Mercoledì 7 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Composizione della Luna: molto materiale potrebbe arrivare dallo spazio

Il 17 marzo 2013, un oggetto delle dimensioni di un piccolo masso aveva colpito la superficie lunare nel Mare Imbrium. L'impatto aveva creato un lampo di luce che, per circa un secondo, aveva illuminato il sito facendolo brillare come una stella di magnitudine 4.

Ora, secondo un nuovo documento, il venticinque per cento dei crateri lunari potrebbe aver incorporato i resti dei meteoriti che li hanno generati: questo risultato, se fosse corretto, riaprirebbe nuovamente il dibattito sulla composizione del nostro satellite.

Luna - Tycho Crater

Credit: NASA/Goddard Space Flight Center/Arizona State University

Il 17 marzo 2013, un oggetto delle dimensioni di un piccolo masso aveva colpito la superficie lunare nel Mare Imbrium. L'impatto aveva creato un lampo di luce che, per circa un secondo, aveva illuminato il sito facendolo brillare come una stella di magnitudine 4.

Ora, secondo un nuovo documento, il venticinque per cento dei crateri lunari potrebbe aver incorporato i resti dei meteoriti che li hanno generati: questo risultato, se fosse corretto, riaprirebbe nuovamente il dibattito sulla composizione del nostro satellite.

"Gli studi futuri sulla composizione della Luna dovranno confermare che le rocce in superficie provengono realmente dalla Luna e non sono invece state consegnate da impatti, soprattutto per quanto riguarda i minerali insoliti o esotici", ha dichiarato il co-autore dello studio Jay Melosh della Purdue University.

Melosh e i suoi colleghi, guidati da Zhong Yue della Purdue e della Chinese Academy of Sciences' Institute of Remote Sensing Applications di Pechino, hanno usato modelli computerizzati per simulare la formazione dei crateri lunari.

Hanno determinato così, che un quarto degli impatti avviene ad una velocità di 43.130 chilometri orari, o poco meno, ossia molto velocemente ma non abbastanza da causare la distruzione della roccia spaziale che colpisce la superficie.

Altre simulazioni indicano che a tali velocità di impatto, poco materiale viene vaporizzato e la maggior parte viene scagliato contro le pareti del cratere in formazione. Se il cratere è ampio almeno 20 chilometri, i resti dell'urto tendono ad accumularsi in un picco centrale, mentre il fondo del cratere si abbassa sotto la gravità lunare.

I nuovi risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Geoscience il 26 maggio e potrebbero spiegare la formazione di materiali esotici, come spinelli e olivine, o di crateri tipo il Copernico il Tycho (in foto).

Spinelli e olivine sono comuni in molti asteroidi, così questi materiali potrebbero non essere indigeni della Luna come supposto finora.

Le simulazioni del team presentano anche altri risvolti interessanti: alcuni materiali dalla Terra, a seguito di colossali impatti, potrebbero aver raggiunto la Luna a basse velocità.

"Ciò solleva la possibilità di trovare materiale della Terra primordiale, espulso da collisioni miliardi di anni fa, in depositi massicci sulla Luna, e suggerisce un'altra spiegazione per gli spinelli: potrebbero essere depositi derivati ​​dal mantello superiore della Terra, accumulatesi tempo fa sulla Luna e rielaborati" spiega Erik Asphaug dell'Arizona State University.

"Ancora più provocatoria è l'ipotesi che potremmo trovare un giorno materiali protobiologici della Terra, non più reperibili sul nostro pianeta geologicamente attivo e ripetutamente riciclato: potrebbero essere stati conservati al fresco nella soffitta lunare", aggiunge Asphaug.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 7 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.