Sabato 10 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Due settimane infernali sulla luna di Giove, Io

Tre massicce eruzioni vulcaniche si sono verificate nell'arco di due settimane sulla luna di Giove, Io.
Osservate dal WM Keck Observatory e dal Gemini Observatory, entrambi nei pressi della vetta del Mauna Kea nelle Hawaii, fanno ipotizzare che questi fenomeni sia più frequenti di quanto si pensasse.

"In genere, ci aspettiamo un grande sfogo ogni uno o due anni e di solito non così luminoso", ha dichiarato Imke de Pater, professore di astronomia presso l'Università della California, Berkeley, autore principale di uno dei due documenti sugli eventi. "Ma qui abbiamo tre esplosioni estremamente luminose che suggeriscono che, se avessimo guardato più spesso, ne avremmo viste molte di più".

Esplosioni vulcaniche su Io

Credit: Katherine de Kleer/UC Berkeley/Gemini Observatory

Tre massicce eruzioni vulcaniche si sono verificate nell'arco di due settimane sulla luna di Giove, Io.
Osservate dal WM Keck Observatory e dal Gemini Observatory, entrambi nei pressi della vetta del Mauna Kea nelle Hawaii, fanno ipotizzare che questi fenomeni sia più frequenti di quanto si pensasse.

"In genere, ci aspettiamo un grande sfogo ogni uno o due anni e di solito non così luminoso", ha dichiarato Imke de Pater, professore di astronomia presso l'Università della California, Berkeley, autore principale di uno dei due documenti sugli eventi. "Ma qui abbiamo tre esplosioni estremamente luminose che suggeriscono che, se avessimo guardato più spesso, ne avremmo viste molte di più".

L'immagine in apertura è un mosaico delle osservazioni del 15 agosto 2013 nelle lunghezze d'onda ifrarosse del WM Keck Observatory e una del Gemini Nord del 29 agosto 2013.
La barra a destra di ogni box indica l'intensità dell'emissione infrarossa.
Notare che gli eventi del 15 agosto, avvenuti in Rarog e Heno Patera, sono sostanzialmente spariti nello scatto successivo.
Un secondo punto luminoso è visibile più a nord nel frame "c" e più ad ovest in "d" ed è stato identificato come Loki Patera.
Uno sfogo ancora più brillante si vede in basso a destra in "d", con l'etichetta "201308C", una delle più potenti esplosioni mai viste su Io.

De Pater ha scoperto le prime due eruzioni del 15 agosto 2013, utilizzando la fotocamera nel vicino infrarosso (NIRC2) del sistema di ottica adattiva sul telescopio Keck II, uno dei due telescopi di 10 metri gestiti dal W. M. Keck Observatory nelle Hawaii.

La prima eruzione, avvenuta in una caldera chiamata Rarog Patera, dovrebbe aver prodotto una colata lavica di circa 50 chilometri quadrati, spessa circa 9 metri; mentre quella di Heno Patera copre circa 193 chilometri quadrati.

Ma il bello doveva ancora venire: l'esplosione del 29 agosto è stata la migliore mai vista su Io, catturata sia con il Near-Infrared Imager con ottiche adattive sul telescopio Gemini Nord che con il SpeX spettrometro nel vicino infrarosso dell'Infrared Telescope Facility (IRTF) della NASA.
L'osservazione in contemporanea ha permesso di calcolare che la temperatura dell'evento deve essere stata molto più alta di qualsiasi altra eruzione sulla Terra di oggi.

Al momento dell'osservazione, la sorgente termica aveva un'area di circa 51 chilometri quadrati e il modello della temperatura della lava indicava un raffreddamento rapido, suggerendo che l'evento fosse dominato da fontane di lava.

Il team ha continuato a monitorare le temperature della terza eruzione per altre due settimane, per capire come i vulcani influenzano l'atmosfera di Io e la zona di gas ionizzato che circonda Giove vicino l'orbita della luna.

Io, il più interno dei quattro grandi satelliti galileiani di Giove, con un diametro di circa 3.700 chilometri è, a parte la Terra, l'unico posto conosciuto nel Sistema Solare con vulcani in eruzione lavica estremamente caldi.
A causa della bassa gravità, le eruzioni vulcaniche su Io producono un ombrello di detriti che si espande nello spazio.

I vulcani furono notati per la prima volta nel 1979 e osservati da vicino nel 1996 dalla sonda Galileo, la prima a volare vicino alla luna. Le osservazioni con i telescopi terrestri dimostrano che il vulcanesimo su Io è piuttosto frequente ma le grandi eruzioni sono sempre state considerate eventi rari. Solo 13 ne sono state viste tra il 1978 e il 2006 ma probabilmente perché le osservazioni non sono state costanti.

"Questi nuovi eventi sono nello stesso tempo una classe di eruzioni relativamente rare per la loro dimensioni e sorprendentemente elevata emissione termica", ha detto De Pater.
"La quantità di energia che viene emessa da queste eruzioni implica fontane di lava che partono da fessure con un volume molto grande al secondo, formando colate che si diffondono rapidamente sulla superficie di Io".

Tutti e tre gli eventi sono stati probabilmente caratterizzati da vere e proprie "cortine di fuoco".

Ora, il team prevede un monitoraggio annuale della superficie della luna.

"Stiamo utilizzando Io come un laboratorio di vulcanologia, dove possiamo guardare indietro nel passato dei pianeti terrestri per ottenere una migliore comprensione di come si sono verificate queste grandi eruzioni, quanto velocemente e quanto tempo sono durate", spiega il coautore degli studi Ashley Davies, un vulcanologo con Jet Propulsion Laboratory della NASA presso il California Institute of Technology di Pasadena, in California.

La ricerca, descritta in due documenti distinti, è stata accettata per la pubblicazione dalla rivista Icarus.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 10 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.