Sabato 10 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Intorno a Tau Ceti forse orbitano 5 pianeti, uno nella fascia abitabile a soli 12 anni luce dalla Terra

Tau Ceti, la stella simile al nostro Sole a soli 12 anni luce dalla Terra, da sempre stata al centro della fantascienza, da Asimov a Star Trek, ospiterebbe cinque pianeti di cui uno in grado di sostenere la vita come la conosciamo.

Il pianeta individuato sembra orbitare nella cosiddetta fascia abitabile, ossia ad una distanza dalla sua stella tale per cui potrebbe esistere acqua allo stato liquido sulla sua superficie.

Tau Ceti - pianeta extrasolare

Credit: J. Pinfield for the RoPACS network at the University of Hertfordshire, 2012

Tau Ceti, la stella simile al nostro Sole a soli 12 anni luce dalla Terra, da sempre stata al centro della fantascienza, da Asimov a Star Trek, ospiterebbe cinque pianeti di cui uno in grado di sostenere la vita come la conosciamo.

Il pianeta individuato sembra orbitare nella cosiddetta fascia abitabile, ossia ad una distanza dalla sua stella tale per cui potrebbe esistere acqua allo stato liquido sulla sua superficie.

Con una massa pari a 4,3 volte quella terrestre, questo pianeta sarebbe anche il più piccolo mai individuato nella zona abitabile di una stella tipo il Sole.

"Questa scoperta è in linea con la nostra visione recente che quasi ogni stella ha pianeti e che la galassia deve averne molti potenzialmente abitabili delle dimensioni della Terra", ha detto il co-autore dello studio Steve Vogt dell'University of California a Santa Cruz, in un comunicato. "Sono praticamente ovunque".

I cinque pianeti candidati sono tutti relativamente piccoli, con masse minime da 2 a 6,6 volte quella terrestre.

Il possibile mondo abitabile, HD 10700e, compie un'orbita intorno a Tau Ceti ogni 168 giorni ma è improbabile che sia un pianeta roccioso come la Terra hanno detto i ricercatori.
"Potrebbe essere un mondo d'acqua ma al momento nessuno lo sa", ha specificato l'autore dello studio Mikko Tuomi, dell'University of Hertfordshire in Inghilterra.

Tau Ceti è leggermente più piccola e meno luminosa del nostro Sole. Si trova a circa 12 anni luce nella costellazione Cetus (Balena) ed è visibile ad occhio nudo nel cielo notturno.
Gli astronomi hanno cercato a lungo pianeti alieni nel suo sistema ma solo con le nuove tecniche, i ricercatori sono stati in grado di isolare cinque segnali positivi per possibili corpi planetari, tra una montagna di rumore di fondo.

Tuomi e il suo team hanno analizzato oltre 6.000 osservazioni di Tau Ceti effettuate con tre diversi spettrografi, rilevando le piccole oscillazioni gravitazionali che i corpi in orbita inducono sulla loro stella madre.
Hanno utilizzato il High Accuracy Radial velocity Planet Searcher (HARPS) sul telescopio European Southern Observatory (ESO) di 3,6 metri a La Sila in Cile; l'University College London Echelle Spectrograph (UCLES) sull'Anglo-Australian Telescope a Siding Spring, Australia e il High Resolution Echelle Spectrometer, o HIRES, di 10 metri sul Keck Telescope a Mauna Kea nelle Hawaii.

Aggiungendo nuovi metodi di elaborazione, il team è riuscito ad individuare cinque segnali tra il rumore prodotto dall'attività stellare e da altri fattori.

I cinque pianeti rimangono però, ancora, solo dei possibili candidati, fino a quando ulteriori osservazioni non li confermeranno ufficialmente.

"Sono molto fiducioso che tre segnali siano davvero li ma non posso essere così sicuro che siano di origine planetaria o siano alcuni artefatti di un modello insufficiente per il rumore o attività stellare e/o cicli magnetici a questo stadio", ha detto Tuomi riferendosi ai potenziali pianeti con periodo orbitale da 14,35 a 94 giorni.

"La situazione è ancora peggiore per il possibile candidato nella zona abitabile perché l'esistenza stessa di tale segnale è incerta ma secondo i nostri criteri di riconoscimento il segnale c'è e non si può escludere la possibilità che si tratti proprio di un'origine planetaria".

Se questi pianeti saranno confermati, la loro vicinanza li renderebbe un target sicuro per i prossimi studi ma il primato del pianeta extrasolare più vicino, spetterebbe ancora a Alpha Centauri Bb, recentemente individuato a soli 4,3 anni luce da noi.

Il nuovo studio è stato pubblicato sulla rivista Astronomy & Astrophysics.

Condividi e resta aggiornato!

Alive Universe


Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 10 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.