Sabato 3 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Il piccolo e lontano pianeta extrasolare di TW Hydrae, un esopianeta che non dovrebbe esistere

Un team di ricercatori, grazie alle immagini del telescopio spaziale Hubble della NASA, potrebbe aver scoperto un pianeta extrasolare in formazione molto piccolo e molto distante dalla sua stella madre, la nana rossa TW Hydrae. Un pianeta che non dovrebbe esistere secondo gli attuali modelli.
La scoperta aggiunge, così, nuove importanti informazioni sulla grande varietà di sistemi planetari presenti nella nostra Galassia, mettendo in discussione le nostre conoscenze.

TW Hydrae - disco planetario

Credit: NASA, ESA, J. Debes (STScI), H. Jang-Condell (University of Wyoming), A. Weinberger (Carnegie Institution of Washington), A. Roberge (Goddard Space Flight Center), G. Schneider (University of Arizona/Steward Observatory), and A. Feild (STScI/AURA)

Un team di ricercatori, grazie alle immagini del telescopio spaziale Hubble della NASA, potrebbe aver scoperto un pianeta extrasolare in formazione molto piccolo e molto distante dalla sua stella madre, la nana rossa TW Hydrae. Un pianeta che non dovrebbe esistere secondo gli attuali modelli.
La scoperta aggiunge, così, nuove importanti informazioni sulla grande varietà di sistemi planetari presenti nella nostra Galassia, mettendo in discussione le nostre conoscenze.

Il documento è stato pubblicato sulla rivista Astrophysical Journal.

Grazie alle osservazioni con la Near Infrared Camera e il Multi-Object Spectrometer (NICMOS) a bordo del telescopio Hubble, gli astronomi hanno identificato il solitario pianeta extrasolare in formazione a ben 12 milioni di chilometri dalla sua stella, circa il doppio della distanza Sole - Plutone, una scoperta che sfida attuali conoscenze e teorie sulla formazione di pianeti.

Tra i quasi 900 pianeti extrasolari che sono stati confermati fino ad oggi, questo è il primo a trovarsi così lontano dal suo sole, una nana rossa a 176 anni luce di distanza dalla Terra, nella costellazione del Hydra.

Le immagini del Hubble hanno rivelato una sorta di vuoto, "gap", ossia una fascia in cui le polveri sono assenti, di circa 3 milioni di chilometri, all'interno del disco protoplanetario, di circa 66 milioni di chilometri, di gas e polveri che ruotano intorno a TW Hydrae. E' proprio l'assenza di materiale in questa zona che testimonierebbe la nascita di un nuovo pianeta che, anche se invisibile, avrebbe spazzolato e raccolto materiale attirandolo a sé con la sua forza gravitazionale.

Dalle dimensioni del gap, se ne deduce che il pianeta dovrebbe essere relativamente piccolo, dalle 6 alle 28 masse terrestre, mentre a causa della grande distanza dalla stella, la sua orbita dovrebbe essere molto lenta ed ampia.
La formazione, quindi, sarebbe avvenuta in moltissimi anni.

E' proprio quest'ultimo aspetto a lasciar perplessi gli astronomi: Giove si è formato in 10 milioni di anni, mentre, secondo le stime, a questo pianeta ne servirebbero 200 volte di più.
Ma TW Hydrae ha un'età di circa 8 milioni di anni e, con una massa pari appena al 55% di quella del nostro Sole, l'esistenza del piccolo e lontano pianeta diventa sempre più improbabile.

Tuttavia, un'altra teoria sulla formazione planetaria suggerisce che il disco di polveri e gas possa diventare instabile in una zona, collassando su sé stesso. In questo scenario il pianeta potrebbe formarsi più rapidamente, in poche migliaia di anni.

Ma il mistero rimane: il disco protoplanetario di TW Hydrae mancherebbe di accumuli di materiale abbastanza grandi nelle sue regioni più esterne.
In base alle osservazioni del Atacama Large Millimeter Array in Cile, oltre i 8,8 milioni di chilometri dalla stella, quindi poco prima del gap, non esisterebbero neppure grani di polvere grandi come la sabbia.

Notizia segnalata da: PIANETABLUNEWS

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 1 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.