Domenica 23 Luglio 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Batteri scoperti nel lago di asfalto a Trinidad: nuove implicazioni per la vita extraterrestre

Una recente ricerca condotta da Rainer Meckenstock, microbiologo ambientale del Helmholtz Zentrum München in Germania, pubblicata sulla rivista Science, rivela che la vita può esistere in uno dei posti più inospitali del nostro pianeta.

Il team internazionale di scienziati, infatti, ha scoperto batteri e archeobatteri in un lago di asfalto Trinidad, un singolare bacino di bitume naturale che si trova sull'isola omonima di fronte al Venezzuela, concentrati in minuscole goccioline d'acqua all'interno dell'olio circostante.

Trinidad: lago di asfalto

Credit: Martina Jackson/Wikimedia Commons

Una recente ricerca condotta da Rainer Meckenstock, microbiologo ambientale del Helmholtz Zentrum München in Germania, pubblicata sulla rivista Science, rivela che la vita può esistere in uno dei posti più inospitali del nostro pianeta.

Il team internazionale di scienziati, infatti, ha scoperto batteri e archeobatteri in un lago di asfalto Trinidad, un singolare bacino di bitume naturale che si trova sull'isola omonima di fronte al Venezzuela, concentrati in minuscole goccioline d'acqua all'interno dell'olio circostante.
L'elevata salinità delle gocce e la loro composizione isotopica indica che la fonte degli idrocarburi è il sottosuolo profondo.

Water droplets in oil are microhabitats for microbial life [abstract]

Anaerobic microbial degradation of hydrocarbons, typically occurring at the oil-water transition zone, influences the quality of oil reservoirs. In Pitch Lake, Trinidad and Tobago—the world’s largest asphalt lake—we found that microorganisms are metabolically active in minuscule water droplets (1 to 3 microliters) entrapped in oil. Pyrotag sequencing of individual droplet microbiomes revealed complex methanogenic microbial communities actively degrading the oil into a diverse range of metabolites, as shown by nuclear magnetic resonance and Fourier transform ion cyclotron resonance mass spectrometry. High salinity and water-stable isotopes of the droplets indicate a deep subsurface origin. The 13.5% water content and the large surface area of the droplets represent an underestimated potential for biodegradation of oil away from the oil-water transition zone.

Mentre l'olio sale dal sottosuolo, l'attività microbica ne modifica la composizione chimica, producendo in superficie bolle di metano che vengono rilasciate in atmosfera come risultato.

Il contenuto di acqua qui è decisamente basso, troppo per sostenere la vita. Almeno questo si credeva. Eppure, le poche gocce d'acqua disperse nell'olio contengono una ricca e diversificata vita microbica.

L'abitabilità inaspettata di questo ambiente estremo dimostra quanto la vita sia adattabile, oltre le nostre aspettative, aprendo la strada a nuove considerazioni sui mondi oltre la Terra.

Titano, ad esempio, la grande luna di Saturno è considerata una Terra primordiale congelata.
La sua spessa atmosfera, contenente per lo più azoto e metano, assomiglia a quella terrestre più di 4 miliardi di anni fa, in un momento in cui la vita ha avuto origine sul nostro pianeta. La sua superficie, soprattutto nelle zone polari, è cosparsa di laghi e mari di etano e metano e forse, potrebbe avere un oceano sotterraneo di acqua ed ammoniaca. Ma Titano è anche un mondo estremamente freddo tanto da lasciare poche speranze per la vita.

Le temperature estreme sono certamente un fattore limitante e ogni ipotesi, finora, è solo speculazione ma i risultati del lago di Trinidad suggeriscono che, nonostante le condizioni avverse, anche la luna di Saturno potrebbe essere un luogo dove cercare la vita oltre la Terra.

Personalmente ritengo che quello che rende rilevante la scoperta, non è tanto la presenza di microrganismi in un ambiente inusuale ed estremo, quanto la loro sopravvivenza con pochissima acqua a disposizione. Nel lago Trinidad una goccia di acqua viene utilizzata come capsula di sopravvivenza: così, forse, dovremmo aspettarci la vita anche nei luoghi del nostro Sistema Solare ad oggi ritenuti troppo aridi per sostenerla.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Luglio 2017
L M M G V S D
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 21 Luglio.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - Europa - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.