Mercoledì 7 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Confermato un grande anello di polveri in prossimità dell'orbita di Venere

Per la seconda volta, un grande anello di polveri diffuse è stato confermato in prossimità dell'orbita di un pianeta del nostro Sistema Solare.
Non stiamo parlando dei maestosi anelli di ghiaccio di Urano, Giove e Saturno (per eccellenza!) ma di una sorta di coda di polveri, simile a quella studiata a fine 2010 dal telescopio Spitzer della NASA in prossimità della Terra.

Venus dust ring NASA STEREO image

Credit: M.H.Jones / The Open University

Per la seconda volta, un grande anello di polveri diffuse è stato confermato in prossimità dell'orbita di un pianeta del nostro Sistema Solare.
Non stiamo parlando dei maestosi anelli di ghiaccio di Urano, Giove e Saturno (per eccellenza!) ma di una sorta di coda di polveri, simile a quella studiata a fine 2010 dal telescopio Spitzer della NASA in prossimità della Terra.

Il Sistema Solare è disseminato di frammenti di comete e asteroidi, così quando il nostro pianeta orbita in questo spazio polveroso, trascina dietro a sé una scia.

Earth dust tail

Credit: Christopher Stark, GSFC

Ora, un anello simile è stato scoperto vicino a Venere: si estende per 220 milioni di chilometri ma è denso solo il 10 per cento di più rispetto allo spazio interplanetario.

Produce un bagliore noto come luce zodiacale, ossia una debole luminosità lungo l'eclittica, in particolare nelle vicinanze del Sole.

In base a quanto riportato sul sito space.com, Mark Jones, della Open University del Regno Unito, ha spiegato via mail:
"se potessimo osservarlo ad occhio nudo dalla Terra (cosa che ovviamente non possiamo fare perché è troppo debole) si estenderebbe a 45 gradi su entrambi i lati del Sole".

Venus dust ring NASA STEREO viewing geometry

Credit: M.H. Jones / The Open University

Diverse missioni spaziali sovietiche, come Venera 9 e 10, avevano individuato tracce di un anello di polveri vicino a Venere ma senza alcuna prova definitiva. Così Jones e colleghi hanno cercato di confermare la scoperta.

Il team ha simulato l'anello nei pressi di Venere e il modo in cui avrebbe dovuto riflettere la luce; successivamente, ha sfruttato le immagini delle sonde STEREO (Solar TErrestrial RElations Observatory) della NASA, che studiano il Sole dal 2006, per individuare realmente l'anello.

La ricerca programmata, però, non ha mancato di riservare qualche sorpresa, mostrando un anello di polveri significativamente diverso rispetto a quello che si trova in prossimità dell'orbita terrestre.

La struttura di Venere mostra due componenti distinte: una interna all'orbita e l'altra esterna alla traiettoria del pianeta.

Questi anelli di polveri si dispongono in risonanza orbitale con i corpi principali, in questo caso la Terra o Venere, e nascono catturando il materiale dello spazio interplanetario.
Posso essere strutture longeve, a differenza della polvere che li compone che, invece, è soggetta ad un certo ricambio: il materiale rimane intrappolato nell'anello non più di 10.000 anni.
Così, anche se tali formazioni non ci raccontano molto sulle origini del nostro Sistema Solare, possono diventare un'arma in più per la ricerca di esopianeti.

Riferimenti:
www.space.com/23683-giant-venus-dust-ring-nasa-stereo.html

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 7 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.