Giovedì 29 Giugno 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Curiosity: primi danni alle nervature delle ruote

Tre immagini del MAHLI riprese ne sol 1641 con indicati i punti di distacco delle nervature.
Tre immagini del MAHLI riprese ne sol 1641 con indicati i punti di distacco delle nervature. Crediti: NASA/JPL-Caltech/MSSS - Processing: Marco Di Lorenzo (DILO)

Un recente controllo visuale sulle ruote di Curiosity, ha messo in evidenza alcuni punti di distacco nel "sistema portante" di nervature.

Le ruote del rover iniziarono a mostrare le prime evidenti punzonature solo dopo 60 sol di missione e ad ottobre 2013, arrivarono i primi fori veri e propri nel rivestimento di alluminio (avevo dedicato un approfondimento all'argomento). Tuttavia, la NASA non ha mai manifestato una vera e propria preoccupazione, pur prediligendo un atteggiamento prudenziale nella guida e nell'affrontare i terreni più duri ed accidentati. Da allora, la situazione è stata sempre tenuta sotto controllo, sia con prove di laboratorio che con sequenze di immagini di routine, riprese dalla fotocamera MAHLI posizionata sul braccio robotico di Curiosity. Il vero tessuto portante delle ruote, il sistema di nervature a zig-zag simili ai "tacchetti" delle scarpe da calcio, è infatti sempre rimasto integro, almeno fino al controllo del 27 gennaio 2017.

Il distacco sembra aver colpito maggiormente la ruota centrale sinistra:
"Anche se ce lo aspettavamo, questo danno è il segno che la ruota mediana sinistra è vicina al traguardo", ha dichiarato il project manager della missione Jim Erickson.
In ogni caso, "la vita operativa di tutte e sei le ruote è più che sufficiente per raggiungere tutte le destinazioni ancora previste dalla missione".
I test hanno infatti dimostrato che nel momento in cui si interrompono tre nervature o costole in una ruota, allora questa ha raggiunto il sessanta per cento della sua vita utile, un dato che a Curiosity ormai non dovrebbe più interessare visto che è molto vicino al Monte Sharp, la sua meta finale.

Il project scientist della missione Ashwin Vasavada ha commentato: "questo è un passaggio atteso nel ciclo vitale delle ruote ma, a questo punto, non cambia i nostri piani scientifici e non diminuisce le nostre possibilità di studiare le transizioni mineralogiche chiave più in alto sul Monte Sharp".

Schema della missione Curiosity

Crediti: NASA/JPL-Caltech

Il 20 marzo, Curiosity ha raggiunto i 16 chilometri percorsi dal luogo dell'atterraggio mentre continua ad esplorare le dune di sabbia della formazione Murray.
Le prossime mete saranno l'unità di ematite "Vera Rubin Ridge", un'unità di argilla ed una di solfato subito sopra. Potrete continuare a seguire le attività quotidiane del rover con i Mission Log di Marco Di Lorenzo.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Giugno 2017
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 28 Giugno.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.