Giovedì 27 Aprile 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Un nuovo studio sui ricchi geyser di Encelado

geyser di Encelado, i getti che si sprigionano dal polo sud della piccola luna ghiacciata di Saturno, sono stati scoperti in questi nove anni di missione dalla sonda della NASA Cassini: vere e proprie eruzioni di ghiaccio che arrivano da fratture nella crosta, causate probabilmente dalle azioni mareali esercitate dalla forza di attrazione gravitazionale di Saturno.

Encelado N00165314 13 12

Encelado N00165314 13 12
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology." processing 2di7 & titanio44

geyser di Encelado, i getti che si sprigionano dal polo sud della piccola luna ghiacciata di Saturno, sono stati scoperti in questi nove anni di missione dalla sonda della NASA Cassini: vere e proprie eruzioni di ghiaccio che arrivano da fratture nella crosta, causate probabilmente dalle azioni mareali esercitate dalla forza di attrazione gravitazionale di Saturno.

Osservati dalla Cassini nel 2005, non si limitano ad essere un'attività circoscritta alla luna ma influenzano l'intero sistema: fini particelle di ghiaccio e a base di carbonio vengono immesse nello spazio ed entrano in orbita intorno a Saturno, alimentando il flebile anello E in cui orbita Encelado stessa.

Dei getti di Encelado se ne è parlato nuovamente in occasione del 44° Lunar and Planetary Science Conference tenutosi a Houston in Texas: queste fontane zampillanti arriverebbero da un mare salato di acqua liquida, situato 10 chilometri sotto il ghiaccio che ricopre la superficie della luna.

Enceladus N00165323 N00165322 N00165321 N00165320 cl1 cl2

Enceladus N00165323 N00165322 N00165321 N00165320 cl1 cl2
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology." processing 2di7 & titanio44

Provengono da profonde fessure chiamate "tiger stripes", ripetutamente studiate dalla sonda Cassini, la quale non solo ne ha individuato l'intrigante composizione di ghiaccio, sali e composti organici ma ha rilevato anche che queste fessure sono sorprendentemente calde, 180 ° Kelvin (-93,15° Celsius), oltre il doppio rispetto al resto della superficie della luna.

Ma da dove proviene tutto il materiale espulso sparato nello spazio? Questo è stato un dilemma per diverso tempo: potrebbe arrivare dalle sollecitazioni ed attriti che scaldano le tiger stripes oppure da un oceano di acqua liquida sotterraneo.

Enceladus N00161054 - 55

Enceladus N00161054 - 55
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology." processing 2di7 & titanio44

Gli scienziati sono fiduciosi che quest'ultima ipotesi sia quella corretta.
In un abstract dal titolo "
How the Jets, Heat and Tidal Stresses across the South Polar Terrain of Enceladus Are Related" i ricercatori segnalano che la quantità di riscaldamento causato dalle azioni mareali non è affatto sufficiente a causare le temperature osservate; mentre ritengono che l'energia termica viene spinta verso l'alto, insieme al vapore acqueo in pressione nel mare sottostante, riscaldando le zone intorno a questi camini e, allo stesso tempo, contribuendo a mantenerli aperti.

Enceladus N00182092-162gif-movie

Enceladus N00182092-162 gif-movie
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology." processing 2di7 & titanio44

Con 98 getti singoli osservati finora, la luna di Saturno, non solo potrebbe nascondere un vasto mare, con calore e salinità simile agli oceani terrestri, potenzialmente ospitale per la vita sotto la sua superficie ghiacciata ma immette costantemente questo materiale nello spazio dove può essere facilmente studiato, un potenziale target per le missioni future.

Carolyn Porco, del team della Cassini, ha dichiarato:
"To touch the jets of Enceladus is to touch the most accessible salty, organic-rich, extraterrestrial body of water and, hence, habitable zone, in our solar system"

[Toccare i getti di Encelado significa toccare il corpo extraterrestre di acqua salata, ricca di sostanze organiche,  più accessibile e di conseguenza la zona più abitabile del nostro Sistema Solare]

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Aprile 2017
L M M G V S D
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 25 Aprile.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.