Sabato 3 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Resti di un'antica supernova trovati in un meteorite

Ecco un vero caso di archeologia spaziale: cercando tra i granelli di polvere portati a Terra dai meteoriti, gli scienziati sono in grado di studiare l'Universo che esisteva ancora prima della formazione del nostro Sistema Solare.
Questa tecnica consente di ottenere informazioni che altrimenti non potrebbero essere rilevate con la tradizionale ricerca astronomica.

Supernova - Cassiopea A

Credit: NASA/JPL-Caltech/ O.Krause (Steward Observatory)

Ecco un vero caso di archeologia spaziale: cercando tra i granelli di polvere portati a Terra dai meteoriti, gli scienziati sono in grado di studiare l'Universo che esisteva ancora prima della formazione del nostro Sistema Solare.
Questa tecnica consente di ottenere informazioni che altrimenti non potrebbero essere rilevate con la tradizionale ricerca astronomica.

Un team della Washington University di St. Louis, con il supporto del McDonnell Center for the Space Sciences, ha scoperto minuscoli granelli di silicie (SiO2, l'elemento predominante nella sabbia) in meteoriti primitivi.

Questa scoperta è sorprendente perché la silice non è uno dei minerali che dovrebbe condensare nell'atmosfera delle stelle.

Della silice era già stata rilevata in passato ma dalla sua composizione isotopica, si pensava provenisse da stelle AGB (Asymptotic Giant Branch), giganti rosse che si espandono fino ad enormi dimensioni e alla fine della loro vita vengono spogliate della massa dai forti venti stellari.

I grani trovati, invece, provengono probabilmente dal collasso di una supernova, ossia da una stella massiccia esplosa al termine della sua esistenza.
Anche se sono stati rinvenuti in meteoriti diversi, i ricercatori ritengono che siano originati dalla stessa supernova: forse la supernova da cui si formò il nostro Sistema Solare.

Lo studio verrà pubblicato sul numero del 1 maggio della rivista Astrophysical Journal Letters.

Fino al 1960 gli scienziati pensavano che l'ambiente da cui si creò il nostro Sistema Solare fosse troppo caldo affinché i materiali potessero sopravvivere fino a noi.
Ma nel 1987 un gruppo di ricerca dell'Università di Chicago scoprì minuscoli diamanti primitivi in un antico meteorite.

Gli scienziati possono affermare che questi elementi provengono da vecchie stelle, analizzando le loro forme isotopiche.
Stelle diverse producono diverse proporzioni di isotopi ma il materiale da cui si è formato il nostro Sistema Solare era ben miscelato, così tutti i pianeti e il Sole hanno la stessa firma isotopica.

I meteoriti, che generalmente sono frammenti di asteroidi, presentano gli stessi isotopi del nostro Sistema Solare ma al loro interno hanno catturato anche altri campioni.

Il primo grano di silice in un meteorite venne scoperto da Christine Floss, ricercatore presso l'Università di St. Louis e, Frank Stadermann, nel 2009.

Pierre Haenecour, principale autore del nuovo documento, collaborò con Floss e trovò 138 grani di materiale primordiale in un meteorite rinvenuto in Antartide: uno di loro era silice arricchita da ossigeno-18, proveniente dal collasso di una supernova o di una gigante rossa.

Supernova

Credit: Wikipedia

Prima dell'esplosione, la supernova può essere considerata una cipolla gigante, fatta da strati concentrici dominati da diversi elementi. Alcune teorie ipotizzano che la silice potesse essere un prodotto ricco di ossigeno dei strati più vicini al nucleo ma se così fosse, secondo Haenecour, allora i grani dovevano essere arricchiti da ossigeno-16 e non ossigeno-18. Così il ricercatore ha teorizzato che la silice, con quelle caratteristiche, potesse essere riprodotta da piccole quantità di materiale delle zone interne ricche di ossigeno e un po' di ossigeno-18 arricchito di elio e di carbonio proveniente dalla grande sacca di idrogeno che circonda la supernova.

Teorie a parte, è fantastico pensare come in pochi granelli di sabbia siano contenute informazioni epocali, su una storia ancora sconosciuta.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 1 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.