Giovedì 8 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Mercurio: cancellati 500 milioni di anni di storia

Mercurio, il pianeta del nostro Sistema Solare più vicino al Sole, svelato in questi anni ultimi anni dalla missione della NASA MESSEGER (MErcury Surface, Space ENvironment, GEochemistry, and Ranging), continua a riservare sorprese.

Secondo un nuovo studio la superficie che vediamo oggi sarebbe vecchia solo di 4 - 4,1 miliardi di anni, mentre le origini del pianeta dovrebbero risalire alla nascita del Sistema Solare: i primi 400 - 500 milioni di anni di storia sarebbero stati cancellati.

Mercurio

Credit: John Hopkins APL

Mercurio, il pianeta del nostro Sistema Solare più vicino al Sole, svelato in questi anni ultimi anni dalla missione della NASA MESSEGER (MErcury Surface, Space ENvironment, GEochemistry, and Ranging), continua a riservare sorprese.

Secondo un nuovo studio la superficie che vediamo oggi sarebbe vecchia solo di 4 - 4,1 miliardi di anni, mentre le origini del pianeta dovrebbero risalire alla nascita del Sistema Solare: i primi 400 - 500 milioni di anni di storia sarebbero stati cancellati.

La superficie di Mercurio è piuttosto complicata e già le prime immagini della Mariner 10 avevano mostrato lisce pianure e crateri dall'origine poco chiara: la loro datazione lo era ancor meno.

Così, un team guidato dal Dr. Simone Marchi, del NASA Lunar Science Institute, Southwest Research Institute - SwRI - Boulder, Colorado, in collaborazione con team della sonda MESSENGER, ha studiato la superficie del pianeta per capire come le colate laviche possano aver formato le pianure e come si possono esser distribuiti i materiali provenienti dai grandi bacini da impatto.

La squadra è partita proprio dai dati mappati dalla sonda MESSENGER durante il suo primo anno di missione.
Gli scienziati hanno poi integrato le informazioni in un modello, rielaborato ad hoc, originariamente sviluppato per confrontare la distribuzione dei crateri lunari con i campioni delle rocce raccolti durante le missioni Apollo.

"Uno dei principali risultati del programma Apollo è stato che quei dati ci hanno permesso di stabilire una connessione tra numero di crateri che sono stati osservati su alcuni terreni lunari e la loro vera età", ha detto Marchi. "In questo modo, abbiamo calibrato il modello e sappiamo quanti crateri devono esserci in funzione dell'età del terreno".

La simulazione mostra che per ogni cratere formato su una data superficie lunare in un anno, su una superficie simile di Mercurio se ne creano tre, nella stessa quantità di tempo.

"Mettendo a confronto i crateri misurati con il numero e la distribuzione spaziale dei bacini da impatto di grandi dimensioni presenti su Mercurio, abbiamo visto che hanno iniziato a formarsi all'incirca nello stesso momento, suggerendo una reimpostazione globale della superficie, probabilmente a causa del vulcanesimo", spiega Marchi.

Questi risultati implicano che i terreni più antichi presenti oggi su Mercurio risalgono Late Heavy Bombardment (LHB, intenso bombardamento tardivo) ossia al periodo in cui Terra, Luna, Marte e quindi anche Mercurio, sono stati pesantemente bombardati da asteroidi e comete.

Le zone più giovani risalirebbero invece a 3,6 - 3,8 miliardi di anni fa, ossia alla fine del Late Heavy Bombardment.

In questo arco di tempo la superficie del pianeta deve aver subito un rifacimento completo.

"Se la superficie più antica visibile oggi di Mercurio risale a 4 miliardi o a 4,1 miliardi di anni fa, potrebbe voler dire che i primi forse 500 milioni o 400 milioni di anni del pianeta sono stati cancellati", spiega Simone Marchi.
"Sono andati via. Non vi è alcuna traccia della superficie più antica di Mercurio, mentre ci aspettiamo che Mercurio si sia formato praticamente come la Terra o la Luna circa 4,5 miliardi di anni fa".

La causa di quanto vediamo oggi potrebbe essere stata un'intensa attività vulcanica nei primi anni di vita del pianeta. A sua volta, il vulcanesimo sarebbe stato incrementato dal bombardamento di asteroidi e comete avvenuto all'inizio della storia del nostro Sistema Solare.

La nuova dettagliata ricerca, "Global Resurfacing of Mercury 4.0-4.1 Billion Years Ago by Heavy Bombardment and Volcanism", è stata pubblicata sul numero del 4 luglio della rivista Nature.

Mercury is the closest planet to the sun and has a thin atmosphere, no air pressure and an extremely high temperature.
Source Space.com: All about our solar system, outer space and exploration

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 8 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.