Giovedì 17 Agosto 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Curiosity: trovata tridimite nel campione Buckskin

Curiosity MAHLI sol 1060: Buckskin 3d
Curiosity MAHLI sol 1060: Buckskin 3d Crediti: NASA/JPL-Caltech Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) rivela la presenza di un minerale inatteso, la tridimite, in uno dei campioni di roccia marziana prelevati da Curiosity nel cratere Gale. 

La tridimite è un minerale (biossido di silicio) che sulla Terra si forma per sublimazione di alcune rocce vulcaniche recenti a pressioni medio-basse (fino a ~0.4 GPa) e temperature elevate comprese tra gli 870 °C ed i 1470 °C, con un processo molto lento. Anche se può essere facilmente ricreata in laboratorio, è metastabile (cioè è in equilibrio molto precario! N.d.A.) alle condizioni ambientali terrestri e marziane per pressioni e temperature ordinarie. Su Marte, è stata trovata analizzando il campione dell'affioramento ricco di silice "Buckskin" (pelle di daino), situato all'interno della formazione Murray nella zona di Marias Pass, dove Curiosity ha soggiornato ad agosto dello scorso anno. Il luogo aveva suscitato l'interesse del team perché la silice è un composto formato dalle rocce contenenti silicio ed ossigeno e si trova comunemente sulla Terra in uno stato solido cristallino noto come quarzo. Alti livelli di silicio avrebbero potuto indicare anche un luogo ideale per la conservazione di materiale organico antico.

Questa scoperta, però, è diventata un vero grattacapo per gli scienziati perché il processo di formazione della tridimite stona completamente con il luogo del ritrovamento, la formazione Murray, che è praticamente fango indurito. Spessa in alcuni punti anche 200 metri, è considerata il fondale di quello che una volta doveva essere un grande lago marziano.

Schema stratigrafico del cratere Gale

Schema stratigrafico del cratere Gale con indicati i punti di contatto analizzati da Curiosity

Sulla Terra è generalmente associata al vulcanismo silicico, cioè ad un vulcanesimo esplosivo che crea magmi viscosi ricchi di silice (acidi) in contrapposizione ad un vulcanesimo più moderato contraddistinto da abbondanti colate laviche basaltiche, che è quello che dovrebbe aver caratterizzato il passato di Marte. Mentre il primo non è mai stato ritenuto un fenomeno importante, o addirittura presente, nella storia del pianeta.
"Sulla Terra, la tridimite si forma a temperature elevate in un processo esplosivo chiamato vulcanismo silicico. Mount St. Helens, il vulcano attivo nello stato di Washington, e il vulcano Satsuma-Iwojima in Giappone sono esempi di tali vulcani. La combinazione di alto contenuto di silice e temperature estremamente elevate nei vulcani crea tridimite", ha detto Richard Morris, planetologo all'Astromaterials Research and Exploration Science (ARES) presso il Johnson Space Center della NASA, autore principale dello studio.

Gli autori hanno provato ad esplorare altri esempi di tridimite sulla Terra come la sua presenza in Oregon, derivata dall'ossidazione di fayalite in un flusso di riolite o l'alterazione della riolite da vapori vulcanici e fluidi idrotermali acidi in Giappone. La Tridimite è stata segnalata anche nei luoghi di impatto sul nostro pianeta dove le alte temperature associate all'evento ne hanno permesso la formazione. Tuttavia, nessun contesto sembra calzare al cratere Gale.

"Non siamo a conoscenza di nessun processo geologico che formi tridimite a basse temperature al di fuori del suo campo di stabilità termochimica", si legge nel documento.

In assenza di un processo di formazione a basse temperature noto, per gli autori, le tracce trovate nel campione devono necessariamente essere coerenti con le basse pressioni e le alte temperature. Di conseguenza, la tridimite potrebbe essere stata integrata in Buckskin come sedimento detritico generato dall'erosione di rocce vulcaniche di silicio ma questo porterebbe a ripensare e riscrivere il passato vulcanico di Marte.
"La tridimite è stata incorporato nel fango indurito del 'Lago Gale' a Buckskin come sedimenti provenienti dall'erosione di rocce vulcaniche di silicio", ha dichiarato Morris ma il team continuerà comunque a cercare metodi alternativi per spiegare come il minerale avrebbe potuto formarsi senza calore estremo.

 

Buckskin è stato forato nel sol 1060; la polvere è stata poi setacciata per particelle inferiori ai 150 micron e consegnata alla CheMin (Chemistry & Mineralogy) ed al SAM (Sample Analysis at Mars).

La CheMin usa la diffrazione dei raggi X, con funzionalità di fluorescenza, per produrre 45 immagini totali del campione generalmente nel corso di tre notti marziani. Su Buckskin l'analisi ha mostrato picchi evidenti di tridimite nei primi quattro fotogrammi e la comparsa di alcune macchie di diffrazione in concomitanza ad un calo di tridimite e ad un aumento di anidrite sui restanti 41. Un cambiamento che gli scienziati stanno ancora analizzando. Questo studio si basa su un confronto dei pattern ottenuti dalle immagini dalla 1 alla 4 e dalla 16 alla 45.

Buckskin - diffrazione a raggi X

"Io dico sempre ai colleghi scienziati planetari di aspettarsi l'inaspettato su Marte", ha dichiarato Doug Ming co-autore del documento e scienziato presso l'ARES. "La scoperta di tridimite era completamente inaspettata ed ora è necessario capire se Marte ha sperimentato una storia vulcanica molto più violenta ed esplosiva di quanto si pensasse durante la prima evoluzione del pianeta".

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Agosto 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 15 Agosto.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - Europa - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.