formare quella sorta di aerosol, individuato dalla sonda Cassini e dalla Huygens dell'ESA, nell'atmosfera e sulla superficie. Con il corso del tempo, il metano diminuirà mentre aumenteranno i prodotti derivati che si andranno a distribuire nell'atmosfera e al suolo.

La chimica dinamica presente su Titano produce molecole prebiotiche simili a quelle che esistevano sulla Terra primordiale. 

"Le scoperte fatte dalla Cassini hanno rivoluzionato la nostra comprensione del Titano", ha detto Sotin.
"Hanno aperto nuove strade per la ricerca di mondi abitabili intorno a esopianeti. Hanno anche innescato nuove domande sui processi di scambio tra l'interno e l'atmosfera - e sulla composizione di queste particelle organiche - alle quali solo le future missioni verso Titano potranno dare una risposta".

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Marzo 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 24 Marzo.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.