Martedì 21 Febbraio 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Nascita e morte di una tempesta: l'incredibile evento osservato dalla sonda Cassini

La sonda della NASA Cassini ha avuto l'occasione di osservare l'evolversi di una tempesta gigante su Saturno, uno spettacolo unico nel suo genere. La sequenza di immagini mostra come la tempesta abbia avvolto tutto il pianeta fino a disperdersi nel momento in cui ha raggiunto la sua coda.

La tempesta su Saturno: evoluzione

Credit: NASA/JPL-Caltech/SSI/Hampton University

La sonda della NASA Cassini ha avuto l'occasione di osservare l'evolversi di una tempesta gigante su Saturno, uno spettacolo unico nel suo genere.

La sequenza di immagini mostra come la tempesta abbia avvolto tutto il pianeta fino a disperdersi nel momento in cui ha raggiunto la sua coda.

L'immagine in alto è stata scattata il 22 gennaio 2011, poco dopo l'inizio della tempesta e mostra il suo nuclueo luminoso, poco prima del vortice a 40.000 chilometri. Nel mosaico successivo del 5 maggio 2011, il capo della tempesta ha viaggiato per tutto il pianeta, iniziando ad avvicinare al vortice verso est. Il corpo della tempesta si estendeva per 224.000 chilometri e la testa era di circa 82.000 chilometri. Con la terza immagine, scattata il 14 giugno 2011, il capo della tempesta aveva praticamente fatto il giro di Saturno, per circa 292.000 chilometri e stava per raggiungere il vortice di coda, separati solo da 14.000 chilometri. L'ultima immagine del 12 agosto 2011, mostra come la tempesta sia svanita una volta che testa e vortice finale sono entrati in contatto. In questo ultimo scatto rimane visibile solo il vortice metre mon c'è più nessuna traccia della nube luminosa.

Tempesta su Saturno: evoluzione del vortice

Credit: NASA/JPL-Caltech/SSI/Hampton University

Il vortice, ruotando in senso orario, si è scorporato dal nucleo luminoso dalla tempesta madre poco dopo i tuoni e fulmini del 2010.

Già a gennaio 2011, questo era il più grande vortice mai osservato nella troposfera di Saturno: misurava fino a 12.000 chilometri di diametro, paragonabile per dimensione alla tempesta gigante di Giove Oval BA, conosciuta come la Piccola Macchia Rossa. Ma le tempeste di Giove sono famose per la loro stabilità e longevità: Oval BA iniziò a formarsi nel 1930 mentre la famosa Grande Macchia Rossa imperversa dal 1879 ma più probabilmente già dal 1664.
Giove e Saturno, pur essendo simili sotto diversi aspetti, sembrano invece avere comportamenti atmosferici diversi: il motivo per sui su Giove gli eventi sono di così lunga durata, rimane un mistero.

E' la prima volta che gli scienziati hanno avuto la possibilità di osservare la formazione e il consumarsi di una tempesta di questo tipo nel nostro Sistema Solare.

"Questa grande tempesta si comportava come un uragano terrestre, ma con il tocco unico di Saturno", ha detto Andrew Ingersoll del team delle immagini della Cassini al California Institute of Technology, Pasadena.
"Anche le tempeste giganti su Giove non si consumano come questa, il che dimostra che la natura può giocare molti imponenti variazioni a tema e ci sorprende ancora e ancor di più."

Gli uragani terrestri traggono energia dalla temperatura dell'acqua e anche questa tempesta gigante su Saturno sembra aver preso vigore da correnti di aria calda.

E' stata rilevata la prima volta il 5 dicembre 2010, intorno a 33 gradi di latitudine nord. Poco dopo ha iniziato a muoversi verso ovest, avvolgendo in pochi mesi, tutto il pianeta a quella latitudine, estendendosi fino a 300.000 chilometri, con tanto di tuoni e fulmini.
Le tempeste terrestri non sono mai riuscite ad incontrare la loro scia perché interrotte da elementi topografici come le montagne. Ma Saturno non ha nulla che possa far da barriera, così la testa della tempesta è riuscita ad avvolgere il pianeta fino alla coda nel 2011. Nel momento dell'incontro / scontro, il nucleo ha perso di intensità e la tempesta si è dispersa.

Il motivo per cui l'incontro tra il nucleo e la coda ha portato alla fine della tempesta è ancora un mistero!

Il 28 agosto, dopo 267 giorni, la tempesta si era praticamente esaurita e solo qualche effetto residuo veniva ancora rilevato dalla Cassini nei livelli più alti dell'atmosfera del pianeta, la troposfera.

"La tempesta di tuoni e fulmini su Saturno era una bestia", così la definisce Kunio Sayanagi, del Hampton University in Virginia, autore principale dello studio.
"La sua corrente ascensionale esplodeva con una intensità che avrebbe risucchiato l'intero volume dell'atmosfera terrestre in 150 giorni"

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Febbraio 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 21 Febbraio.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.