Sabato 10 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Le nuvole di Marte ricreate sulla Terra

A prima vista le nuvole di Marte potrebbero essere considerate simili a quelle terrestri: le immagini riprese dalle sonde e dai rover (OPPORTUNITY SOL 2847: UNO SGUARDO AL CIELO) al lavoro sul Pianeta Rosso raffigurano vaporosi ciuffi ad alta quota simili ai cirri.

Gli scienziati, conoscendo la composizione atmosferica di Marte, ipotizzano che queste nubi siano costituite per lo più da cristallo di ghiaccio d'acqua e di anidride carbonica ma senza poter condurre una ricerca sul posto, rimane abbastanza difficile ipotizzare a quali condizioni si possono formare.

Marte

Credit: NASA

A prima vista le nuvole di Marte potrebbero essere considerate simili a quelle terrestri: le immagini riprese dalle sonde e dai rover (OPPORTUNITY SOL 2847: UNO SGUARDO AL CIELO) al lavoro sul Pianeta Rosso raffigurano vaporosi ciuffi ad alta quota simili ai cirri.

Gli scienziati, conoscendo la composizione atmosferica di Marte, ipotizzano che queste nubi siano costituite per lo più da cristallo di ghiaccio d'acqua e di anidride carbonica ma senza poter condurre una ricerca sul posto, rimane abbastanza difficile ipotizzare a quali condizioni si possono formare.

Così i ricercatori del MIT (Massachusetts Institute of Technology) hanno ricreato le condizioni atmosferiche marziane in una camera alta tre piani di un laboratorio tedesco, regolando opportunamente temperatura ed umidità relativa, cercando di riprodurre le nuvole del Pianeta Rosso sulla Terra.

Il team è riuscito a ricreare le nuvole alle condizioni di temperatura più fredde, tipiche di Marte, scoprendo però che per il processo era necessaria molta più umidità relativa: la camera è stata regolata al 190 per cento, un valore di gran lunga superiore a quello necessario per simulare le nubi dellaTerra.

D'altra parte, un altro studio aveva portato Armin Kleinboehl del NASA Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California, ad affermare:
"Pensiamo a Marte come un mondo freddo e secco con poca acqua ma vi è in realtà più vapore acqueo nell'atmosfera marziana che negli strati superiori dell'atmosfera terrestre".

Il team ha condotto la maggior parte degli esperimenti durante l'estate del 2012 a Karlsruhe, in Germania , presso l'Aerosol Interaction and Dynamics in the Atmosphere (AIDA), un ex reattore nucleare trasformato nella più grande camera a nebbia del mondo.

L'impianto era stato progettato in realtà per similare le condizioni ambientali della Terra ma Dan Cziczo, del MIT e autore dello studio, si è reso conto che con un po' di messa a punto si sarebbe potuto adattare anche a Marte.

Per fare questo, la squadra ha dovuto eliminare tutto l'ossigeno dalla camera e sostituirlo con azoto inerte o anidride carbonica, i componenti più comuni dell'atmosfera marziana.
Hanno quindi ricreato una tempesta di polvere immettendo particelle fini simili a quelle che caratterizzano l'atmosfera del Pianeta Rosso: intorno ad esse, il vapore acqueo riesce ad aderire.
Successivamente il team ha impostato la temperatura, partendo dalle più fredde a cui si formano le nuvole sulla Terra, -81 gradi Fahrenheit (ossia -62.8 gradi Celsius), scendendo progressivamente fino ai -120 gradi Fahrenheit (-84,5 gradi Celsius).

In una settimana sono stati in grado di creare 10 nuvole, ognuna delle quali ci ha impiegato circa 15 minuti per formarsi.

Nei sei mesi successivi sono stati analizzati i dati registrati: i ricercatori si sono resi conto che, man mano che si scendeva di temperatura e quindi ci si avvicinava alle condizioni atmosferiche marziane, erano richiesti livelli di umidità relativa sempre maggiori, affinché il vapore acqueo riuscisse a formare cristalli di ghiacci intorno ai granelli di polvere.

Cziczo sottolinea che è poco chiaro come mai questo accada su Marte e si ripromette quindi di proseguire gli esperimenti nel laboratorio tedesco il prossimo autunno.

La scoperta aiuterà senza dubbio a migliorare i modelli attuali per l'atmosfera marziana e a comprendere il "ciclo dell'acqua" sul Pianeta Rosso.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Journal of Geophysical Research: Planets.

Articolo originale: Making Martian Clouds On Earth: Clouds On Mars Form in Much More Humid Conditions Than Clouds On Earth

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 8 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.