Domenica 19 Febbraio 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

#AGU16 Curiosity: l'abitabilità passata di Marte raccontata dal Monte Sharp

Marte, cratere Gale, miliardi di anni fa ed ora.
Marte, cratere Gale, miliardi di anni fa ed ora. Crediti: NASA/JPL-Caltech

Gli scienziati del team della missione Mars Science Laboratory hanno presentato gli ultimi risultati ieri all'American Geophysical Union (AGU). Gli ultimi dati rilevati da Curiosity hanno mostrato un'incredibile variabilità stratigrafica nel Monte Sharp, il grande tumulo al centro del cratere Gale. Ematite, minerali argillosi e boro, quest'ultimo rilevato per la prima volta su Marte, sono più abbondanti man mano che il rover scala la montagna.

Le variazioni dei materiali depositati nel corso dei millenni nelle fessure tra le rocce raccontano le condizioni ambientali passate.
"C'è tanta variabilità nella composizione ad altezze differenti", ha dichiarato John Grotzinger della Caltech, ricercatore di punta della missione.
"Un bacino sedimentario come questo è un reattore chimico", ha continuato. "Gli elementi vengono riorganizzati. Mentre i nuovi minerali si formano quelli vecchi si dissolvono. Gli elettroni si ridistribuiscono. Sulla Terra queste reazioni chimiche sostengono la vita".

Da quando Curiosity ha iniziato la scalata ha avuto accesso agli strati esposti inferiori del Monte Sharp che offrono una finestra geologica sulla storia di Marte.
Il team ha iniziati, quindi, regolari campagne di perforazione per ottenere un profilo completo: i quattro fori più recenti, da Oudam del mese di giugno a Sebina in ottobre, sono stati esegui con regolarità, a 25 metri di distanza l'uno dall'altro.

Uno dei fatti più curiosi è la presenza di boro che sembra aumentare man mano che Curiosity avanza verso la meta.
Questo minerale non era mai stato rilevato prima, identificato ora solo grazie alla sensibilità della Chemistry and Camera (ChemCam).

Target Diyogha

Target Diyogha, in cui Curiosity ha identificato Boro
Crediti: NASA

Il boro è notoriamente associato ai luoghi aridi dove l'acqua è evaporata in modo consistente. Sulla Terra, ad esempio, è presente nella Death Valley.
Per Marte, invece, gli scienziati stanno prendendo in esame due opzioni. La prima riguarda l’evaporazione di un antico lago presente nel cratere Gale, che avrebbe lasciato depositi negli strati superiori non ancora raggiunti dal rover. L'acqua poi lo avrebbe disciolto nuovamente trascinandone piccole quantità a quote inferiori. Nella seconda teoria, invece, i cambiamenti chimici nei depositi argillosi e l'azione delle acque sotterranee potrebbero aver contribuito alla sedimentazione del boro.

"Le variazioni di questi minerali e gli elementi indicano un sistema dinamico", ha detto Grotzinger. "Essi interagiscono con le acque sotterranee e le acque di superficie. L'acqua influenza la chimica delle argille ma così cambia anche la composizione dell'acqua stessa. Stiamo assistendo ad una complessità chimica che indica una storia lunga ed interattiva con l'acqua e più complicata è la chimica e meglio è per l'abitabilità".

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Febbraio 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 18 Febbraio.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.