Martedì 27 Giugno 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Meteorite russo di Chelyabinsk: una collisione prima dell'impatto

Quale storia racconta il meteorite che ha solcato i cieli della Russia nella regione degli Urali il 15 febbraio scorso, esplodendo nei cieli di Chelyabinsk?

Prima di arrivare sulla Terra potrebbe essersi scontrato con un altro corpo del nostro Sistema Solare o potrebbe esser passato troppo vicino al Sole, in base a quanto annunciato oggi a Firenze, durante la conferenza Goldschmidt 2013.

Meteorite Chelyabinsk

Credit: Victor Sharygin

Quale storia racconta il meteorite che ha solcato i cieli della Russia nella regione degli Urali il 15 febbraio scorso, esplodendo nei cieli di Chelyabinsk?

Prima di arrivare sulla Terra potrebbe essersi scontrato con un altro corpo del nostro Sistema Solare o potrebbe esser passato troppo vicino al Sole, in base a quanto annunciato oggi a Firenze, durante la conferenza Goldschmidt 2013.

Un team di ricerca dell''Istituto di Geologia e Mineralogia (IGM) di Novosibirsk sta analizzando i frammenti del meteorite, tra i quali, il principale, era stato rinvenuto sul fondo del lago Chebarkul, vicino a Chelyabinsk.

Anche se tutti i frammenti sono composti dagli stessi minerali, la struttura e la consistenza di alcuni mostra che il meteorite ha subito un processo di fusione intensiva, prima di essere sottoposto a temperature elevate entrando nell'atmosfera terrestre.

"Il meteorite che impattò vicino a Chelyabinsk è un tipo conosciuto come un LL5 condrite ed è abbastanza comune che questi subiscano un processo di fusione prima di cadere a terra," spiega il dott. Victor Sharygin dell'IGM, che sta presentando la ricerca al convegno Goldschmidt.
"Questo significa quasi sicuramente che c'è stata una collisione tra il meteorite Chelyabinsk e un altro corpo del Sistema Solare o un passaggio vicino al Sole".

Sulla base del loro colore e la struttura, i ricercatori IGM hanno diviso i frammenti di meteorite in tre tipi: chiari, scuri ed intermedi.

I frammenti chiari sono i più comuni ma i frammenti scuri si trovano in numero crescente lungo la traiettoria del meteorite e più di tutti, vicino a dove il meteorite ha colpito la Terra.

I frammenti scuri includono una grande percentuale di materiale a grana fine e la loro struttura, consistenza e composizione minerale mostra che si sono formati da un processo di fusione molto intenso. Questo materiale è ben distinto e diverso dalla crosta di fusione che si forma, invece, quando un corpo entra in atmosfera terrestre.

"Tra i molti frammenti che stiamo analizzando, solo tre campioni scuri mostrano una forte evidenza di precedente metamorfismo e fusione", spiega Sharygin.

Il materiale a grana fine dei frammenti scuri differisce dagli altri campioni in quanto contiene comunemente bolle sferiche, incrostate con perfetti cristalli di ossidi, silicati e metalli o piene di metallo e solfuro.

Sorprendentemente, nella crosta di fusione i ricercatori hanno anche trovato piccole quantità minerali del gruppo del platino, la cui presenza è alquanto insolita perché la crosta si forma in un tempo troppo breve affinché tali elementi possano accumularsi.

"Elementi del gruppo del platino si presentano solitamente come oligoelementi minerali dispersi nel meteorite ma noi, li abbiamo trovati come un minerale di dimensioni nanometriche (100-200 nm) in un globulo di metallo-solfuro nella crosta di fusione del meteorite Chelyabinsk," spiega il Dott. Sharygin

Il team deve ancora concludere le analisi sul corpo principale e spera che queste possano far ulteriore luce sulla storia della roccia spaziale.

Fonte: http://www.sciencedaily.com/releases/2013/08/130826215605.htm
Traduzione ed adattamento a cura di Elisabetta Bonora

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
In cerca di una nuova occupazione, negli ultimi anni mi sono occupata di digital advertising, web e video analytics.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Giugno 2017
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 26 Giugno.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.