Sabato 10 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Alla scoperta di Europa: a quali domande dovrebbe rispondere una futura missione?

Quando nel 1610, Galileo puntò il suo telescopio verso Giove, vide quattro puntini luminosi, quattro satelliti galileiani, i maggiori tra i 67 oggi noti. Tra questi il più piccolo, era Europa.

Quasi tutto ciò che sappiamo su questa luna ghiacciata di Giove arriva dai dati di una dozzina di passaggi ravvicinati della sonda Voyager 2 della NASA nel 1979 e sonda Galileo sempre della NASA verso la fine degli anni '90.

 Giove: Europa

Credit: NASA/JPL-Caltech

Quando nel 1610, Galileo puntò il suo telescopio verso Giove, vide quattro puntini luminosi, quattro satelliti galileiani, i maggiori tra i 67 oggi noti. Tra questi il più piccolo, era Europa.

Quasi tutto ciò che sappiamo su questa luna ghiacciata di Giove arriva dai dati di una dozzina di passaggi ravvicinati della sonda Voyager 2 della NASA nel 1979 e dalla sonda Galileo, sempre della NASA, verso la fine degli anni '90.

La sua superficie è eccezionalmente liscia, con pochi crateri da impatto o altre caratteristiche.

Ha un diametro di 3.122 chilometri; una temperatura di -160 ° Celsius; una gravità pari allo 0,134 di quella terrestre.

Europa ha un'atmosfera molto sottile composta di ossigeno molecolare.

Find out about Europa, a watery moon of Jupiter, in this SPACE.com infographic.
Source SPACE.com: All about our solar system, outer space and exploration.

Tuttavia, benché le informazioni siano piuttosto scarse, la luna di Giove è un mondo ghiacciato allettante, con fratture superficiali che lasciano immaginare, sotto la crosta, un grande oceano di acqua liquida, profondo fino a 170 chilometri e un ambiente che potrebbe potenzialmente ospitare la vita.
Europa ha più acqua di tutta la Terra.

Ma quali domande dovrebbero avere una risposta prima di altre, se potessimo atterrare sulla superficie di questa luna?

"Se un giorno gli uomini invieranno un lander sulla superficie di Europa, dovranno sapere cosa cercare e quali strumenti deve portare con sé", spiega Robert Pappalardo del Jet Propulsion Laboratory della NASA, Pasadena, California, autore principale del nuovo studio pubblicato sulla rivista Astrobiology.
"C'è bisogno ancora di molta preparazione prima di poter atterrare su Europa ma studi come questo aiuteranno a concentrarci sulle tecnologie necessarie per arrivare la e sui dati indispensabili per scovare possibili luoghi di sbarco. Europa è il posto più probabile nel nostro Sistema Solare, oltre alla Terra, che può ospitare la vita oggi e una missione di sbarco sarebbe il modo migliore per la ricerca i segni di questa vita".

Il team che ha lavorato al documento, ha cercato di porsi domande sulla composizione e sulla geologia della luna:
Che cosa crea le lenticulae e le crepe rossastre che disegnano la superficie ghiacciata?
Che tipo di chimica sta avvenendo lì?
Ci sono molecole organiche e possibili mattoni della vita?

E poi ancora...

Come è attiva la superficie?
Quanto la luna è influenzata dalla gravità di Giove?
Che cosa ci dice questo circa l'acqua liquida sotto la superficie ghiacciata?

Le maree causate da Giove potrebbe essere responsabili del riscaldamento degli oceani di Europa, fornendo energia che potrebbe guidare un ecosistema di forme di vita aliene.

Come molte lune del Sistema Solare, Europa è in rotazione sincrona con il suo pianeta: un lato si affaccia in modo permanente a Giove, che è anche l'emisfero dove è stata rilevata la più alta concentrazione di perossido di idrogeno. Mentre Europa orbita, l'emisfero "trascinato" sviluppa crepe profonde probabilmente causate proprio dalle sollecitazioni di marea.

"Atterrare sulla superficie di Europa sarebbe un passo fondamentale nelle indagini astrobiologiche" ha dichiarato Chris McKay, senior editor della rivista Astrobiology, che ha sede presso NASA Ames Research Center, Moffett Field, in California.
"Questo documento descrive la scienza che potrebbe guidare una missione con un lander. La speranza è che i materiali di superficie, possibilmente vicino i caratteristici crack lineari, includino biomarcatori portati su dall'oceano".

Giove: Europa - possibile lander

Credit: NASA/JPL-Caltech

E mentre gli scienziati cercano di ottimizzare gli obiettivi per una possibile missione, un team di ingegneri britannici si sta appllicando sul lato pratico, mettendo a punto dei prototipi di proiettili perforanti per penetrare nella superficie ghiacciata della luna.

Lo scorso mese era stato annunciato il successo dei primi test.

Il proiettile elettronico è pensato per forare la superficie di almeno 3 metri, prelevando informazioni e dati.

Nel test, il penetratore è stato sparato su un blocco 10 tonnellata di ghiaccio a circa 340 metri al secondo.
Il blocco di ghiaccio era stato ridotto in un cono di neve gigante e quando il proiettile è stato sparato, gli strumenti elettronici all'interno della sonda sono rimasti intatti ed hanno continuato a funzionare come previsto, grazie ad un sistema ad hoc progettato per attutire il colpo.

L'obiettivo principale del proiettile perforante è determinare se esiste la vita su un altro pianeta o luna nel nostro Sistema Solare. Attualmente, la speranza è che possa essere utilizzato proprio su Europa.
Il proiettile verrebbe trasportato fino al punto di destinazione a bordo di una navicella spaziale tradizionale; poi verrebbe lanciato in orbita con un satellite. Al momento opportuno, il modulo penetratore, formato dal proiettile e da un sistema di propulsione autonomo, verrebbe espulso dal satellite: una volta raggiunta la posizione desiderata, il motore verrebbe rilasciato e il proiettile si lancerebbe a caduta verso la superficie target. A causa della sua elevata velocità, dovrebbe riuscire a penetrare diversi metri prima di fermarsi.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 8 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.