Martedì 30 Maggio 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Marte: il più grande cratere da impatto documentato da MARCI (MRO)

Un nuovo e recente cratere da impatto sul suolo marziano è stato documentato da una delle fotocamere della sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO).

Il cratere appare, per la prima volta, in una ripresa del 2012, grande come mezzo campo da calcio.
L'impatto che lo ha generato deve essere stato piuttosto simile all'esplosione della meteora russa di Chelyabinsk dello scorso anno.

Un nuovo e recente cratere da impatto sul suolo marziano è stato documentato da una delle fotocamere della sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO).

Il cratere appare, per la prima volta, in una ripresa del 2012, grande come mezzo campo da calcio.
L'impatto che lo ha generato deve essere stato piuttosto simile all'esplosione della meteora russa di Chelyabinsk dello scorso anno.

Il cratere è stato notato, per la prima volta, come un'anomalia nelle immagini del MARCI (Mars Color Imager) che ha ripreso la stessa zona ad un giorno di distanza: a sinistra lo scatto del pomeriggio del 27 marzo 2012 e a destra quello del pomeriggio del 28 marzo 2012.

MARCI 27 marzo 2012 - nuovo cratere su Marte

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

L'area scura apparsa nella foto di destra ricopre una zona di 8 chilometri di diametro e si trova alla 3,34 gradi nord di latitudine e 219,38 gradi est di longitudine, piuttosto vicino a a Olympus e Arsia Mons.

Marte: nuovo cratere marzo 2012 mappa

Questa non è certo la prima volta in cui le fotocamere del Mars Reconnaissance Orbiter confermano la comparsa di un nuovo cratere con immagini pre e post impatto ma è sicuramente il primo caso in cui la testimonianza arriva dalle foto del MARCI, che è una fotocamera grandangolare per il monitoraggio del meteo marziano.
Così, dato il ritmo giornaliero di copertura globale del MARCI, questo diventa il primo impatto ad essere documentato ad un solo giorno marziano di distanza.

Dal momento in cui l'orbiter ha iniziato la sua osservazione sistematica di Marte nel 2006, lo scienziato Bruce Cantor, vice ricercatore principale per questa fotocamera presso il Malin Space Science Systems, l'azienda di San Diego che ha costruito e gestisce il MARCI e la Context Camera (CTX), ha esaminato la copertura globale quotidiana alla ricerca di prove di tempeste di polvere e di altri eventi meteorologici osservabili.
I suoi bollettini meteo sono di grande aiuto per i team dei rover, soprattutto per Opportunity che praticamente vive di energia solare.

Ad ogni modo, circa due mesi fa, Cantor ha notato un insignificante puntino scuro vicino all'equatore in una delle immagini.

"Non era quello che stavo cercando", ha detto Cantor. "Stavo facendo il mio solito monitoraggio meteorologico e qualcosa attirato la mia attenzione. Sembrava qualcosa di familiare, con i raggi provenienti da un punto centrale".

Marte: nuovo cratere marzo 2012 MARCI

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Così Cantor ha iniziato ad esaminare le immagini precedenti, saltando indietro di un mese alla volta o anche di più.

La prima indagine rilevò che la macchia scura era presente un anno fa ma non cinque anni fa.
Cantor, quindi, continuò a circoscrivere la data dell'evento fino a trovare il giorno esatto, tra il 27 e il 28 marzo 2012.

Stabilita con certezza la presenza della macchia scura, è entrata in azione la fotocamera CTX, dell'esperimento High Resolution Imaging Science (HIRISE) a bordo della sonda della NASA MRO.

Questa fotocamera ha ripreso tutta la superficie di Marte almeno una volta durante gli oltre sette anni di osservazioni ed aveva fotografato il sito interessato a gennaio 2012, prima dell'impatto.

Una nuova ripresa del 6 aprile 2014 confermò quindi l'evento e ben due nuovi crateri che non erano presenti nello scatto precedente, più una dozzina di piccoli crateri vicino ai due più grandi, probabilmente creati da altri pezzi dello stesso asteroide o da impatti secondari dovuti a materiale espulso dal terreno a seguito degli impatti maggiori.

Nuovo cratere marzo 2012

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Ognuno di questi due scatti ricopre un'area di 1,6 chilometri.
Il più grande dei due crateri è di 48.5 metri di larghezza, il che lo rende il più grande nuovo cratere confermato con immagini pre e post impatto su Marte e altrove.

Una seconda foto HIRISE del mese di maggio 2014, ha aggiunto un'ulteriore vista dell'area permettendo una ricostruzione tridimensionale della zona.
Lo scatto del 21 maggio 2014 catalogato come ESP_036481_1835 è in stereo pair con lo scatto del 27 aprile 2014, ESP_036336_1835.

Marte: nuovo cratere marzo 2012

Credit: NASA/JPL-Caltech/University of Arizona

"Il più grande cratere è insolito, piuttosto basso rispetto ad altri crateri recenti che abbiamo osservato", ha detto Alfred McEwen dell'University of Arizona di Tucson, principale investigatore HIRISE.

McEwen stima che l'oggetto doveva avere un diametro di circa 3 - 5 metri, ossia meno di un terzo della dimensione stimata per l'asteroide che ha colpito l'atmosfera terrestre vicino a Chelyabinsk, ma su Marte, con l'atmosfera meno densa, è bastata una roccia più piccola per creare un effetto analogo.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Maggio 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 28 Maggio.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.