Mercoledì 28 Giugno 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

La caccia agli asteroidi si rafforza

Il bolide di domenica fotografato in Svizzera
Il bolide di domenica fotografato in Svizzera

Mentre la NASA rilascia una nuova applicazione per facilitare la ricerca di asteroidi potenzialmente prericolosi, negli ultimi giorni un bolide dà spettacolo nei cieli di mezza Europa e una flotta di asteroidi ci ha sfiorati.

Domenica sera un bolide luminosissimo ha solcato i cieli dell'europa centrale, illuminandola quasi a giorno; verso le 20.45 è stato possibile osservarlo per 5-6 secondi nei cieli del sud della Germania, dell'Austria e in quasi tutta la Svizzera; il bolide emanava una luce verde intensa seguita da un boato. Si stanno ancora raccogliendo informazioni al riguardo e si sospetta che il punto di impatto (ammesso che qualche frammento sia giunto a Terra) si trovi a pochi chilometri da Zurigo. Di seguito alcuni video che mostrano il fenomeno ripreso da veicoli:

Nell'ultima settimana, poi, la rete di avvistamento internazionale ha scoperto diversi di oggetti che si sono avvicinati notevolmente alla Terra: Martedi scorso il piccolo asteroide 2015 ET è passato a soli 125000 km dal centro della Terra, ovvero 0.3 distanze lunari, mentre Giovedi l'oggetto 2015 EO6 è passato ancora più vicino, circa 109000 km; pur avendo dimensioni molto ridotte (pochi metri), è stato possibile riprenderlo al telescopio in rapidissimo movimento tra le stelle (consiglio di fissare il centro del campo senza farsi distrarre dal movimento):

Inoltre ieri, poco dopo le 17, un altro oggetto avente denominazione provvisoria WF0AEDA ci ha sfiorati a meno di 100mila km, rendendosi visibile anche con un piccolo telescopio, mentre un asteroide decisamente più grande (classe Apophis, sui 250m) era passato alcune ore prima a distanza molto maggiore (8.15 milioni di km ovvero 21 distanze lunari); l'oggetto, denominato 2015BZ310, veniva tenuto sott'occhio da gennaio mentre gli altri, essendo molto più piccoli e deboli, sono stati avvistati solo alcune ore prima del massimo avvicinamento.

In realtà, questo moltiplicarsi di avvistamenti non è così strano come si potrebbe pensare poichè due volte all'anno, in prossimità degli equinozi, le condizioni di illuminazione sono particolarmente favorevoli alla scoperta di nuovi NEO (Near Earth Object).

Sul fronte della ricerca di questi oggetti, poi, la NASA ha fatto un importante annuncio nel corso del "Southwest Festival" di Austin, Texas: oltre a ribadire come i "cittadini-scienziati" (science citizen) hanno fatto la differenza nella caccia di asteroidi, è stato annunciato il rilascio di una applicazione software per desktop sviluppata dalla NASA in collaborazione con il "Planetary Resources, Inc." di Redmond, Washington. L'applicazione si basa su un algoritmo di ricerca che analizza le immagini astronomiche per scoprire i potenziali asteroidi. E' uno strumento che può essere utilizzato dagli astronomi dilettanti e appassionati.

La sfida "Asteroid data Hunter challenge" faceva parte del progetto NASA "Asteroid Grand Challenge" lanciata nel Novembre scorso; era stato previsto un totale di 55 mila dollari in premi per i partecipanti che sviluppassero un significativo miglioramento negli algoritmi per identificare gli asteroidi in immagini catturate dai telescopi terrestri. Le soluzioni vincenti di ogni pezzo del concorso combinati per creare un'applicazione utilizzando il miglior algoritmo e questo ha accresciuto la sensibilità di rilevamento e ridotto al minimo il numero di "falsi positivi" (ignorando imperfezioni nei dati), girando in modo efficace su tutte le piattaforme informatiche. "La Asteroid data Hunter challenge è alla ricerca di partnership non tradizionali per portare il contributo degli "science-citizen" e della comunità di appassionati all'interni delle attività della NASA," ha detto Jason Kessler, programma esecutivo per la "Asteroid Grand Challenge". "La sfida ha avuto successo oltre le nostre speranze, creando qualcosa che fa la differenza tangibile nella ricerca e mette in evidenza la possibilità per più persone di giocare un ruolo nel proteggere il nostro pianeta."

I dati a cui attinge il sistema di ricerca sono quelli forniti dal Minor Planet Center (MPC), nel centro astrofisico di Harvard-Smithsonian a Cambridge, Massachusetts, mentre le immagini sono fornite dall'osservatorio automatizzato del Catalina Sky Survey (University of Arizona, Tucson).

Il software può venire liberamente scaricato dalla pagina http://www.topcoder.com/asteroids/

 

Fonti:
- http://www.rsi.ch/news/svizzera/Meteorite-sopra-la-Svizzera-4062038.html
- http://www.nasa.gov/press/2015/march/new-desktop-application-has-potential-to-increase-asteroid-detection-now-available/#.VQhEe98k6Ml
- http://ssd.jpl.nasa.gov/sbdb.cgi?sstr=2015 BZ310;orb=1 

Condividi e resta aggiornato!

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

Sito web: https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Altri articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

3 commenti

  • Link al commento Andy Venerdì, 20 Marzo 2015 19:21 inviato da Andy

    Marco

    Visto che sia interessato alle legame tra gli asteroidi e i meteoriti che potrebbero seguire nella stessa orbita, posso sottolineare questa possibilità per 2015EG7 che passerà stasera? Già ho scoperto (con aiuti d'un amico con software), legame entro 2014UA176/San Antonio (Novembre 2014); 2014RC10/Espagna (Settembre 2014). San Antonio è arrivato d'un radiante previsto 2 giorni utilizzando gli parametri orbitali di UA176. Ma non avevo un telescopio per controllare il radiante. Queste due avevano l'azimut e altitudine previsti e San Antonio aveva la velocità prevista, più o meno (Espagna non era controllata per velocità).

    2015EG7 è scoperto due giorni fa con massimo avvicinamento alle 21:27 UTC di stasera. Non è abbastanza vicino (circa un milione km) ma il MOID (minimum orbit intersection distance) e solamente 38,500km. Utilizzo il MOID esclusivamente per più precisione perché massimo avvicinamento non ci dà tutto il quadro.

    Passiamo sotto il MOID di EG7 alle 7:15 UTC domani, 21 Marzo. Quindi sarà possibile percepire qualsiasi più pietre che seguono EG7 nella stessa orbita. Il radiante è sotto Leone sull'eclittico, circa di ascensione retta 10 ore 40 minuti; declinazione 8 gradi.

    Sarà un disco che sottende due gradi (alle 21:00 UTC) e segna il disco da quale qualsiasi meteoriti potrebbero venire è ci colpire. Questo disco crescerà e diventerà circa 3 gradi entro 00:00 UTC e 6 gradi alle 0:300 UTC con la supposizione che qualsiasi meteoriti arriveranno alle 07:15. Questo tempo è il tempo "zero" con massima probabilità ma meteoriti potrebbero arrivare entro mezzanotte e mezzogiorno, domani 21 Marzo.

    Se abbia l'opportunità, potresti osservare il radiante? No dico che sarà meteoriti! (C'erano tre altri frattanto senza meteoriti). Ma per UA176 e RC10, forse ci fossero. Sebbene ci sono molti asteroide che passano quasi ogni giorno, ci sono solamente uno ogni due mesi con un MOID sotto 50,000 km. Questi sono i più promettenti e EG7 è uno di questi.

    PS. Ogni pietra extra sarà quasi immobile nel panoramica telescopica. Ci potrebb'essere altri sul orbita a ogni lato del radiante. L'orbita è quasi sull'eclittico ma a un mezzo grado sotto (dato a un inclinazione orbita di EG7 di solamente 0.16 gradi)
    Andy

  • Link al commento Marco Di Lorenzo (DILO) Mercoledì, 18 Marzo 2015 06:59 inviato da Marco Di Lorenzo (DILO)

    Andy, per ora anch'io non ho queste informazioni ma appena saprò dirti qualcosa ti farò sapere. Complimenti per il commento su Rosetta, molto interessante!

  • Link al commento Andy Mercoledì, 18 Marzo 2015 01:49 inviato da Andy

    Marco

    Sono interessato alla meteora di Zurigo, sopratutto la traiettoria atmosferica (altitudine e azimut) per fare indagine rispetto qualsiasi collegamento tra la meteora e uno dei asteroidi.

    Conosci l'esistenza di qualsiasi società europea come AMS (American Meteor Society)? Questa società fa le triangolazione utilizzando i resoconti dei testimoni e video.

    Già ho fatto un possibile collegamento tra 2015ET e la palla di fuoco sopra Colorado, il 11 Marzo. Sto in attesa per i risultati d'un elaborazione tramite software astronomico che confermerà o no i miei conclusione.

    Se senti parlare della traiettoria puoi fare un update?

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Giugno 2017
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 26 Giugno.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.