Domenica 26 Febbraio 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Arrivato qualche dato sulla quinta perforazione: Mojave2 non promette bene

Curiosity Sol 884 - Mojave2 (Pahrump Hills)
Curiosity Sol 884 - Mojave2 (Pahrump Hills) Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Le analisi sul campione di roccia prelevato da Curiosity dal target Mojave2 sono ancora in corso ma i primi dati non promettono niente di buono: a quanto pare il terreno di Pahrump Hills, la zona alle pendici del Monte Sharp, si è formato in uno degli ambienti più acidi assaggiati finora dal rover.

Dopo aver incontrato qualche difficoltà a causa di una eccessiva fragilità della pavimentazione, il rover ha utilizzato uns nuova modalità di percussione per raccogliere il materiale la scorsa settimana.
La perforazione su Mojave2 forse non avrebbe avuto successo se la squadra non avesse recentemente ampliato le prestazioni del trapano:
"Questo era il nostro primo utilizzo di un basso livello di percussione su Marte, progettato per ridurre l'energia impartita alla roccia", ha detto di John Michael Morookian del JPL. "Il trapano di Curiosity è essenzialmente un martello e scalpello e questo ci ha permesso di usare il martello con più delicatezza".

Il trapano di Curiosity ha sei livelli di percussione che vanno da un leggero picchiettio ad un martellamento più energetico, il tutto 30 volte al secondo. Un software regola in modo autonomo il livello che, tuttavia, per i quattro target precedenti, è stato impostato a quattro e mantenuto stabile da un algoritmo. Ora, invece, dopo aver effettuato diversi test a Terra, lo strumento si aziona al livello uno e passa al successivo solo se la trapanazione procede troppo lentamente.

Mojave2 si è dimostrata una roccia così morbida che il trapano ha raggiunto la profondità massima (6,5 centimetri) in 10 minuti utilizzando solo i primi due livelli.

Il materiale deve essere davvero fine e poco compatto, tanto che molto sembra essersi di nuovo riversato all'interno del foro.
In queste viste 3d semplificate ottenute con le immagini del MAHLI e le deep map rilasciate, il foro rimasto sembra piuttosto tozzo con una profondità quasi uguale alla larghezze (che è pari a 1,6 centimetri).

Curiosity MAHLI sol 882 Mojave2 3d

Curiosity MAHLI sol 882 Mojave2 3d
Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Il MAHLI si è dedicato ad un analisi visiva riprendendo foto di giorno e di notte, utilizzando i suoi led in luce bianca ed ultravioletta alla ricerca di sostanze fluorescenti.

Split RGB sun light led light

Split RGB sun light led light
A sinistra in alto ed in basso due viste del foro rispettivamente illuminate dalla luce del Sole e con i led bianchi.
A destra uno split delle due immagini nei canali rosso, verde e blu, per mostrare il differente peso cromatico sotto una luce diversa.
Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

MAHLI sol 883: screenshot

Screenshot della catalogo di immagini raw di Curiosity del MAHLI sol 883 in cui si vedono alcune foto notturne scattate al meteriale estratto da Mojave2, prima con led bianchi, poi uv ed infine se al buio per individuare eventuali fluorescenze.

I primi dati su Mojave2, però, arrivano dalla Chemistry and Mineralogy (CheMin) ed indicano notevoli quantità di jarosite, un minerale ossidato contenente ferro e zolfo, che si forma in ambienti acidi.

"La nostra valutazione iniziale del campione più recente indica che ha molta più jarosite di Confidence Hills", ha detto David Vaniman, del team CheMin presso il Planetary Science Institute di Tucson, Arizona.

Dopo aver trascorso più di due anni all'interno del cratere Gale, Curiosity era giunto in questa zona, una parte esposta della formazione Murray considerata la base del Monte Sharp, cinque mesi fa e già il primo campione prelevato dal target Confidence Hills mostrava un passato diverso rispetto all'ambiente abitabile di Yellowknife Bay, scoperto dal rover proprio nei pressi del sito di atterraggio. Confidence Hills, a sua volta, conteneva un quantitativo di ematite, un minerale ricco di ossido di ferro, superiore a qualsiasi altro campione analizzato.

La questione, ora, è capire se Mojave2 era immerso in un ambiente acido quando si è formato (insieme al Monte Sharp), o fluidi acidi hanno bagnato il sito in periodi successivi.

Mojave2, ad esempio, presenta lo stesso tipo di elementi simili a cristalli che caratterizzano Mojave, il bersaglio inizialmente scelto per la perforazione, ma la CheMin ancora non è riuscita ad identificare il minerale responsabile di queste caratteristiche: ciò potrebbe significare che i minerali originali sono stati sostituiti durante periodi successivi in condizioni ambientali bagnate diverse.

Il rover ha consegnato i campioni anche al Sample Analysis at Mars (SAM) per cui, non ci resta che attendere ulteriori risultati.

Curiosity MAHLI sol 882 - Pahrump Hills

Curiosity MAHLI sol 882 - Pahrump Hills
Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Febbraio 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 24 Febbraio.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.