Sabato 10 Dicembre 2016
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

La superficie di Mercurio: più come un mantello che come una crosta

La superficie di Mercurio: più come un mantello che come una crosta
Crediti: NASA

La superficie di Mercurio è molto eterogenea e ricorda più la composizione di un mantello che quella di una crosta planetaria, dicono gli scienziati, dopo aver ricreato in laboratorio le condizioni che potrebbero aver prodotto la variegata quantità di materiali presenti sul pianeta.

La recente missione della NASA MESSENGER, che si è conclusa il 30 aprile 2015, ha dimostrato che la superficie di Mercurio è tutt'altro che monotona. Tuttavia, puù essere classificata in due regioni principali: la pianure vulcaniche del Nord (NVP - Northern Volcanic Plains), relativamente giovani, di età compresa tra 3,7 e 3,8 miliardi di anni e le pianure tra i crateri ed i terreni fortemente craterizzati (IcP-HCT), di età compresa tra i 4 ed i 4,2 miliardi di anni. Le regioni più antiche contengono caratteristiche particolari e quasi inspiegabili, come una grande macchia di magnesio di 10 milioni di chilometri quadrati che occupa circa il 15% della superficie del pianeta.

Ora, un team di scienziati della NASA, guidato da Asmaa Boujibar, ha sottoposto le condriti enstatiti (E), un tipo di meteorite raro ed insolito che ha una composizione simile a Mercurio e con esso ha in comune anche un alto contenuto di zolfo, a diverse pressioni e temperature elevate. Il risultato è stato che, variando questi valori intorno ai livelli presenti vicino al cuore del pianeta, al confine tra il nucleo ed il mantello, una sola sostanza è riuscita produrre una gamma variegata di materiali simili a quelli visti sulla superficie del pianeta. Ciò indica che i materiali più vecchi si sono formati da fusione ad alte pressioni e temperature al confine con il nucleo, mentre i terreni più giovani sono nati vicino alla superficie.

Tuttavia, trovare rocce formate così in profondità sulla crosta, per Mercurio non è così strano come sembra.
Il suo nucleo, infatti, si trova a soli circa 400 chilometri sotto la superficie e costituisce circa 80 per centro del raggio del pianeta (per questo ci sono alcune teorie secondo le quali Mercurio una volta era molto più grande ed i suoi strati esterni furono strappati via dalle violenti collisioni nel Sistema Solare primordiale).

I risultati sono stati presentati alla Goldschmidt Conference, tenutasi a Yokohama, in Giappone.

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Dal 2009 elaboro le immagini raw delle missioni spaziali insieme a Marco Faccin ed ho creato questo blog ad agosto 2012, in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte.
Per lavoro mi occupo di digital advertising, web e video analytics presso Shiny (SV – Italia) ma passo la maggior parte del tempo libero su questo sito e tra i cataloghi delle foto scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

Sito web: https://twitter.com/EliBonora
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I nostri articoli sono anche su Coelum Astronomia!

GRATIS E DIGITALE: leggilo ora!

Immagine del giorno

Mission log

AstroAppuntamenti

Dicembre 2016
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Dal nostro album di Flickr

Meteo spaziale

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Aggiornato al 10 Dicembre.

Sole e Luna

Attività solare - Credit: SDO/HMI / spaceweather.com

Buchi coronali - Credit: SDO/AIA / spaceweather.com

SOHO LASCO C2 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Credit ESA/NASA SOHO/LASCO

Aurora - emisfero nord - Credit: NOAA/Ovation

Aurora - emisfero sud - Credit: NOAA/Ovation

CURRENT MOON

Aggregatore notizie RSS - BlogItalia - La directory italiana dei blog - - Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog - Segnala a Zazoom - Blog Directory - intopic.it

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.