Giovedì 8 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Nel 2014 una cometa potrebbe colpire Marte

Non c'è che dire, a livello astronomico questo 2013 è iniziato in maniera piuttosto movimentata, tra asteroidi e comete!

Dopo il passaggio di 2012 DA14, l'inaspettato meteorite russo, l'annunacio della "Cometa del Secolo" ISON (C/2012 S1) e della prossima C/2011 L4 (PANSTARRS) che forse potremmo vedere ad occhio nudo, ecco che sul sito universetoday.com viene annunciato un altro importante evento.

Simulation of the close approach of C/2013 A1 to Mars in Celestia using the latest MPC elements

Credit: Ian Musgrave/Astroblog

Non c'è che dire, a livello astronomico questo 2013 è iniziato in maniera piuttosto movimentata, tra asteroidi e comete!

Dopo il passaggio di 2012 DA14, l'inaspettato meteorite russo, l'annunacio della "Cometa del Secolo" ISON (C/2012 S1) e della prossima C/2011 L4 (PANSTARRS) che forse potremmo vedere ad occhio nudo, ecco che sul sito universetoday.com viene annunciato un altro importante evento: c'è una remota possibilità che una cometa scoperta da poco collida con Marte nel mese di ottobre 2014.
Gli astronomi ne stanno ancora determinando l'esatta traiettoria.

Denominata C/2013 A1 (Siding Spring) arriverà per lo meno abbastanza vicino al Pianeta Rosso, di questo ne siamo già certi. Anche se non ci sarà un impatto, si potrà vedere abbastanza bene da Terra ma sarà spettacolare da Marte, dove probabilmente potrà essere osservata con una magnitudine di -4.

La cometa è stata scoperta ad inizio 2013 dal cercatore di comete Robert McNaught al Siding Spring Observatory in New South Wales, Australia.

In base a quanto riportato in un forum di astronìmia amatoriale, non appena è stata individuata, gli astronomi del Catalina Sky Survey in Arizona hanno ricontrollato le loro osservazioni precedenti, trovando una prima immagini risalente all'8 dicembre 2012. Grazie a questi ultimi dati, sarebbe stata aggiornata la traiettoria e risulterebbe che la cometa sarebbe in collisione con Marte il 19 ottobre 2014.

Tuttavia, oggi dopo 74 giorni di osservazione da parte degli specialisti, i calcoli propenderebbero per un massimo avvicinamento su Marte di 109.200 km (0.00073 AU). Se così fosse potrebbe essere un'occasione unica: magari i rover in superficie o le sonde in orbita potrebbero avere un punto di vista privilegiato.

Ma il periodo di osservazione è ancora troppo breve per prevedere la posizione precisa nel giro di 20 mesi: la cometa C/2013 A1 potrebbe passare ad una distanza di sicurezza di 0.008 AU ma allo stesso modo il suo flyby potrebbe coincidere con l'orbita di Marte.

Comunque vadano le cose, dato che è una cometa iperbolica e si sposta in un'orbita retrograda, la sua velocità rispetto al pianeta sarà molto elevata: viaggerà a circa 56 chilometri al secondo.

Con la stima attuale la magnitudine assoluta del nucleo sarebbe M2=10.3, che indicherebbe un diametro fino a 50 km, per un'energia di impatto equivalente a 2×1010 megatoni!

Un impatto di questa portata potrebbe lasciare un cratere di 500 chilometri di diametro e 2 chilometri di profondità. Forse allora, potrebbe non essere un buon giorno per Marte, per i rover e le sonde e per chi sogna di poter organizzare una missione umana.

Gli astronomi continueranno a tenere d'occhio questa cometa e a migliorne le simulazioni.
E' comunque possibile seguire i parametri orbitali dal sito del JPL, Solar System Dynamics.

Aggiornamento
La cometa 2013 A1 (Siding Spring) avrà sicuramente un incontro ravvicinato con Marte ad ottobre 2014.
Ieri, 5 marzo 2013, sul sito NASA è stato pubblicato un articolo in merito all'ultima traiettoria calcolata dall'Earth Object Program Office del NASA Jet Propulsion Laboratory a Pasadena, California.
Le stime attuali, basate sulle recenti osservazioni, prevedono un flyby a 300.000 chilometri da Marte ma Siding Spring potrebbe passare molto più vicino.

Cometa 2013 A1 (Siding Spring)

Credit: NASA/JPL-Caltech 

I calcoli verranno affinati ulteriormente e, benchè la possibilità di un impatto non può essere esclusa, attualmente è meno di uno su seicento. Vista da Marte raggiungerà probabilmente una magnitudine pari a 0 o superiore.

Il video che segue, invece, si basa sulle precedenti stime calcolate da Leonid Elenin che valutavano un passaggio a 58.000 chilometri dalla superficie del Pianeta Rosso.

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 8 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.