Sabato 3 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

"Lunga vita e prosperità" da 40 Eridiani

La zona abitabile attorno al Sole ed attorno a Eridiani 40: Vulcano dovrebbe trovarsi sul bordo inferno di tale fascia, in un punto in cui la vita è possibile ma il paesaggio è desertico.
La zona abitabile attorno al Sole ed attorno a Eridiani 40: Vulcano dovrebbe trovarsi sul bordo inferno di tale fascia, in un punto in cui la vita è possibile ma il paesaggio è desertico.

Settore 001, quadrante Alpha: qui orbita il pianeta Vulcano, patria del mitico signor Spock della serie "Star Trek". Il sistema che lo ospita si trova a soli 16,5 anni luce dalla Terra e la sua stella principale, 40 Eridani, può essere individuata ad occhio nudo nel cielo notturno.

Il pianeta di per sé non è ancora stato individuato e per ora rimane solo frutto della fantasia visionaria di Gene Roddenberry, il famoso sceneggiatore e produttore statunitense che ideo Star Trek. Ma il sistema stellare che lo ospita è molto reale e si chiama 40 Eridani.
E' formato da tre stelle: Eridani A, la più massiccia, che sarebbe il Sole visto nel cielo di Vulcano, è una nana arancione di classe spettrale K1 e luminosità V,; Eridiani C, una nana rossa, e Eridiani B una nana bianca orbitano a braccetto una attorno all'altra, a notevole distanza da Eridani A.

Fu lo stesso Roddenberry insieme a tre scienziati del Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics a riconoscere in 40 Eridiani il sistema di Vulcano. In un articolo apparso su Sky & Telescope del 1991 i quattro avevano dichiarato:

This year we celebrate the 25th anniversary of the launch of two important enterprises. One is the HK Project at Mount Wilson Observatory, where astronomers have been monitoring surface magnetic activity on 100 solar-type stars to understand our own Sun's magnetic history. The other is the starship Enterprise on the television series "Star Trek."
Surprisingly, the two have more in common than their silver anniversaries.
One of the TV show's main characters, Mr Spock, hails from the planet Vulcan. The star around which Vulcan orbits was never identified in the original series or in any of the feature films based on it and so has never been officially established. But two candidates have been suggested in related literature, and both stars have been studied by the HK project.
"Star Trek 2" by James Blish (Bantam, 1968) and "Star Trek Maps" by Jeff Maynard and others (Bantam, 1980) name the star 40 Eridani as Vulcan's sun. "The Star Trek Spaceflight Chronology" by Stan and Fred Goldstein (Pocket, 1980) cites Epsilon Eridani instead.
We prefer the identification of 40 Eridani as Vulcan's sun because of what we have learned about both stars at Mount Wilson. The HK Project takes its name from the violet H and K lines of calcium, both sensitive tracers of stellar magnetism. It turns out that the average level of magnetic activity inferred from the H and K absorptions relates to a star's age; young stars tend to be more active than old ones (Sky & Telescope: December 1990, page 589). The HK observations suggest that 40 Eridani is 4 billion years old, about the same age as the Sun. In contrast, Epsilon Eridani is barely 1 billion years old.
Based on the history of life on Earth, life on any planet around Epsilon Eridani would not have had time to evolve beyond the level of bacteria. On the other hand, an intelligent civilization could have evolved over the aeons on a planet circling 40 Eridani. So the latter is the more likely Vulcan sun.
In that case, Mr Spock's daytime star is a 4.4-magnitude multiple system about 16 light-years from Earth. Presumably Vulcan orbits the primary star, an orange main-sequence dwarf of spectral type K1. Data from the HK Project reveal that it has a starspot cycle of roughly 11 years, just like the Sun. (Diagram here of 40 Eridani's starspot cycle, showing that the latest peak in starspot activity was in 1989.)
Two companion stars--a 9th-magnitude white dwarf and an 11th-magnitude red dwarf--orbit each other about 400 astronomical units from the primary. They would gleam brilliantly in the Vulcan sky with apparent magnitudes -8 and -6, respectively.

[Quest'anno celebriamo il 25° anniversario del lancio di due importanti progetti. Uno è il HK Project al Mount Wilson Observatory, dove gli astronomi hanno monitorato l'attività magnetica della superficie di oltre 100 stelle come il sole per comprendere la storia magnetica del nostro Sole. L'altro è l'Enterprise nella serie tv "Star Trek".

Sorprendentemente, i due hanno in comune più dei loro anniversari.
Uno dei personaggi principali dello show, il signor Spock, proviene dal pianeta Vulcano. La stella intorno a cui orbita Vulcano non è mai stata identificata nella serie originale o in uno dei film, per cui non è mai stata ufficialmente stabilita ma sono stati suggeriti due candidati, entrambi studiati dal progetto HK.
In "Star Trek 2" di James Blish ed "Star Trek Maps" di Jeff Maynard ed altri, viene citata Eridiani 40 come Sole di Vulcano. "The Star Trek Spaceflight Chronology" di Stan e Fred Goldstein invece citano Epsilon Eridani.
Noi preferiamo 40 Eridiani come sole di Vulcano a seguito di quello che abbiamo scoperto su entrambe le stelle a Monte Wilson. Il progetto HK prende il nome dalle linee H e K del calcio, due tracciati sensibili del magnetismo stellare. Il livello medio di attività magnetica desumibile dall'assorbimento HK si riferisce all'età della stella; le giovani stelle tendono ad essere più attive di quelle vecchie. Le osservazioni HK suggeriscono che 40 Eridiani ha 4 miliardi di anni, circa la stessa erà del Sole. Al contrario, Epsilon Eridani ha appena un miliardo di anni.
Basandosi sulla storia della vita sulla Terra, un pianeta attorno ad Epsilon Eridiani non avrebbe avuto il tempo di evolvere se non a livello di batteri, mentre una civiltà intelligente avrebbe potuto evolversi nel corso delle ere su un pianeta attorno a 40 Eridiani. Così quest'ultima è più probabile come sole di Vulcano.
Presumibilmente Vulcano orbita attorno alla stella primaria, una nana arancione di tipo spettrale K1. I dati del progetto HK rivelano che ha un ciclo di macchie solari di circa 11 anni, proprio come il Sole.
Le due stelle compagne, una nana bianca di magnitudine 9 ed una nana rossa di magnitudine 11 orbitano una attorno all'altra a circa 400 Unità Astronomiche dalla primaria. E brillerebbero nel cielo di Vulcano con magnitudini apparenti di -8 e -6 rispettivamente.]


SALLIE BALIUNAS
ROBERT DONAHUE
GEORGE NASSIOPOULOS
Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics
Cambridge, MA
GENE RODDENBERRY
Paramount Pictures Corp.
Los Angeles, CA

Eridiani A è brillante nel cielo di Vulcano e grande approssimativamente come il nostro Sole.
Vulcano deve orbitare attorno alla stella a una distanza di 0,56 Unità Astronomiche (euivalenti ad un orbita nel nel nostro Sistema Solare tra Mercurio e Venere). Eridiani B e C, invece, sono troppo lontane per apparire come dei soli nel cielo del pianeta ma sono piuttosto dei puntini luminosi. Eridiani B sembrerebbe una stella bianco-argento di magnitudine -7.4 (circa 16 volte più luminosa di Venere per noi terrestri); Eridiani C sarebbe una stella rosso sangue di magnitudine -6.3 (circa 6 volte più luminosa di Venere). Naturalmente sarebbero visibili anche nel cielo diurno.

Ma se ci fosse davvero un pianeta come Vulcano nel sistema 40 Eridiani, saremo in grado di vederlo?
Non ancora. "Ma la NASA sta lavorando sulla tecnologia per rendere ciò possibile", ha detto Karl Stapelfeldt, capo scienziato dell'Exoplanet Exploration Program della NASA.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 1 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.