Sabato 10 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Le discusse origini della Luna: più giovane del previsto

La Luna è più giovane del previsto, probabilmente tra i 4.4 e 4.45 miliardi di anni e non 4.56 miliardi anni come ritenuto finora.
Questi, i risultati presentati dal professor Richard Carlson del Carnegie Institution di Washington in un incontro sulle origini del nostro satellite, il 23 settembre, alla Royal Society.

Origini della Luna - grande impatto

Credit: NASA/JPL-Caltech

La Luna è più giovane del previsto, probabilmente tra i 4.4 e 4.45 miliardi di anni e non 4.56 miliardi anni come ritenuto finora.
Questi, i risultati presentati dal professor Richard Carlson del Carnegie Institution di Washington in un incontro sulle origini del nostro satellite, il 23 settembre, alla Royal Society.

La "giovane età" della Luna implica un'origine da impatto di un corpo celeste con la Terra.

Gli scienziati da molto tempo cercano di studiare le rocce della crosta lunare per una datazione.
In passato, ottenere un'età precisa non era cosa facile ma quando la tecnologia è migliorata, le rocce lunari non sembrano avere 4.568 miliardi di anni, ossia l'età esatta dl nostro Sistema Solare, ma piuttosto tra i 4.36 e 4.45 miliardi di anni.
Per la Terra la datazione è ancora meno definita ma comunque tende ad essere inferiore ai 4.5 miliardi di anni.

I modelli attuali prevedono che i pianeti si sono formati abbastanza rapidamente dalla nebulosa planetaria, cioè in un paio di milioni di anni. Ad un tale ritmo gli urti violenti dovevano essere all'ordine del giorno: i planetesimi, cioè gli oggetti massicci pensati essere i precurcursori dei pianeti, dovevano avere a volte orbite caotiche e il riscaldamento causato dal decadimento di elementi radioattivi doveva provocare fusioni su larga scala.

Durante il processo di aggregazione e di fusione, il ferro si concentrava al centro dei planetesimi e la maggior parte degli elementi volatili si muovevano in una sorta di atmosfera. Quando la differenziazione chimica si verificava in un piccolo pianetino e la gravità non era sufficiente a trattenere l'atmosfera, allora questa sfuggiva nello spazio.
La Terra, ad esempio, è molto impoverita in elementi volatili rispetto alla composizione media del Sistema Solare, probabilmente perché è stata formata da planetesimi che avevano già perso le loro atmosfere.

Il Professore Carlson ha usato l'asteroide Vesta come esempio per spiegare l'approccio scientifico adottato per determinare l'età della Luna:
"Se si chiedesse 'quanti anni ha l'asteroide Vesta?' La risposta sarebbe 4.565 ± 0.001 miliardi di anni.
Gli scienziati possono affermare questo perché la fusione globale dell'asteroide Vesta, come dimostrato da un gruppo di meteoriti conosciuti come Eucriti, è accaduta così in fretta che l'età è stata congelata nelle rocce formatesi durante l'evento. Inoltre, non si sono verificati altri significativi fatti geologici da disturbare l'età registrata nelle rocce perché Vesta è troppo piccolo per trattenere calore interno sufficiente per un ulteriore fusione / vulcanismo.
Tuttavia, la stessa domanda riferita alla Terra o alla Luna non ottiene una risposta altrettanto precisa.
La Terra probabilmente ha avuto bisogno di più tempo per crescere fino alla dimensione completa rispetto ad un piccolo asteroide come Vesta ed ogni passo della sua crescita tende a cancellare, o almeno ad offuscare la memoria di eventi precedenti".

Confrontando le età planetarie in questo modo, gli scienziati hanno concluso che la formazione della Luna, che molti credono essere il risultato di un impatto molto grande con la proto-Terra, non si è verificata fino a circa 4.4 - 4.5 miliardi di anni fa. L'impatto gigante fissa l'età della Luna ma ripristinare anche la maggior parte della storia terrestre.

L'età più precisa della crosta lunare, formatasi probabilmente direttamente dall'oceano di magma durante la formazione del nostro satellite, è di 4.360 ± 0.003 miliardi anni.
Negli ultimi dieci anni, sulla Terra sono state trovate due aree la cui età si avvicina a questa data: una in Australia occidentale, l'altra lungo le rive della baia di Hudson in Canada. Quindi, esiste la possibilità che la crosta terrestre che stiamo vedendo ora risalga alla formazione della Luna, dopo il grande impatto

Il Professor Carlson sottolinea:
"Ci sono diverse importanti implicazioni in questa teoria sulla formazione della Luna tardiva, che non sono ancora state elaborate. Per esempio, se la Terra era già differenziata prima del gigantesco impatto, l'impatto avrebbe fatto perdere gran parte della sua atmosfera primordiale?"

Ma ad oggi, Molti scenari rimangono ancora aperti.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 10 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.