Giovedì 8 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Tracce di supernove dietro l'angolo

Una volta ogni 50 anni, più o meno, una stella massiccia esplode qualche da parte nella Via Lattea, producendo così tanta energia in una frazione di secondo, quanta il Sole ne emette in un milione di anni. Una supernova, al suo apice, può offuscare l'intera Galassia.

E' chiaro che per quanto sia spettacolare l'evento, nessuno si augura che una stella esploda vicino alla Terra. Eppure, a quanto pare, è già accaduto in passato e più di una volta!

Bolla Locale

Credit: Illustration Credit & Copyright: Linda Huff (American Scientist), Priscilla Frisch (U. Chicago)

Una volta ogni 50 anni, più o meno, una stella massiccia esplode qualche da parte nella Via Lattea, producendo così tanta energia in una frazione di secondo, quanta il Sole ne emette in un milione di anni. Una supernova, al suo apice, può offuscare l'intera Galassia.

E' chiaro che per quanto sia spettacolare l'evento, nessuno si augura che una stella esploda vicino alla Terra. Eppure, a quanto pare, è già accaduto in passato e più di una volta!

Tracce di esplosioni di supernove potrebbe trovarsi sul nostro stesso pianeta, raccontate dagli alberi ad esempio, o dai meteoriti, ma ora gli scienziati hanno la prova che qualcosa sicuramente accadde circa 10 milioni di anni fa in un gruppo di stelle vicine.

Le loro esplosioni crearono quella che gli astronomi la chiamano "Bolla Locale": ha la forma di un'arachide, è lunga circa 300 anni luce e piuttosto "vuota" (0.001 atomi per centimetro cubo). Il gas al suo interno è anche molto caldo (circa un milione di gradi).

Questa bolla è stata scoperta a poco a poco tra gli anni '70 e '80 dagli astronomi che osservavano ed ascoltavano il gas interstellare nella nostra parte di galassia. Ma con l'avvento degli osservatori a raggi X è stato rilevato un bagliore diffuso anche vicino alla Terra, che lasciava presupporre che anche il nostro pianeta fosse all'interno della bolla.

Tuttavia, non tutti erano d'accordo.
"Nell'ultimo decennio, alcuni scienziati si sono sfidati sull'interpretazione, suggerendo che gran parte o tutto il debole sfondo diffuso a raggi X fosse, invece, il risultato di uno scambio di carica", racconta F. Scott Porter del Goddard Space Flight Center.

Lo "scambio di carica" accade quando il vento solare elettricamente carico viene a contatto con un gas neutro: strappando elettroni a quest'ultimo, si produce un bagliore di raggi X che assomiglia un po' ad un bagliore da supernova.

Ma i dubbi sono rimasti fino a quando un team di ricercatori internazionali, tra cui Porter, guidati dal professore di fisica Massimiliano Galeazzi dell'Università di Miami, hanno sviluppato un rivelatore di raggi X in grado di distinguere tra le due possibilità.

Il dispositivo, chiamato DXL (Diffuse X-ray emission from the Local Galaxy), era stato lanciato il 12 dicembre 2012 dal New Mexico ed ha raggiunto un picco di altitudine di 256 chilometri, trascorrendo solo cinque minuti sopra l'atmosfera terrestre. Quel breve arco di tempo è bastato per misurare la quantità di "scambio di carica" a raggi X all'interno del Sistema Solare.

I risultati, pubblicati online sulla rivista Nature il 27 luglio, indicano che solo circa il 40 per cento della radiazione difffusa nella banda X ha origine all'interno del Sistema Solare. Il resto deve provenire dalla Bolla Locale, la reliquia di antiche supernove di fuori del Sistema Solare.

Ovviamente, queste stelle non erano abbastanza vicine da sterminare la vita sulla Terra ma lo erano abbastanza da avvolgere il nostro pianeta in una bolla di gas caldo che persiste ancora oggi, milioni di anni più tardi.

Galeazzi e i suoi collaboratori stanno ora pianificando il prossimo volo del DXL, che utilizzerà ulteriori strumenti per caratterizzare l'emissione. Il lancio è attualmente previsto per dicembre 2015.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 8 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.