Lunedì 5 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Se gli asteroidi cambiano colore è anche colpa di Marte!

In molti anni di osservazioni astronomiche, una domanda era ancora rimasta irrisolta: come mai gli asteroidi appaiono più rossi rispetto ai meteoriti precipitati sulla Terra?

Nel 2010, Richard Binzel, professore di scienze planetarie al MIT (Massachusetts Institute of Technology) aveva ipotizzato che fossero le radiazioni cosmiche a modificare la struttura e la chimica delle rocce spaziali in orbita nella fascia principale di asteroidi del nostro Sistema Solare, tra Marte e Giove.

Fascia di asteroidi

Credit: NASA

In molti anni di osservazioni astronomiche, una domanda era ancora rimasta irrisolta: come mai gli asteroidi appaiono più rossi rispetto ai meteoriti precipitati sulla Terra?

Nel 2010, Richard Binzel, professore di scienze planetarie al MIT (Massachusetts Institute of Technology) aveva ipotizzato che fossero le radiazioni cosmiche a modificare la struttura e la chimica delle rocce spaziali in orbita nella fascia principale di asteroidi del nostro Sistema Solare, tra Marte e Giove.

Contemporaneamente, gli asteroidi che si avventurano al di fuori della fascia principale, passando vicino alla Terra, risentono degli effetti della gravità terrestre, in grado di provocare sulla loro superficie sollecitazioni simili ad un terremoto, spostando il materiale ed esponendo quello sottostante.
Quando questi asteroidi con una "nuova veste" si avvicinano troppo alla Terra, si frammentano e cadono sul nostro pianeta come meteoriti.

Ma ora, Binzel e la collega Francesca DeMeo, hanno scoperto che Marte, anche se più piccolo rispetto alla Terra, può avere lo stesso effetto.

Il team ha calcolato le orbite di 60 asteroidi modificati, scoprendo che il 10 per cento non incrocia l'orbita della Terra ma passa vicino a Marte. Questo suggerisce che anche il Pianeta Rosso è in grado di rinfrescare la superficie delle rocce spaziali.
Nei calcoli si è tenuto conto anche della probabilità di collisione tra gli asteroidi stessi e della possibilità che si verifichi uno "spin-up ", ossia un fenomeno in cui l'energia del Sole aumenta la rotazione dell'asteroide provocando possibili ricambi di materiale superficiale.

L'idea che anche Marte, grande solo un terzo della Terra, con un decimo della sua massa, riesca ad avere una tale influenza sugli asteroidi è sorprendente perché allora questa caratteristica potrebbe essere propria anche di altri corpi del nostro Sistema Solare. Tra l'altro Marte ha una posizione privilegiata rispetto alla fascia di asteroidi: i suoi incontri con le rocce spaziali possono essere molto più frequenti aumentando notevolmente la sua influenza.

De Meo fa notare che anche se il 10 per cento su 60 asteroidi può sembrare un piccolo numero, considerate le ridotte dimensioni del Pianeta Rosso diventa un valore significativo.

"Marte è proprio accanto alla cintura di asteroidi e in un certo senso ha più opportunità rispetto alla Terra per modificare le rocce spaziali", sottolinea Binzel.

"Marte è più potente di quanto ci aspettassimo ".

I risultati del nuovo studio sono stati pubblicati sulla rivista Icarus.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 4 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.