Sabato 3 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Una piccola galassia con un grande buco nero

Utilizzando i dati del telescopio spaziale Hubble e quelli delle osservazioni da Terra, gli astronomi hanno scoperto un oggetto improbabile in un luogo improbabile: un mostruoso buco nero supermassiccio nascosto in una delle galassie più piccole conosciute.

Il buco nero, che ha cinque volte la massa di quello al centro della nostra Via Lattea, è all'interno della galassia nana ultracompatta M60-UCD1, una delle più dense conosciute, con circa 140 milioni di masse solari all'interno di un diametro di circa 300 anni luce, solo 1/500 ° del diametro della nostra Galassia.

Galassia M60-UCD1

Credit: NASA, ESA, STScI-PRC14-41a

Utilizzando i dati del telescopio spaziale Hubble e quelli delle osservazioni da Terra, gli astronomi hanno scoperto un oggetto improbabile in un luogo improbabile: un mostruoso buco nero supermassiccio nascosto in una delle galassie più piccole conosciute.

Il buco nero, che ha cinque volte la massa di quello al centro della nostra Via Lattea, è all'interno della galassia nana ultracompatta M60-UCD1, una delle più dense conosciute, con circa 140 milioni di masse solari all'interno di un diametro di circa 300 anni luce, solo 1/500° del diametro della nostra Galassia.

Questa scoperta è la prova che molte altre nane supercompatte potrebbero nascondere buchi neri supermassicci.

Tale caratteristica potrebbe essere spiegata se le galassie nane fossero i resti di galassie più grandi, residui di collisioni galattiche, piuttosto che isole di stelle solitarie.
I buchi neri molto grandi, infatti, si trovano generalmente all'interno di grandi galassie, dalle quali traggono materiale per l'accrescimento. 

"Non conosciamo nessun altro modo in cui si potrebbe formarsi un buco nero così grande in un oggetto così piccolo", ha dichiarato Anil Seth dell'Università dello Utah, astronomo ed autore principale dello studio pubblicato oggi sulla rivista Nature.

A supermassive black hole in an ultra-compact dwarf galaxy [abstract]

Ultra-compact dwarf galaxies are among the densest stellar systems in the Universe. These systems have masses of up to 2 × 108 solar masses, but half-light radii of just 3–50 parsecs. Dynamical mass estimates show that many such dwarfs are more massive than expected from their luminosity. It remains unclear whether these high dynamical mass estimates arise because of the presence of supermassive black holes or result from a non-standard stellar initial mass function that causes the average stellar mass to be higher than expected. Here we report adaptive optics kinematic data of the ultra-compact dwarf galaxy M60-UCD1 that show a central velocity dispersion peak exceeding 100 kilometres per second and modest rotation. Dynamical modelling of these data reveals the presence of a supermassive black hole with a mass of 2.1 × 107 solar masses. This is 15 per cent of the object’s total mass. The high black hole mass and mass fraction suggest that M60-UCD1 is the stripped nucleus of a galaxy. Our analysis also shows that M60-UCD1’s stellar mass is consistent with its luminosity, implying a large population of previously unrecognized supermassive black holes in other ultra-compact dwarf galaxies2

Il team internazionale ha utilizzato i dati del telescopio spaziale Hubble e le osservazioni nel visibile e nell'infrarosso del telescopio da 8 metri Gemini Nord, sul Mauna Kea nelle Hawaii, per studiare M60-UCD1 e misurare la massa del buco nero.
Le nitide immagini di Hubble hanno fornito informazioni sul diametro della galassia e la densità stellare; il Gemini ha misurato i moti stellari affetti dalla presenza del buco nero.

I buchi neri sono collassi gravitazionali, oggetti ultra compatti con un'attrazione gravitazionale tale che persino la luce non può sfuggire. I buchi neri supermassicci, quelli con la massa di almeno un milione di stelle come il nostro Sole, sono presenti al centro di molte galassie. Quello nella nostra ha la massa di 4 milioni di Soli, pari allo 0,01 per cento dei 50 miliardi di masse solari stimati per tutta la Via Lattea. In confronto, il buco nero supermassiccio al centro di M60-UCD1 ha la massa di 21 milioni di soli, che è ben il 15 per cento della massa totale della piccola galassia.

"Questo è piuttosto sorprendente, dato che la Via Lattea è 500 volte più grande e oltre 1.000 volte più pesante della galassia nana M60-UCD1", ha detto Seth.

Una spiegazione  potrebbe essere che M60-UCD1 era una volta una grande galassia contenente 10 miliardi di stelle, che si ritrovò troppo vicino al centro di una galassia ancora più grande, M60, che le strappò via, inglobandole, tutte le stelle e la materia oscura più esterna.

Il team ritiene che M60-UCD1 potrà in futuro fondersi completamente con M60, con il suo mostruoso buco nero di 4,5 miliardi di masse solari, oltre di 1.000 volte più grande del buco nero nella nostra Galassia. Quando ciò accadrà, allora probabilmente anche i buchi neri si fonderanno.
Entrambe le galassie si trovano a 50 milioni di anni luce di distanza da noi.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

3 commenti

  • Link al commento Anakin Venerdì, 19 Settembre 2014 16:13 inviato da Anakin

    Quindi non è proprio una rappresentazione. Potremmo dire di guardare effettivamente un buco nero

  • Link al commento Elisabetta Bonora Venerdì, 19 Settembre 2014 15:59 inviato da Elisabetta Bonora

    E' un'illustrazione del buco nero supermassiccio.
    Ecco l'estratto della discalia dal [url=http://sci.esa.int/hubble/54657-artist-concept-of-supermassive-black-hole-within-m60-ucd1/]sito ESA[/url]:
    Because no light can escape from the black hole, it appears simply in silhouette against the starry background. The black hole's intense gravitational field warps the light of the background stars to form ring-like images just outside the dark edges of the black hole's event horizon.

  • Link al commento Anakin Venerdì, 19 Settembre 2014 14:46 inviato da Anakin

    Ciao. Ma l'immagine, al centro, rivela che quello che vediamo è effettivamente un buco nero o solo una rappresentazione?

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 1 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.