Giovedì 8 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Alla ricerca della cometa ISON tra le prime luci dell'alba

Svegliarsi presto la mattina potrebbe offrire un bel premio in cambio di qualche ora di sonno: la cometa ISON inizia ad essere visibile con telescopi amatoriali prima dell'alba.

Le ultime stime riportano magnitudine 13, abbastanza brillante per poter essere osservata con telescopi da 25 centimetri o più grandi.

Cometa ISON mappa

Credits: solarsystemscope.com

Svegliarsi presto la mattina potrebbe offrire un bel premio in cambio di qualche ora di sonno: la cometa ISON inizia ad essere visibile con telescopi amatoriali prima dell'alba.

Le ultime stime riportano magnitudine 13, abbastanza brillante per poter essere osservata con telescopi da 25 centimetri o più grandi.

Il 1 settembre, Alan Hale, che aveva contribuito alla scoperta della cometa Hale-Bopp, è stato il primo fortunato dall'Arizona, con il suo telescopio riflettore di 41 centimetri e, a seguire altre riprese sono giunte da altre parti del mondo.

Comet ISON - Sarneczky 31 Agosto

Credit: K. Sárneczky / Konkoly Observatory

Le osservazioni non sono ancora alla portata di tutti: bisogna disporre di un telescopio di almeno 25/30 centimetri ed avere condizioni ottimali di osservazione, preferibilmente in assenza di Luna.

Il momento migliore per osservarla è circa 2 ore prima dell'alba.
E' facile da localizzare: pochi gradi ad est di Marte e poco più a nord del cluster M44; viaggerà verso est nel mese di settembre.

Cometa ISON 3 settembre

Credit: universetoday.com / Stellarium

Cometa ISON - settembre

 Credit: http://www.astronomy.com/~/link.aspx?_id=b446faf9-163a-4e1c-ba64-94e1d432e284

Già a fine mese le osservazioni dovrebbero diventare un po' più semplici anche se ancora gli astronomi non si sbilanciano sul destino della ISON, che potrebbe diventare la "Cometa del Secolo" o scoppiare in mille pezzi al culmine del suo primo insidioso viaggio verso il Sole.

Alcune stime sulla sua luminosità e sopravvivenza non danno molte speranze: la ISON potrebbe avere un nucleo più piccolo e meno attivo del previsto che non promette nulla di eccezionale neppure al perielio.

Cometa ISON curveoflight

Fonte: skyandtelescope.com

In accordo con i dati riportati sul sito cometisonnews.com, il 30 agosto, a meno di 90 giorni dal perielio, la cometa ISON si trovava a 2,21 AU dal Sole (poco più di 330 milioni di chilometri).
In 10 giorni, tra il 20 agosto e il 30 agosto la cometa ha percorso una distanza di 0,161 AU e, in base ai calcoli aggiornati NASA, il perielio è previsto per il 28 novembre 2013 alle 18:47:08 UTC.

Nel frattempo, continuano le grandi osservazioni da parte delle sonde e dei telescopi spaziali.
Tra le recenti immagini rilasciate, prima di augurare "buona caccia" a tutti, mi vorrei soffermare su una recente ripresa del telescopio spaziale Hubble che ha suscitato un po' di scalpore in rete: la cometa ISON sembra divisa in tre parti!

telescopio spaziale Hubble: Comet ISON

In genere, Hubble ci ha abituati a foto mozzafiato, basta ricordare le recenti immagini rilasciate e il video timelapse della ISON, ma gli scatti raw, ossia gli scatti "grezzi", non sono così belli: non hanno colori perché ripresi con un solo filtro; presentano disturbi di raggi cosmici e rumore "di fondo". Niente a che vedere con l'immagine finale, sfrutto di una laboriosa elaborazione.

Le immagine finali di Hubble sono il risultato di scatti con esposizioni diverse.
Hubble è in orbita intorno alla Terra, così in realtà si muove nello spazio ad una velocità molto elevata.

Nella elaborazione di questa immagine, il team di Hubble ha allineato tutte le esposizioni in modo tale che le stelle appaiano fisse nello spazio. Questo, ne migliora notevolmente il dettaglio ma purtroppo, la cometa ISON (che è molto più vicino a Hubble di quanto non lo siano le stelle) appare in posizioni diverse per ciascuno scatto.

Le esposizioni sono almeno di 490 secondi, cioè abbastanza perché una luce in movimento crei una linea bianca e le strisce luminose sono orientate in direzioni diverse a causa dell'orbita ellittica di Hubble attorno alla Terra: a seconda di dove il telescopio si trova, in un dato momento, sull'ellisse, si crea una "striscia" in direzione diversa.

E quindi, ecco il risultato finale: nessuno scatto misterioso ma un'altra bellissima foto!

telescopio spaziale Hubble - cometa ISON

Credit: Credit: NASA, ESA, J.-Y. Li (Planetary Science Institute), and the Hubble Comet ISON Imaging Science Team / isoncampaign.org

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 8 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.