Sabato 3 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Io tracking: le eruzioni vulcaniche della luna di Giove su lungo periodo

Io vista a diverse lunghezze d'onda nel vicino infrarosso. I punti luminosi sono le emissioni termiche dovute ai vulcani.
Io vista a diverse lunghezze d'onda nel vicino infrarosso. I punti luminosi sono le emissioni termiche dovute ai vulcani. Crediti: Katherine de Kleer and Imke de Pater, UC Berkeley

Utilizzando l'ottica adattiva di due grandi telescopi terrestri, il Keck II da 10 metri ed in Gemini Nord da 8 metri, entrambi situati nei pressi della vetta del Maunakea nelle Hawaii, gli astronomi dell'Università della California hanno osservato 48 vulcani sulla superficie della luna di Giove, Io, tra agosto 2013 e la fine del 2015.

"Abbiamo potuto vedere una mezza dozzina o poco più di punti caldi per notte", ha detto Katherine de Kleer che ha guidato la ricerca.
Grazie alle ottiche adattive, in grado di passare l'atmosfera terrestre rendendo le immagini nitide, il team è riuscito a vedere il calore generato dalle eruzioni vulcaniche nonché il raffreddamento delle colate laviche. Ciò ha permesso di determinare la temperatura e la potenza delle singole eruzioni.
"Il vulcanismo di Io è molto più estremo di qualsiasi altra cosa abbiamo sulla Terra e continua a stupirci ed a confonderci", ha detto Kleer.

L'intensa attività vulcanica di Io è generata dal calore prodotto dall'attrito dovuto alle forze di marea esercitate da Giove.
I modelli indicano che l'attività vulcanica maggiore si dovrebbe sviluppare principalmente ai poli o all'equatore con una simmetria tra gli emisferi avanti e dietro rispetto al pianeta (la luna orbita, infatti, in rotazione sincrona attorno a Giove). Ma questo non è ciò che è emerso dallo studio. Su oltre 100 notti di osservazioni, un numero sorprendente di brevi ma intense eruzioni sono apparse improvvisamente e sparite nell'arco di pochi giorni sulla faccia posteriore di Io e a latitudini più elevate rispetto a quelle previste.
"Le osservazioni future ci diranno se questa divergenza è dovuta alla dimensione del campione troppo piccola, o ai modelli sono troppo semplificati", ha commentato Kleer.

Gli hot spot da agosto 2013 a dicembre 2015 riportati su una mappa completa di Io.

Gli hot spot da agosto 2013 a dicembre 2015 riportati su una mappa completa di Io.
Ogni cerchio rappresenta un nuovo rilevamento; la dimensione del cerchio corrisponde logaritmicamente all'intensità e le regioni più scure sono dove un punto caldo è stato rilevato più volte.
Crediti: Katherine de Kleer and Imke de Pater, UC Berkeley

Loki Patera, una zona che si illumina di un fattore 10 ogni 1-2 anni, era uno degli obiettivi chiave delle osservazioni.
Molti scienziati ritengono che si tratti di una depressione vulcanica in cui si forma una densa crosta di lava sopra un lago di lava, che affonda episodicamente, generando una potente emissione termica più volte rilevata da Terra. Infatti, le sue emissioni di calore sembrano viaggiare in tutto il lago durante ogni evento, come da un'onda in movimento. Prima del 2002, l'andamento appariva in senso anti-orario ma dopo una pausa fino al 2009, il movimento è divento orario.
Un altro vulcano, Kurdalagon Patera, ha prodotto eruzioni insolitamente calde per due volte nella primavera del 2015.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 1 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.