Lunedì 5 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Ganimede potrebbe essere un sandwich di oceani e ghiaccio

Fino ad oggi si pensava che Ganimede, il più grande satellite di Giove ma anche la più grande luna del Sistema Solare, più grande di Mercurio, ospitasse un oceano molto profondo tra due strati di ghiaccio.
Recenti studi, però, aprono nuovi scenari: Ganimede potrebbe essere composta da diversi strati di oceani e ghiaccio, sul cuore roccioso.

Ganimede - struttura

Credit: NASA/JPL-Caltech

Fino ad oggi si pensava che Ganimede, il più grande satellite di Giove ma anche la più grande luna del Sistema Solare, più grande di Mercurio, ospitasse un oceano molto profondo tra due strati di ghiaccio.
Recenti studi, però, aprono nuovi scenari: Ganimede potrebbe essere composta da diversi strati di oceani e ghiaccio, sul cuore roccioso.

"L'oceano di Ganimede potrebbe essere organizzato come un sandwich Dagwood", spiega Steve Vance del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California, paraganonando la luna ad un panino gigante di un personaggio dei fumetti americani.

Tale struttura includerebbe Ganimede alla lista dei corpi nel nostro Sistema Solare con ambienti potenzialmente adatti ad ospitare la vita.

I dettagli del nuovo studio sono stati pubblicati sulla rivista Planetary and Space Science.

Gli scienziati sospettavano che Ganimede avesse un oceano sotterraneo dal 1970.
Nel 1990 la sonda della NASA Galileo sorvolò la luna, confermando la presenza di un oceano profondo centinaia di chilometri e rilevando sali di solfato di magnesio a testimonianza di un mare salato.

In base alla precedente visione e ai dati di densità e pressione, si riteneva che l'oceano avesse solo una crosta e un fondo ghiacciato ma ora, nuove simulazioni dimostrano che a contatto con il nucleo roccioso potrebbe esserci acqua liquida salata, il che renderebbe il mare di Ganimede un posto ideale per la vita.

I modelli recenti, ricalcolati aggiungendo i dati sulla salinità, dimostrano che il ghiacci potrebbe in realtà essere un liquido abbastanza denso da depositarsi sul fondo del mare, un po' quello che succede mettendo del sale da cucina in un bicchiere d'acqua. Con questo semplice esperimento domestico è facile notare che il liquido, invece di aumentare di volume, si restringe diventando più denso perché gli ioni del sale attraggono le molecole d'acqua.

Ma di ghiaccio ne esistono diversi tipi.
Quello con cui abbiamo a che fare normalmente ha una struttura cristallina esagonale (ghiaccio I) ed è la forma meno densa di ghiaccio, più leggera dell'acqua. A seconda della temperatura e della pressione, però, il ghiaccio può esistere con caratteristiche diverse.

A pressioni elevate, ad esempio, come quelle degli oceani di Ganimede profondi fino a 800 chilometri, i cristalli di ghiaccio diventano più compatti.
La forma di ghiaccio più densa che dovrebbe esistere su Ganimede è nota come ghiaccio VI, così densa da essere più pesante dell'acqua e cadere sul fondo del mare.

Inserendo questi dati nelle simulazioni, il team ha disegnato un modello con un oceano racchiuso tra tre strati di ghiaccio, oltre al fondo roccioso.
Con abbastanza sale, tra l'ultimo strato di ghiaccio (ghiaccio VI) e il fondale, riuscirebbe a disporsi ancora uno strato liquido, che sarebbe più pesante del ghiaccio VI.

I risultati dimostrerebbero anche l'esistenza di un bizzarro fenomeno: una sorta di vero e proprio ciclo del ghiaccio movimenterebbe gli oceani di Ganimede con nevicate al contrario.
Quando si forma il ghiaccio i sali precipitano verso il basso, mentre il ghiaccio più leggero, o neve, tende a salire verso la superficie, sciogliendosi prima di raggiungerla e trasportando la fanghiglia del fondo verso gli strati superiori del sandwich. A seconda della quota del deposito e quindi della pressione, la neve andrebbe a creare i diversi tipi di ghiaccio.

"Non sappiamo da quanto tempo possa esistere la struttura a sandwich Dagwood", ha detto Christophe Sotin del JPL, menbro del NASA Astrobiology Institute presso l'Ames Research Center a Moffett Field, California.
"Questa struttura rappresenta un modello stabile ma diversi fattori potrebbero voler dire che la luna non è stata in grado di raggiungere tale stato".

Mentre, quindi, non ci resta che attendere ulteriori dati sulla struttura della luna dalle future missioni, come JUpiter ICy moons Explorer or JUICE dell'Agenzia Spaziale Europea, che si propone di visitare Europa, Callisto e Ganimede nel 2030, questi modelli potranno essere applicati nello studio dei pianeti extrasolari.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 4 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.