Domenica 26 Marzo 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Guida a gambero per Curiosity!

Ora che Curiosity ha oltrepassato Dingo Gap, una duna di sabbia che unisce due scarpate, il paesaggio sembra molto più accogliente.

Il team di missione aveva vagliato questo percorso alternativo per raggiungere la meta finale, le pendici del Monte Sharp, per evitare un terreno aspro e tagliente e limitare i danni un po' prematuri sul rivestimento delle ruote.

Curiosity Sol 547 map

Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

Ora che Curiosity ha oltrepassato Dingo Gap, una duna di sabbia che unisce due scarpate, il paesaggio sembra molto più accogliente.

Curiosity sol 528 Dingo Gap anaglyph

Curiosity sol 528 Dingo Gap anaglyph
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Il team di missione aveva vagliato questo percorso alternativo per raggiungere la meta finale, le pendici del Monte Sharp, per evitare un terreno aspro e tagliente e limitare i danni un po' prematuri sul rivestimento delle ruote.

Curiosity sol 538 MastCam

Curiosity sol 538 MastCam left
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Curiosity ha guidato sopra la duna per tre giorni e nel sol 538, ha guardato indietro fotografano il percorso fatto.
Giusto per avere qualche riferimento: Dingo Gap è alta circa 1 metro, mentre la distanza tra le tracce parallele lasciate dalle ruote è di 2,7 metri.

In effetti passata la duna, il paesaggio sembra molto diverso.
Il rover ha guidato finora su in terreno molto difficile.

Curiosity sol 486 MastCam right

Curiosity sol 486 MastCam right
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Ma al di là di Dingo Gap lo aspetta una vasta e liscia pianura, chiamata Moonlight Valley (indossate gli occhialini 3D... è un vero spettacolo!):

Curiosity sol 545 NavCam anglyph - Moonlight Valley

Curiosity sol 545 NavCam anglyph - Moonlight Valley
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Nonostante ora il terreno sembri favorevole alla guida, il team di missione ha deciso di adottare ulteriori precauzioni per contenere il tasso di foratura delle ruote e, come già avevano anticipato, Curiosity ha iniziato a guidare all'indietro.

Così, dopo aver testato la procedura nei laboratori terrestri, martedì 18 febbraio il rover ha eseguito la sua prima guida di 100,3 metri usando la retromarcia.

La prova sul campo non era strettamente necessaria in questo momento ma, avendo ottenuto riscontri positivi, potrà essere un'arma in più per affrontare percorsi più difficili in futuro.

Jim Erickson, Project manager della missione presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA, Pasadena, California, ha detto: "Passata la duna, abbiamo iniziato ad attraversare il terreno già ipotizzato sulla base dei dati orbitali. Ci sono meno rocce taglienti, molte sono sciolte e per la maggior parte, c'è un po' di sabbia ad ammortizzare il veicolo".

Non ho ancora avuto il tempo di controllare il catalogo delle immagini raw ma immagino sarà divertente mettere insieme un breve filmato sulla guida!

A parte la nuova tecnica adottata, il programma rimane lo stesso: Curiosity si fermerà presso il target prima chiamato KMS-9 ed ora ribattezzato "Kimberley", per eseguire la sua terza perforazione, dopo John Klein e Cumberland, prima di proseguire per il Monte Sharp.

Il soggiorno presso Kimberley offrirà al team il tempo necessario per analizzare le immagini orbitali ed trovare la strada migliore per raggiungere la meta.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Marzo 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 24 Marzo.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.